Esplorando la regione italiana del Salento – The New York Times

“Vai in una città interna oggi”, consiglia il corpulento fruttivendolo mentre mi porge Baratere, Un misto di melone e cetriolo originario della Puglia, la regione che forma il tacco a spillo della calzatura italiana. “La sabbia soffierà oggi sulle coste e non potrai vedere i bei colori del mare”.

Vento e mare sono argomenti di costante discussione in Puglia. Che sia lo Scirocco, il torrente caldo del deserto, o la TramontanaE il Fresche nuvole alpine (per non parlare di Poniente o Levante), il modo in cui soffia il vento determina a quale spiaggia andrai e come pianificare la giornata. Baristi, venditori ambulanti e proprietari di negozi sono pronti a pensare a quale sia in effetti e il modo migliore per navigare nei suoi flussi.

Stasera a Lecce la Tramontana è protagonista e l’effetto è quello di un ventilatore che soffia a media velocità in una serata calma e calda. Le porte delle case che si affacciano sulla strada lontano dalla nuvola principale più tirata si aprono lentamente dopo un lungo pisolino pomeridiano, e i non addomesticati appendono i vestiti chiacchierando con vicini e passanti.

Mi sono unito alla passeggiata serale conosciuta come la passeggiata, mescolandomi a visitatori italiani e stranieri e fermandomi in alcune delle numerose chiese della città (ce ne sono più di 40 in totale) lungo il percorso. Con architettura e belle arti in abbondanza, la città appare al meglio in queste ultime ore prima del tramonto, apparentemente illuminata da una luce dorata dall’interno. È il calcare del Salento, la regione più meridionale di questa regione più meridionale, dove le rocce sono morbide e gentili per gli scultori, fornendo i mattoni per l’architettura qui. Carparo, mazzaro, pietra leccese, tufo – ogni pietra presenta un aspetto leggermente diverso. Le sculture portano le facciate alla vita cinematografica: cherubini, leoni e grifoni si contendono il ruolo centrale, poiché i generi religiosi più venerabili come angeli e santi sembrano tentare di domare il loro arco, con scarso effetto.

Dopo aver navigato nella mia chiesa, trovo la strada per raggiungerla Guardia del salone 1933Bar in stile moderno con cocktail artigianali, barbuti barbuti e mobili spaiati. Tappeti antichi si trovano sotto le poltrone in pelle degli anni ’20 e vecchie fotografie incorniciate sono appese alle pareti. Ma ciò che lo distingue da un ambiente simile, diciamo, a New York o Londra, è che si trova di fronte alla Chiesa di San Niccolò Dei Greci, un esempio compatto e ancora intatto di architettura ecclesiastica bizantina in città. Trovare una nuova generazione di centri per l’ospitalità e il tempo libero a pochi passi (e talvolta all’interno) di alcuni dei monumenti storici e dei centri cittadini della regione è una tendenza in tutta la Puglia, ma soprattutto qui nel Salento.

Sebbene collegata via terra al resto del Paese, la regione si presenta come un’isola, con il Mar Ionio a ovest e il Mar Adriatico a est. A Santa Maria di Luca, l’estremità della Terra nell’Italia sud-orientale, i due specchi d’acqua si incontrano.

Questa parte del paese subì numerose invasioni e le fortezze sparse lungo la costa costituirono la linea di difesa contro i musulmani, i normanni, i turchi e gli spagnoli che qui controllarono per un breve periodo a volte. Ora è una conquista gentile, una nuova generazione di hotel, ristoranti, bar e stabilimenti balneari, aperta da stranieri che sono tentati dal territorio, pugliesi che cercano di mettere la loro regione sulla mappa e italiani di altre parti del paese che desiderano creare uno nuovo. La vita vicino al mare.

Uno dei primi albergatori a prendere l’iniziativa è stata Athena McAlpine, che si è trasferita qui nel 2002 dopo aver vissuto a Londra per molti anni. Lei e suo marito, Alistair, hanno aperto Convento de Santa Maria de Costantinopoli a Marittima de Disu, e la conversione del convento e delle celle dei monaci di un ex convento francescano in un ritiro unico con una collezione di arte e antiquariato da vedere (il doppio da € 432 o circa $ 440). Creato da Rob Potters, dall’Australia Masseria Trapanese Dopo aver visitato la zona della Toscana dove ha lavorato come consulente alberghiero. Ha fatto rivivere un edificio abbandonato appena a nord di Lecce che non era stato abitato per 200 anni in un resort di lusso pieno di luce (doppia da € 290).

