E dopo il ciclismo italiano dopo Vincenzo Nibali? Niente panico

”]“filter”: {” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}}”>

I ciclisti italiani sono ottimisti sul fatto che una nuova generazione emergerà per riempire il gigantesco buco lasciato da Vincenzo Nibali, recentemente in pensione, in cima al Peloton.

Nibali, 37 anni, è uno dei pochi corridori ad aver ricevuto la “Triple Crown of the Grand Tour” come vincitore di tutti e tre i Grand Tour, l’ultimo dei Grand Tour vincitori in Italia.

Nonostante l’uscita di Nabali, il direttore sportivo della squadra degli Emirati Arabi Uniti Fabio Baldato ha affermato che il futuro del ciclismo in Italia e il suo posto nel WorldTour saranno al sicuro.

“Non dobbiamo farci prendere dal panico”, ha detto Baldato. VeloNews. “Arrivano i ciclisti italiani, sono giovani, sono bravi. Non dobbiamo avere paura”.

Baldato – che faceva parte della generazione d’oro dell’Italia negli anni ’90 che includeva artisti del calibro di Marco Pantani, Mario Cipollini e Michel Bartoli tra molti altri – ha ammesso che Nibali mancherebbe, ma il ciclismo italiano ha molti talenti promettenti per il futuro.

“Nabali era una garanzia e ora ha bisogno di sviluppare i giovani talenti italiani”, ha detto Baldato. “Il ciclismo italiano si sta diffondendo nel Peloton. Non abbiamo grandi squadre italiane come prima, ma il ciclismo italiano è forte”.

Leggi anche:

Nonostante il forte ottimismo di Baldato, il futuro potrebbe sembrare cupo.

Piloti come il medaglia olimpica Filippo Ganna (Inios Grenadiers), il vincitore del Tour delle Fiandre, Alberto Petitol (EF Education-EasyPost) e Giulio Ciccone (Trek-Segafredo) sono le principali luci della generazione odierna, ma solo “Top Ganna” sembra essere il Sembra spostare l’ago del supporto.

Tuttavia, nessuno di loro vincerà la maglia rosa o la sfida del Tour de France ogni luglio.

READ  I villaggi del sud Italia ti pagheranno $ 33.000 per trasferirti e avviare un'impresa

L’Italia ha un disperato bisogno di un grande vincitore.

“Certo, al Giro mancherà Vincenzo. Lascerà un grande buco in lui”, ha detto il direttore del Giro d’Italia Mauro Vigni all’inizio di questa stagione.

I proprietari di RCS Sport hanno cavalcato l’onda della popolarità di Nibali per più di un decennio, quando il siciliano è emerso alla fine degli anni 2000 come il chiaro erede di artisti del calibro di Marco Pantani e Gilberto Simone.

Senza superstar carismatiche tra i ranghi italiani, Vigni ha detto che Nibali è stato un pilota irripetibile e sarebbe stato difficile sostituirlo.

“Vincenzo è un pilota che è in grado di emozionare la folla, non solo per il modo in cui corre ma per il modo in cui si comporta”, ha detto Vigni. “Ora c’è un problema con il ciclismo italiano perché al momento il Giro non sarà un grande favorito dai fan su cui restare indietro”.

L’Italia perde la squadra del WorldTour

All’Italia manca la migliore squadra del WorldTour per sviluppare il talento nazionale. (Foto: Sarah Cavallini/Getty Images)

Il ciclismo italiano lotta silenziosamente da anni.

La chiusura delle ultime squadre del WorldTour sponsorizzate dall’Italia con la Liquigas nel 2014 e la Lamprey nel 2016 ha lasciato improvvisamente assenti gli hotspot del ciclismo più tradizionali in cima al gruppo.

L’Italia vantava diverse squadre di livello WorldTour nel gruppo, con Mercatone Uno, Fassa Bortolo, Polti, Saeco, Mapei e Liquigas che portavano l’orgoglio nazionale nel calendario internazionale.

Mentre ci sono ancora tre squadre professionistiche di secondo livello in Italia, l’assenza della squadra italiana WorldTour non aiuta.

