Euro a dollaro: Intesa italiana aggiorna le previsioni

Immagine © Immagini Adobe

Una nuova analisi dell’italiana Intesa Sanpaolo mostra che i tassi di interesse più alti del previsto presso la Banca centrale europea dovrebbero mantenere l’euro forte contro il dollaro.

Intesa Sanpaolo ha scritto ai clienti di aver aumentato le aspettative per i livelli dei tassi di interesse chiave della BCE in risposta a un rilascio di dati migliore del previsto, suggerendo che la recessione della zona euro sarà meno profonda di quanto previsto in precedenza.

Ciò segnala un aggiornamento delle previsioni sul tasso di cambio euro/dollaro della banca nei prossimi mesi.

In una precedente analisi pubblicata a settembre, l’economista di Intesa Sanpaolo Asmara Jamale scriveva che la crescita potrebbe subire una significativa debolezza nelle fasi finali dell’anno, con un rallentamento previsto in calo tra il quarto trimestre del 2022 e il primo trimestre del 2023.

Ma, «in effetti, i dati sono generalmente sorprendenti al rialzo, in molti casi (soprattutto con le rilevazioni mensili) delineando un inatteso miglioramento rispetto ai peggiori segnali emersi a ottobre», dice Jamaleh.

I PMI di novembre hanno superato le aspettative, sebbene siano stati coerenti con un significativo rallentamento.

“L’area dell’euro dovrebbe ancora subire un rallentamento tecnico tra il 4° trimestre 2022 e il 1° trimestre 2023, ma questo dovrebbe rivelarsi un rallentamento più lieve di quanto previsto fino a poche settimane fa”, afferma Jamaleh.



“L’implicazione principale di questa revisione positiva dello scenario di crescita dell’area dell’euro è che dà alla BCE la libertà di aumentare ulteriormente i tassi, se necessario, sulla base dell’evoluzione del quadro dell’inflazione”, afferma Jamaleh.

Pertanto, Intesa Sanpaolo rivede le proprie previsioni sui tassi Bce, che dovrebbero essere rialzati di 50 punti base nella prossima riunione del 15 dicembre, e di un importo analogo a febbraio e marzo.

READ  A selection of the best players to snap up on FIFA Ultimate Team

Per quanto riguarda il tasso di cambio, Jamal ha previsto a settembre che il declino a lungo termine stava raggiungendo un punto di inflessione e si sarebbe concluso nelle prossime settimane.

“Le indicazioni che una tendenza potrebbe essere al ribasso possono essere tratte dai livelli dei tassi di cambio e dal livello delle posizioni speculative… Come indicatore di base tracciato, la tendenza al ribasso sta per finire”, ha detto all’epoca.

L’euro è sceso immediatamente a $ 0,9534 il 28 settembre e ha raggiunto il picco di $ 1,06 il 5 dicembre.


EURUSD

Sopra: EUR/USD su base settimanale. Imposta qui un avviso di tasso FX gratuito per ottimizzare le tue esigenze di pagamento.


L’arretramento del dollaro è visto da Intesa come il principale driver dell’inversione e della ripresa dell’euro-dollaro nei mesi di ottobre e novembre.

Le aspettative che la Federal Reserve allenterà la pressione sull’acceleratore del rialzo dei tassi, così come il sentimento più favorevole degli investitori globali, stanno contribuendo al recente ritiro del dollaro.

Ma guardando al futuro, i mercati stanno esponendo il rischio di nuove ondate di crescente avversione al rischio, afferma Jamaleh.

Questi possono apparire da:

(IO) Dinamiche fluttuanti dell’avversione al rischio
(ii) È vero che è in corso una recessione
(iii) Un alto livello di incertezza che circonda il ciclo globale è inevitabile dopo un doppio shock di natura del tutto straordinaria rappresentato dalla pandemia e dalla guerra.

Sebbene il tasso di cambio euro-dollaro abbia raggiunto l’inizio di un’inversione ciclica, la portata dell’inversione dovrebbe rivelarsi limitata, afferma Intesa Sanpaolo.

Inoltre, “all’orizzonte 1m-3m, è ancora possibile una regressione parziale”, afferma Jamaleh.

Intesa Sanpaolo rivede le previsioni al rialzo per il cambio euro-dollaro a 1,03, 1,07, 1,10 e 1,12 con orizzonti a 1m, 3m, 6m e 12m.

READ  Società fiduciaria italiana per indagare sui termini di proprietà di McDonald's

Per settembre, la banca ha previsto 0,92, 0,93, 1,00 e 1,05 con orizzonti di 1m, 3m, 6m e 12m. (Se desideri proteggere o aumentare il tuo budget per i pagamenti internazionali, puoi prendere in considerazione l’idea di salvare la tariffa odierna per un uso futuro o impostare un ordine quando raggiungi la tua tariffa migliore e trovi maggiori informazioni. Qui.)

Un evento chiave da tenere d’occhio è la pubblicazione dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti il ​​13 dicembre, quando un inatteso aumento dei prezzi potrebbe vedere il dollaro quasi sopravvalutato.

La decisione di rialzo dei tassi della Federal Reserve cade il 14 dicembre, fornendo un’altra congiuntura critica per l’euro-dollaro.

È previsto un aumento di 50 punti base, ma una migliore guida e previsioni per futuri aumenti dei tassi avranno un impatto maggiore: la notizia che i tassi aumenteranno significativamente più di quanto previsto in precedenza stimolerà i guadagni del dollaro.

La BCE si riunisce il 15 dicembre, dove è previsto un aumento di 50 punti base.

Ancora una volta, qui vengono calcolate le linee guida man mano che vengono rilasciate nuove previsioni di crescita e inflazione.

“Se le previsioni di inflazione rimarranno al di sopra del 2% nel 2024 e le previsioni di crescita confermeranno la prospettiva di un percorso più ripido degli aumenti dei tassi della BCE, invece di una profonda recessione, l’euro dovrebbe trarne vantaggio”, afferma Jamaleh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.