Fabbro Seyfriedsberger · Row360

Il vogatore austriaco Christoph Sifriedsberger è morto tragicamente venerdì 6si Gennaio. È rimasto ferito a morte in un incidente in bicicletta mentre era in campo a Sabaudia, in Italia. Il 26enne stava pedalando con i suoi compagni di squadra quando un automobilista in arrivo ha perso il controllo e si è schiantato contro Seyfriedsberger.

immagine Christoph Sifriedsberger
credito Zack Franzen

La Federazione austriaca di canottaggio ha dichiarato in un comunicato: “La famiglia del canottaggio è sotto shock per il tragico e indicibile incidente e vuole che sia rispettata la privacy dei parenti. Gli atleti e i supervisori vengono trattati psicologicamente”. Il sindacato ha descritto Seyfriedsberger come un modello, un uomo d’azione e una persona simpatica che “lascia un vuoto profondo che non può essere colmato”.

Seifriedsberger ha fatto il suo debutto internazionale ai Campionati del mondo di canottaggio junior 2012 a Plovdiv, in Bulgaria. Fu l’inizio di una lunga collaborazione di canottaggio con Ferdinand Kouerfeld, un duo che apparve in numerosi doppi e nel quattro austriaco. Hanno vinto una medaglia di bronzo mondiale juniores nel 2014, sono stati finalisti ai Giochi Olimpici della Gioventù e hanno vinto medaglie d’oro e di bronzo U23 prima di gareggiare insieme al college negli Stati Uniti.

Querfeld ha postato su Instagram: “Due giorni fa ho perso una delle persone più importanti della mia vita”. “Christophe era mio fratello, il mio compagno di canottaggio e un ottimo amico. Era lì quando ho fatto i miei primi colpi in barca a remi ed era lì quando ho corso l’ultima gara. Era lì tutti i momenti felici, tristi e importanti in tra. Era forte e gentile e uno dei ragazzi più intelligenti che abbia mai conosciuto. Lasci un vuoto Sei così importante nella mia vita e mi manchi così tanto. Sarai nel mio cuore per sempre. Ti vogliamo bene Christophe.”

Seyfriedsberger e Kuerfeld hanno perso le qualificazioni a Tokyo 2020 quando il loro quartetto maschile è arrivato quarto nel 2021 Globalismo Regata alla finale di qualificazione della finale di canottaggio olimpico a Lucerna, in Svizzera. “Prima della gara decisiva di Lucerna, un atleta dopo l’altro si è ritirato per malattia – un disastro. Christophe alla fine ha ripreso. Tipico di Christophe: nonostante la malattia, ha dato la sua migliore prestazione”, ha detto ORV.

La morte di Seyfriedsberger ha raggiunto la dinastia del canottaggio internazionale. Laureato in economia politica presso l’Università della California, Berkeley, Seyfriedsberger ha raggiunto il Cal varsity eight il suo primo anno, nel 2017. The Crew è rimasto imbattuto nella stagione regolare e ha vinto una medaglia d’argento al torneo Pac-12 e il quarto posto al Campionato Nazionale IRA. Nel 2018, Seifriedsberger ha ottenuto nuovamente un ottavo posto e un terzo posto ai Nazionali.

L’allenatore della Cal Scott Frandsen ha dichiarato in una nota volgarità cal. “I miei pensieri vanno alla sua famiglia e agli oltre 100 studenti-atleti che si sono allenati e hanno corso con Christophe. È stato un leader fantastico nella nostra squadra e ha dato un esempio di impegno, duro lavoro, compassione ed essere lì per ascoltare e sostieni i tuoi compagni di squadra.

Al momento della sua morte, Seyfriedsberger ha mantenuto le sue ambizioni olimpiche. Il suo obiettivo era qualificarsi per le Olimpiadi di Parigi del 2024.

“Sono così orgoglioso di poter far parte del tuo viaggio!” Borsista pubblicato e medaglia di Tokyo 2020 Maddalena Lubnig su instagram. “Kristoff, a noi @austrianrowing team manchi terribilmente, ma ora è il momento di salutare un atleta eccezionale, un compagno di squadra ma soprattutto un meraviglioso essere umano. Ci incontreremo di nuovo un giorno, da qualche parte… ma non ora… no Non vediamo l’ora di incontrarti di nuovo!”

tiro

READ  ami la pasta? Ecco come un viaggio romantico in Italia può conquistarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.