È morta all’età di 80 anni Yvette Mimio, la star della serie degli anni ’60 Time Machine

NEW YORK – È morta Yvette Mimio, la bionda e dagli occhi azzurri star del cinema degli anni ’60 per “Where the Boys Are”, “The Time Machine” e “Light in the Piazza”. Aveva 80 anni.

Michele Bega, portavoce della famiglia, ha detto che Mimio è morta nel sonno per cause naturali lunedì notte nella sua casa di Los Angeles.

In “The Time Machine” degli anni ’60, basato sul romanzo del 1895 di H.G. Wells, Mimieux ha recitato al fianco di Rod Taylor nei panni di Weena, un membro degli 800.000 pacifici Eloi dai capelli biondi che non si rendono conto di essere nati come cibo da Morlocks Underground .

Questo ruolo e gli altri che seguirono fecero presto di Mimieux una delle stelline più brillanti degli anni ’60. Nello stesso anno, ha recitato nel film per adolescenti della MGM “Where the Boys Are” come uno dei quattro studenti universitari durante le vacanze di primavera in Florida. Il suo personaggio, stordito dopo essere stato aggredito sessualmente in un hotel, cammina disperatamente nel traffico.

“Penso di possedere una qualità emotiva”, ha detto al Washington Post nel 1979. “Sono stata spesso descritta come una persona ferita, il ruolo ‘delicato'”.

Yvette Carmen Mimio è nata l’8 gennaio 1942 a Los Angeles da padre francese e madre messicana. È stata “scoperta” all’età di 15 anni quando l’editore Jim Byron l’ha vista, ha detto, sul corridoio delle briglie di un elicottero mentre sorvolava le colline di Hollywood. Lei e il suo ragazzo erano a cavallo; Byron atterrò davanti a loro e le diede la sua carta. Mimieux iniziò come modella prima che la MGM la prevedesse nel 1959.

READ  Paul Walter Hauser ha perso 40 sterline per interpretare il famigerato Larry Hall - E! Collegato

“L’approccio esatto è la cosa, penso che abbiamo un altro Garbo tra le mani”, disse Byron all’Associated Press nel 1961.

E per diversi anni, Mimieux è stato ovunque. La rivista Life lo ha messo in copertina con il titolo: “Una stellina profondamente triste”. Ha girato otto film prima di compiere 21 anni.

Mimieux ha recitato in quattro film del 1962, tra cui “I quattro cavalieri dell’Apocalisse” di Vincent Minnelli e “La luce in piazza” di Jay Green. In quest’ultimo, ha interpretato la bellissima figlia mentalmente disabile, Olivia de Havilland. Durante un viaggio in Italia, un giovane italiano a Firenze persegue il personaggio di Mimio, Clara, interpretato da George Hamilton.

Mimieux ha interpretato una sposa in “Toys in the Attic” (1963), un surfista epilettico in “Dr. Kildare” (1964) e una sposa in “Joy in the Morning” (1965). È stata nominata tre volte per un Golden Globe, incluso per il suo ruolo nella breve serie della ABC “The Deadliest Game” diretta da Aaron Spelling. Negli anni ’70 e ’80 è apparsa sempre più in film per la televisione, alcuni dei quali ha contribuito a scrivere.

Mimieux ha co-scritto e co-prodotto il film per la televisione della CBS del 1984 “Obsessive Love”, su un fan squilibrato ossessionato da una star di una soap opera. Mimieux ha detto che ha dovuto combattere la rete per ottenere una donna, che interpreta se stessa, in un ruolo del genere. La sua idea è nata dall’ossessione di John Hinckley per Jodie Foster, solo con i ruoli di genere invertiti.

Mimio ha detto al New York Times nel 1984: “La rete sentiva che le persone non mi avrebbero creduto come questa donna. Mi hanno detto: ‘È sola e non dovrebbe essere attraente.'” Stai dicendo che solo le persone poco attraenti possono essere pazze, sole o condurre vite insoddisfatte? ‘″

READ  Mentre stavi dormendo: 5 storie che potresti esserti perso, 14 luglio, notizie dal mondo e storie principali

Mimieux ha detto che la televisione non ha mai avuto una “storia d’amore” con il cinema. Ma si è lamentata del tipo di ruoli che le sono stati offerti e del tipo di donna unidimensionale che è stata scritta. (Uno dei suoi film degni di nota è stato “The Black Hole” della Disney nel 1979.) Così Mimieux si ritirò dal mondo dello spettacolo sulla quarantina. I suoi interessi – tra cui archeologia, pittura e viaggi – sono sempre andati oltre la fama. Fuori dallo schermo, Mimieux è stata molto più dell’ingenua stellina che le è stata riconosciuta.

“Ho deciso che non volevo avere una vita completamente pubblica”, ha detto al giornale. “Quando le riviste di fan hanno iniziato a volermi fotografare mentre preparavo panini per mio marito, ho detto di no.

“Sai, ci sono tribù in Africa che pensano che la telecamera rubi una piccola parte della tua anima, e in un certo senso penso che sia vero vivere la tua vita privata in pubblico. Toglie qualcosa alle tue relazioni, svaluta loro.”

Mimieux sposò per la prima volta Evan Harland Engber nel 1959 prima di divorziare in seguito. È stata sposata con il regista Stanley Donen, dal 1972 al 1985. Nel 1986 ha sposato il magnate immobiliare Howard F. Rubino. È sopravvissuta da Robbie e diversi figliastri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.