L’ex CEO di PepsiCo Massimo Fasanella D’Amore di Ruvano e la partner Diana Bianchi hanno ristrutturato in quattro anni il castello inutilizzato di 900 anni della sua famiglia, svelando affreschi del XVII secolo e aggiungendo una nuova scuola culinaria all’avanguardia a Castillo de Eugento Nella città omonima nella parte meridionale della penisola (doppia da 400 euro).

Poi sono arrivate anche le celebrità: Helen Mirren possiede una casa a Tegiano vicino a Tricas, Meryl Streep possiede una proprietà sulla costa e Gerard Depardieu ha un asciugamano a Lecce.

“Il mio partner Steve Risley ha letto del Salento e mi ha trascinato”, ha detto Harvey Brown, un nuovo arrivato nel gioco degli hotel. “Penso che ci sia qualcosa nell’aria qui, un’energia che ci fa venire voglia di diventare creativi”. Il duo è stato appena aperto Castello dell’Elvira Una proprietà di 37 acri fuori Trepuzzi vicino a Lecce, con castello, Masseria (una fattoria in pietra), casolare, vecchia torre, ristorante e bar, che funge anche da atelier del signor Brown – è anche un artista (doppia da € 299).

Cosa c’è di così allettante nel Salento, mi chiedo quando giro per la penisola a fine giugno, poco dopo che ci è stato dato il permesso di far cadere le nostre mascherine epidemiche in Italia. Innanzitutto c’è il mare meraviglioso, con alcune delle spiagge e dei porti più belli di tutta Italia. Un sabato mattina mi sono diretto a Castro Marina, uno dei porticcioli rocciosi più suggestivi che punteggiano la costa adriatica. Ho unito corpi di tutte le forme e dimensioni lungo il molo e i massi che forniscono trampolini naturali per un tuffo nelle piscine turchesi color smeraldo.

READ  Un pop-up bar italiano mobile in arrivo a Tampa

Dopo essermi rinfrescato, faccio un leccese (espresso e latte di mandorla ghiacciato) da Ilios, un piccolo bar vicino ai pescherecci, poi uno spuntino in stile street food da il Friggitoria Porto Vecchio. Un altro giorno in cui mi sono incontrato con gli amici com, Uno stabilimento balneare a conduzione familiare nei pressi dei Laghi Alimini, una riserva naturale a nord di Otranto, dove un paio di lagune circondate da pinete e piante autoctone sono a pochi passi dal mare. Il club offre sedie a sdraio e ombrelloni, nonché pesce alla griglia appena pescato e vino locale croccante.

In un’altra giornata di sole, questa volta sulla costa occidentale vicino a Gallipoli, osservo le coppie con i tacchi che ordinano le bottiglie di francacorta (la risposta italiana allo champagne) mentre espongono i loro costumi da bagno Gucci e Missoni da Punta Suina J Beach Club. Per tutta la settimana controllo gli stabilimenti balneari, uno più originale dell’altro: Punta Prosciutto, Torre San Giovanni, Porto Selvaggio.

Lontano dalla costa, guido attraverso la campagna dai muri di pietra e gli ulivi storti attraverso campi di erba alta e dorata e fiori di campo, il calore che sembra aumentare attraverso una lente macchiata. Tengo la finestra aperta per inalare il profumo dei fichi maturi al sole tutt’intorno a me. Puoi trascorrere una settimana vagando per un percorso dedicato solo a chiese e cattedrali.

A Galatina, a circa 10 miglia a sud-est di Lecce, la periferia sembra poco promettente, ma appena parcheggio e mi dirigo verso il centro, scopro una bellissima cittadina dai colori dorati con l’insolita chiesa di Santa Caterina de Lysandria del XIV secolo e splendidi affreschi . (La città ospita anche il pasticciotto, un pasticcino ripieno di crema pasticcera, e le panetterie con graziose insegne Art Déco sembrano uscite da un set cinematografico.) Sbircio qualche palazzo fatiscente ma signorile in vendita, prima di dirigermi verso il vicino paese di Nardò dove le chiese proliferano in tutte le direzioni, alle spalle di palazzi barocchi.