“Gli anni ’90 erano un periodo diverso”, ha detto Baldato. “Era un’economia diversa in Italia e sponsorizzare una squadra di ciclismo è stata un’enorme trovata pubblicitaria per il business italiano. Questo è uno dei problemi che abbiamo in Italia.

READ  Città sorella di Charleston, Carolina del Sud a Spoilto, Italia

“Non abbiamo una squadra WorldTour, ma il movimento italiano nel ciclismo è ancora molto grande”, ha detto. “Speriamo che un grande gruppo venga e investa nel ciclismo in Italia”.

Come ha sottolineato Baldato, il DNA italiano delle corse si sta diffondendo ampiamente in tutto il WorldTour con piloti e dipendenti.

Astana-Kazakistan ha visto la partecipazione di almeno 12 corridori italiani nel 2022, mentre direttori e direttori sportivi italiani ricoprono ruoli importanti in squadre come Team Emirates, Quick Step Alpha Vinyl, Trek Segafredo e Inios Grenadiers.

Un altro problema è che molti dei top rider in Italia hanno 30 anni.

Domenico Pozovivo, Diego Ulissi, Matteo Trentin, Giacomo Nizzolo, Damiano Caruso ed Elia Viviani stanno invecchiando.

Il possibile ritiro del vincitore del Paris Roubaix 2021 Sonny Colbrelli (vittorioso in Bahrain) dopo aver subito un infarto quasi fatale a marzo non fa che esacerbare l’imminente siccità in Italia.

Chi può riempire una scarpa nepalese?

Andrea Piccolo, mostrato qui alle Tre Valli Varesine, è visto da molti come un futuro contendente ai Grandi Giri. (Foto: Dario Belingheri/Getty Images)

Ci sono alcuni giovani corridori promettenti là fuori, ma la domanda è se qualcuno di questi giovani corridori può trasformarsi in contendenti legittimi nei grandi tour. Sono comparsi alcuni nomi.

Il 21enne Andrea Piccolo (EF Education-EasyPost), terzo posto nel 2021 al Tour de l’Avenir e il campione nazionale italiano Filippo Zanna, 23 anni, che si unirà a BikeExchange-Jayco la prossima stagione, sono entrambi potenzialmente in corsa in scena. .

Anche Antonio Tiberi, 21 anni, fa parlare di sé su Trek-Segafredo per le sue capacità a tutto tondo. Anche il campione del mondo U-23 2019 Samuel Batistella (Astana-Kazakistan) è considerato un talento non sfruttato.

READ  È probabile che l'India ospiterà più di 200 riunioni durante la sua presidenza annuale del G20

Jonathan Milan (vittoria Bahrain), 22 anni, che faceva parte della squadra di cacciatori olimpici della medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo, ha dato il via alla sua prima vittoria da professionista nell’ultima gara CRO.

Alessandro Coffey (UAE Team Emirates), 24 anni, ha ottenuto la sua prima vittoria nel 2022, ma sono più di un semplice attaccante/runner.

Se il “Baby Giro” Giro Ciclistico d’Italia è il punto di riferimento per il futuro successo del Grand Tour d’Italia, l’Italia non è al primo posto. L’ultimo vincitore nazionale è Mattia Cattaneo (Quick-Step Alpha Vinyl) nel 2011.

Vigni ha ammesso che sarebbe un problema per il Giro nei prossimi anni se il Grand Tour d’Italia non avesse una grande stella italiana per soddisfare i fan della città natale.

“Proprio come i francesi vorrebbero vedere un corridore francese vincere il Tour de France, è naturale che il Giro voglia vedere una grande figura italiana”, ha detto Vigny. “Per gli organizzatori del Giro, ovviamente, sarebbe meglio per noi avere presto una grande stella italiana”.

Nibali ha vinto due Giro, uno della Vuelta a España e la maglia gialla al Tour de France, insieme a influenze come Milano-Sanremo e Il Lombardia durante la sua carriera.

Per Baldato, che ora sta aiutando Tadej Pogačar a riscrivere la storia ciclistica della squadra degli Emirati Arabi Uniti, il ciclismo italiano è coerente anche se al momento ci sono dei venti contrari.

“L’Italia ha sempre avuto buoni piloti”, ha detto Baldato. “Questo non cambierà mai. Penso che vedremo alcuni grandi campioni di questa prossima generazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.