Emmanuel Criales su Identity e il suo nuovo film ‘l’immensità – Deadline

Emmanuel Criales ha dato una performance stellare alla Mostra del Cinema di Venezia domenica, durante la quale ha discusso di come la sua identità abbia informato il suo rivale del Leone d’Oro. Limitata.

“L’ispirazione è stata nella mia infanzia e la mia storia viene trasmessa e reinterpretata”, ha detto Kirialis di questo film. Ho cercato di trovare una buona spiegazione in esso. Non volevo che fosse autoreferenziale. Non voglio parlare solo di me. Come cerco di fare con ogni film che faccio, cerco in qualche modo di rappresentare i temi a cui tengo davvero in un modo più ampio come l’immigrazione. Migrazione dell’anima. Questo significa passare da uno stato all’altro”.

Kiriales ha aggiunto che tiene profondamente ai temi del film, che ha detto di aver “interpretato in modo autobiografico”.

Ambientato nella Roma degli anni ’70, il film segue la storia della famiglia Borgetti, che si è appena trasferita in uno dei tanti condomini di nuova costruzione della città. Nonostante le splendide e ampie vedute della città dal loro appartamento al piano di sopra, la famiglia non è più così vicina come una volta. Clara (Penelope Cruz) e Phyllis non sono più innamorate ma non riescono a lasciarsi. Clara trova rifugio dalla sua solitudine nel rifugio delle proprie relazioni con i suoi tre figli. La maggiore, Adriana, una bambina sconosciuta nel loro nuovo quartiere, si atteggia deliberatamente al figlio del ragazzo del quartiere, spingendo il legame familiare verso un punto di rottura.

Il film è stato prodotto da Mario Gianni e Lorenzo Gangarosa per Fremantle Wildside con Dimitri Rassam per il secondo atto. Warner Bros. Italia è anche co-produttore e distribuzione del film in Italia. France 3 Cinema e Pathé coproducono anche in Francia. Gli sceneggiatori sono Crialese, Francesca Magnieri e Vittorio Moroni.

READ  La figlia di Noor Jehan, Hina Durrani, festeggia il suo compleanno a Etlai

Kryalis, che in precedenza aveva diretto RespiroAlla domanda sulle sfumature della sua identità durante la conferenza stampa, che ha vinto il Gran Premio alla Settimana della Critica di Cannes, ha risposto: “Penso che la parte migliore dell’essere uomo sia essere una donna. Non vedo davvero la differenza per dall’essere in un mondo o nell’altro.” Disse: “Io sono quello che sono e tengo in me entrambi i poli”.

In seguito ha aggiunto: “Non sarò mai un altro uomo. Sono nato biologicamente come donna. Ma ciò non significa che non abbia una personalità femminile”.

Cruz recita al fianco di Luana Giuliani, Vincenzo Amato, Patrizio Francioni e Maria Chiara Gorretti nel film. Durante la stampa, a Cruise è stato chiesto del suo ruolo di madre nel film e della sua tendenza ad apparire come personaggio madre nel corso della sua carriera.

“Ho interpretato molte madri. Anche quando ero molto giovane con Pedro, ho fatto sette film e in cinque interpreto una madre e lui mi ha sempre visto come una madre e non credo sia una coincidenza. ” lei disse.

“Ho un istinto materno molto forte. Sono davvero affascinata da ciò che accade all’interno di ogni famiglia. Le cose accadono ovunque. Cose diverse ma tutte meravigliose. Ogni film che faccio può essere girato attorno a una famiglia”.

Cruz parla anche italiano nel film, una lingua che ha detto di aver imparato per fortuna.

“Quando avevo 18 o 19 anni ho aderito a progetti italiani, quindi ho imparato l’italiano. Mi sono sempre piaciute le lingue straniere. Mi piace sempre studiare dialetti diversi. Questa è la vera passione che ho”, ha detto. “Più lavoro più imparo e aiuta molto quando devi comunicare con altre persone. Mi sento molto fortunato a poter lavorare in lingue straniere”.

READ  Asma WarnerMedia Thomas Ciampa Direttore Regionale Italia, Spagna e Portogallo - The Hollywood Reporter

Verso la fine del giornalista, Coriales ha parlato a lungo della sua infanzia e crescita dopo che gli è stato chiesto come l’arte lo abbia aiutato a superare le sue trasformazioni personali.

“Non decidiamo di intraprendere un viaggio come il mio. Sei nato in questo modo. Non ho ricordi di essere visto in modo diverso da come sono ora. Non c’è scelta in questa materia”, ha detto Kyriales in risposta. “Sei entrato in il mondo come sei. Quindi la scelta è continuare a credere in te stesso e nel tuo viaggio o morire. Ora ci sono alternative, quindi quando parliamo di scelta, è così che intendo la scelta”.

Limita Doveva debuttare al Lido domenica.

Venezia va dal 31 agosto al 10 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.