Ecco la foto più grande che JWST ha scattato finora

Un team di scienziati che utilizza il James Webb Space Telescope ha rilasciato la più grande immagine mai scattata dal telescopio. L’immagine è un mosaico di 690 singoli fotogrammi ripresi con la camera nel vicino infrarosso del telescopio (NIRCam) e copre un’area di cielo otto volte più grande di La prima immagine in campo profondo di JWST è stata rilasciata il 12 luglio. Ed è semplicemente pieno di incredibili galassie primitive, molte delle quali non sono mai state viste prima. Inoltre, il team potrebbe aver ripreso una delle galassie più distanti osservate finora.

Questa immagine è un mosaico di 690 singoli fotogrammi presi con la Near Infrared Camera (NIRCam) sul telescopio spaziale James Webb. Credito: NASA/STScI/CEERS/TACC/S. Finkelstein/M. Bagley / Z. Levi.

Scienziati da Indagine sulla pubblicazione scientifica della prima evoluzione cosmica (CEERS) Collaborazione, ha detto Mosaic da una macchia di cielo vicino al manico dell’Orsa Maggiore. Le immagini sono state scattate come parte delle prime osservazioni del team CEERS, che sta lavorando per dimostrare che JWST può essere utilizzato in modo efficiente per condurre indagini extragalattiche, anche mentre il telescopio sta effettuando altre osservazioni.

“Questa è la prima epoca delle nostre osservazioni”, ha detto Rebecca Larson, membro del team e astrofisico. su Twitter. “Siamo a meno della metà del nostro sondaggio completo e i nostri dati hanno già portato a nuove scoperte e un’abbondanza inaspettata, ma non sgradita, di galassie mai viste prima”.

READ  La vigilia di Natale arriva sulla Terra un asteroide delle dimensioni di un grattacielo

in Post sul blog su CEERSLarson ha aggiunto di aver incoraggiato tutti ad aprire le immagini ad alta risoluzione, disponibile qui, Per ingrandire ed esplorare. Ma un avvertimento, le versioni a risoluzione più alta delle immagini sono enormi e non funziona davvero per guardarle su schermi piccoli come un telefono.

“Il numero di galassie che abbiamo catturato finora è incredibile!” disse Larsone.

Questa immagine CEERS Epoch 1, un mosaico di 690 singoli fotogrammi con la fotocamera JWST Near Infrared Camera (NIRCam), insieme a sei quadrati interni, mostra intriganti oggetti ingranditi. Credito: NASA/STScI/CEERS/TACC/S. Finkelstein/M. Bagley / Z. Levi.

Nel grande mosaico, ci sono alcune galassie evidenti viste all’interno dell’immagine sopra. La prima è una galassia a spirale con spostamento verso il rosso di z = 0,16. La risoluzione dell’imaging JWST rivela un gran numero di ammassi e ammassi stellari blu.

La coincidenza di una galassia luminosa con molte galassie più piccole forma un arco nel cielo che ricorda a Larson i fantasmi mangiatori di punti.

C’è anche un sistema di galassie interagenti a spostamento verso il rosso 1.4, che il team del CEERS ha soprannominato “Space Kraken”, così come due galassie a spirale interagenti a spostamento verso il rosso z = 0,7. L’immagine sotto mostra quelle galassie e qualcosa di unico: la freccia punta a quella che è probabilmente la prima supernova rilevata usando le immagini JWST.

Due galassie interagenti e una supernova. Credito: NASA/STScI/CEERS/TACC/S. Finkelstein/M. Bagley / Z. Levi.

Altri riquadri mostrano una straordinaria galassia a spirale, che secondo il team mette in evidenza la capacità di JWST di risolvere caratteristiche su piccola scala anche per galassie poco distanti, nonché il potenziale allineamento di una galassia a coda di marea e un ammasso di galassie rosse.

READ  SpaceX ha lanciato il Falcon 9 dalla stazione Space Force
L’inserto mostra una galassia candidata con un potenziale spostamento verso il rosso di 14, trovata nella prima epoca fotografata dal JWST NIRCam dell’Early Launch Sciences Cosmic Evolution Survey (CEERS). Credito: NASA/STScI/CEERS/TACC/S. Finkelstein/M. Bagley / Z. Levi.

Gli scienziati della collaborazione CEERS hanno identificato un oggetto – chiamato Galassia di Macy in onore della figlia del leader del progetto Stephen Finkelstein – che potrebbe essere una delle più antiche galassie mai osservate. Mentre il risultato è in attesa di conferma, la squadra mettici sopra della carta. Una galassia redshift senza precedenti, e sarebbe più vecchia di SMACS 0723, Precedentemente fotografato da JWST. Gli astronomi credono che JWST veda quella galassia 300 milioni di anni dopo il Big Bang. Tuttavia, se la galassia Maisie sarà confermata, è possibile che si sia formata in soli 290 milioni di anni dopo il Big Bang. Questo è stato durante un periodo chiamato l’era della reionizzazione quando le prime stelle sono state accese quando l’idrogeno ha iniziato a ionizzare, permettendo alla prima luce di brillare attraverso l’universo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.