Ho visitato Otranto in quasi tutti i viaggi in Puglia. La città protetta dall’UNESCO, a circa mezz’ora di auto a sud di Lecce, è uno dei miei luoghi preferiti del Salento, dove la magnifica cattedrale del XII secolo e il suo pavimento a mosaico rappresentano l'”Albero della Vita”. Potrei passare ore a guardare le immagini con le loro creature mitiche e scene bibliche. È anche un ottimo posto per sedersi in una calda giornata di cottura. Fuori, ci vuole un momento perché i miei occhi si adattino al sole splendente. Seguo le mura della città bagnate dal sale e guardo una piccola partita di calcio su una spiaggetta vicino ai bastioni; I ragazzi festeggiano ogni gol immergendosi nel mare, saltando dagli scogli con il coraggio di Francesco Totti, ex stella del calcio della Roma. È un momento di gioia sfrenata.

READ  Assapora i capolavori dell'ultimo gioiello di Relais & Chateaux, Il San Corrado di Noto | Viaggiare

Ieri sera ho incontrato Athena McAlpine, la proprietaria del mio hotel, a cena a Tricas Porto, il porto fuori dal capoluogo. La nostra prima tappa è barra di Minami La gente del posto sorseggia Aperols mentre il DJ del basso sposta le sedie quasi sotto di noi. Da lì si prosegue verso il vicino Caffè d’Oltremare, nuovo arrivo al porto. Qui la Grecia incontra il Salento, e in egual misura si versano ouzo e vini locali.

Guardando intorno al porto e alla gente, ho pensato che questo fosse il luogo perfetto per vedere il nuovo Salento uscire dal vecchio e notare i turisti che si mescolano alla gente del posto.

“Un modo per pensarci è avere nuovi bambini che entrano nell’edificio insieme agli spazi tradizionali e consolidati”, dice. “A Porto hai il nuovo ristorante Taverna del Porto Reinterpretando i piatti classici in chiave nuova, moderna, ma ci sono anche Bolina e Anime Sante, locali vecchi di decenni. C’è posto per tutti”.

Successivamente, ci siamo diretti a Tricase, la città stessa, probabilmente la più bella del Salento, e uno dei principali centri di seconde case della zona. fermarsi a G&Co che ha vinto per tre anni consecutivi il premio Tre Coni assegnato alla migliore gelateria del Paese dalla guida gastronomica Gambero Rosso. Nonostante la notte fonda, la gente si accalca a Pisanelli, la piazza principale. in Farmacia Balboa 20 persone per lo più turisti stranieri che bevono cocktail artigianali mentre i bambini corrono per la piazza con abbandono. Ed è forse questa la componente principale della trasformazione del Salento, la gioia in tante forme.

E chi non ne ha bisogno adesso?

Un’auto a noleggio è essenziale per esplorare il Salento. Puoi sceglierne uno in uno degli aeroporti pugliesi come l’Aeroporto Karol Wojtyla, a Bari, o l’Aeroporto Babola Casale a Brindisi. C’è anche un servizio ferroviario ad alta velocità tra Roma e Lecce che impiega circa tre ore. 

Puoi aprire un negozio a Lecce e fare gite di un giorno da lì o soggiornare in altre città del Salento. a Lecce, Vermontina Una collezione di edifici storici accuratamente reinventati e trasformati in un boutique hotel (doppia da € 320). Oltre agli hotel di cui sopra, fuori Lecce, le opzioni includono il 19° secolo Palazzo Danieli A Gagliano del Capo ricco di arte contemporanea e vicino ad alcune delle spiagge più cool del Salento (doppie da € 423), mentre Palazzo Presta A Gallipoli 10 vani nel centro storico della città (doppie da 200).

File aperto Castillo de Totino Un buon esempio della rinascita delle antiche rovine della zona: questo castello del XV secolo alla periferia di Tricase ora serve bevande e cene, oltre ad ospitare concerti dalla tradizionale pizza locale al jazz.

Ondine Cohen collabora regolarmente con Times Travel e coautrice di “Always Italy” del National Geographic con Frances Mays.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.