Edinburgh Rugby: evita la sindrome della seconda stagione e sfrutta al massimo un viaggio in anticipo in Sud Africa

L’attaccante scozzese Sam Skinner si è unito all’Edinburgh dagli Exeter Chiefs. (Foto: Craig Williamson – SNS)

Blair ha alzato l’asticella nella moda del rugby e ci sono state ricompense tangibili sotto forma della Coppa del 1872 e dello Scudetto italo-scozzese, quest’ultimo che ha assicurato al club il posto in Coppa dei Campioni in questa stagione.

Sebbene non siano riusciti a ottenere importanti riconoscimenti, c’era nuovo ottimismo sugli Edimburgo che si stabilirono rapidamente nella loro nuova casa nella zona di difesa di Murrayfield. La superficie sintetica del DAM Health è progettata per il rugby veloce ed emozionante, ma Blair sa che i rivali saranno preparati meglio questa volta mentre si sforza di migliorare fino al settimo posto la scorsa stagione nello United Rugby.

Si è assicurato un posto nelle qualificazioni quando l’Edinburgh ha perso nei quarti di finale a Cape Town contro gli Stormers, l’eventuale vincitore dell’URC inaugurale.

L’allenatore di Edimburgo Mike Blair e il capitano Grant Gilchrist con lo Scudetto italo-scozzese e la Coppa del 1872 dopo aver battuto Glasgow. (Foto di Ross Parker/Gruppo SNS)

Anche i quarti di finale sono stati il ​​massimo in Europa, con gli Hornets che li hanno battuti al DAM Health nella Challenge Cup. Edimburgo ha brillato nella fase a gironi, vincendo nel proprio girone su Saracens, London Irish, Brave e Bow. La squadra di Blair si sta dirigendo verso l’Elite Champions Cup in questa stagione mentre Sarri attende ancora una volta, insieme a Castries, le due squadre che sono arrivate seconde nelle finali di inglese e francese la scorsa stagione.

Leggi di più

Leggi di più

Glasgow ed Edimburgo – Confermato il programma delle partite di calcio del 1872…

Blair ha lavorato duramente per costruire uno spirito di squadra a Edimburgo che è scemato in qualche modo durante i giorni calanti del suo predecessore Richard Cockrell.

Ha rinnovato con successo la sua squadra difensiva per la nuova stagione con Michael Todd che si è unito ai Queensland Reds come allenatore della difesa. Todd, 32 anni, sostituisce Callum McRae che si è trasferito in Italia per assumere un ruolo in Benetton.

Il fatturato del casting è rimasto relativamente basso. Il terzino scozzese Magnus Bradbury è partito per i Bristol Bears e l’esterno argentino Ramiro Moyano è stato rilasciato a sorpresa dopo un’impressionante prima stagione al club.

L’età di Moyano – che ha compiuto 32 anni a maggio – potrebbe aver contato contro di lui e Blair ha cercato di colmare il vuoto reclutando l’ex nazionale neozelandese Under 20 Wes Goosen dagli Hurricanes. Josen, nato in Sud Africa, ha sei anni in meno di Moyano e può anche giocare all’aperto.

Altre reclute degne di nota includono l’attaccante scozzese Sam Skinner, che può giocare nella seconda e nelle ultime file, e il supporto di Nick Outerack.

Edimburgo ha anche assegnato un contratto accademico al tanto apprezzato Liam McConnell, l’ultima fila dei Boroughmuir Bears che hanno abbandonato la scuola a maggio e si sono presto uniti alla squadra scozzese Under 20 per il Summer Six Nations.

Il successo dell’Edinburgh la scorsa stagione è stato costruito su un ottimo inizio di stagione, soprattutto in casa. Il loro programma sembra più difficile questa volta. Hanno iniziato con una partita casalinga contro i Dragons il 17 settembre, ma poi si sono diretti in Sud Africa per affrontare i Bulls e gli Stormers prima di tornare a casa per ospitare i Lions.

Anche se non è mai facile vincere in terra straniera, Edimburgo è stata una delle poche squadre a vincere in Sud Africa la scorsa stagione e probabilmente affronterà avversari che hanno perso contro gli Springboks per il campionato di rugby.

Un primo test per la squadra di Blair, ma si divertiranno.

READ  La star del tennis Camila Giorgi regala ai fan un capodanno divertente con foto di lingerie rivelatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.