Dieci dei più grandi shock nella storia della Coppa del Mondo dopo la vittoria dell’Arabia Saudita

L’Arabia Saudita ha prodotto uno dei più grandi shock della Coppa del Mondo quando ha battuto l’Argentina 2-1 martedì.

Qui, diamo uno sguardo ai 10 grandi sconvolgimenti precedenti nella storia del torneo.

USA 1 Inghilterra 0 (Brasile, 1950)

La sconfitta più umiliante nella storia dell’Inghilterra. I favoriti hanno dominato il torneo all’inizio, ma al 37′ gli Stati Uniti li hanno sbalorditi portandosi in vantaggio con Larry Gietjens. La squadra di Walter Winterbottom non è riuscita a reagire e ha subito una sconfitta molto imbarazzante.

Corea del Nord 1 Italia 0 (Inghilterra, 1966)

È senza dubbio il risultato di Coppa del Mondo più sorprendente di sempre. L’Italia avrebbe dovuto sconfiggere i piccoli paesi asiatici, ma contro ogni previsione, la difesa dei nordcoreani ha tenuto duro contro la forza degli europei. Bak Do-ik era a disposizione per segnare un vincitore poco credibile.

Scozia 3 Olanda 2 (Argentina 1978)

La squadra olandese del “calcio totale” era al suo apice, piena di fiducia e in attesa di dare una vera lezione agli scozzesi. Tuttavia, Archie Gemmell aveva altre idee e ha sparato una brillante doppietta, e con Kenny Dalglish che è uscito anche per segnare, gli olandesi sono stati sconfitti.

Camerun 1 Argentina 0 (Italia, 1990)

Il Camerun, ridotto a nove giocatori dopo una doppia espulsione, ha prodotto un altro forte favorito per il più grande shock di sempre in Coppa del Mondo contro i campioni in carica. Alla loro seconda apparizione in finale, hanno sbalordito i sudamericani e rubato il cuore della folla quando Omam Bey ha segnato il gol della vittoria.

Repubblica d’Irlanda 1 Italia 0 (USA, 1994)

Anche l’Irish Mobile Army non avrebbe certo creduto che la grande Italia sarebbe stata sconfitta al suo fianco. Ma gli uomini di Jack Charlton hanno fatto proprio questo, grazie a un calcio di Ray Hutton da 25 yard. La difesa irlandese ha tenuto a bada la forza d’attacco italiana mentre gli uomini di Charlton hanno mandato in delirio i loro sostenitori.

READ  Paratici degli Spurs discute dello scambio con Cherubini, successore della Juventus

Francia-Senegal 1 (Giappone-Corea del Sud, 2002)

I campioni del mondo e d’Europa sono rimasti scioccati nella partita di apertura del torneo con un gol di El Hadji Diouf. Al-Zarq è andato vicino alla partita ed è caduto in rete due volte, ma la nazione africana ha mantenuto la vittoria.

USA 3 Portogallo 2 (Giappone e Corea del Sud, 2002)

Gli Stati Uniti si sono portati in vantaggio per 3-0 dopo appena mezz’ora da John O’Brien, con gol invertiti di Jorge Costa e Brian McBride. Beto ha segnato prima dell’intervallo per dare speranza agli immaginari europei, e un autogol di Jeff Agos nel secondo periodo ha logorato i nervi degli americani, ma hanno tenuto duro per una famosa vittoria.

Italia 1 Corea del Sud 2 (Giappone e Corea del Sud, 2002)

Ahn Jong-hwan, che ha sbagliato un calcio di rigore nel primo tempo, è stato l’eroe della Corea del Sud con un drammatico gol vincente a tre minuti dalla fine dei tempi supplementari nella partita del secondo turno. In un incontro insolito, Seol Ki-hyun ha segnato all’88’ annullando il vantaggio di Christian Vieri. Anche l’attaccante italiano Francesco Totti è stato espulso ai supplementari.

Spagna 0 Svizzera 1 (Sudafrica, 2010)

Campioni d’Europa – e futuri vincitori del torneo – la Svizzera ha sconvolto la Spagna con una vittoria di misura nella partita di apertura del Gruppo H a Durban. Gelson Fernandez ha segnato l’unico gol al 52′, prima che lo spagnolo Xabi Alonso colpisse la traversa al 71′.La Spagna ha perso molte altre occasioni e gli svizzeri hanno tenuto.

Spagna 0 Cile 2 (Brasile, 2014)

Campioni in carica La Spagna ha visto i campioni del mondo finire in disgrazia nella fase a gironi con la sconfitta per mano del Cile al Maracanã. I gol nel primo tempo di Eduardo Vargas e Charles Aranjuez hanno danneggiato la Spagna, che aveva già segnato il 5-1 contro l’Olanda nella prima partita.

READ  Matthew Trentin dice che il problema sono le auto, non le bici di prova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.