Derek Chauvin condannato a 21 anni di carcere per aver violato i diritti civili di George Floyd | ultime notizie

Derek Chauvin è stato condannato a 21 anni di carcere per aver violato i diritti civili di George Floyd.

Chauvin sconterà la sua condanna federale mentre sta scontando la sua condanna a 22 anni e mezzo con l’accusa statale di omicidio e omicidio colposo.

Un ex agente di polizia ha bloccato George Floyd sul marciapiede fuori da un negozio all’angolo di Minneapolis per più di nove minuti mentre stava morendo il 25 maggio 2020.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Paul Magnuson ha detto a Chauvin che ciò che ha fatto è stato “semplicemente sbagliato” e “offensivo”.

Magnuson ha dichiarato: “Non so davvero perché ho fatto quello che ho fatto.

immagine:
L’uccisione di George Floyd ha scatenato proteste in tutto il mondo

“Mettere il ginocchio sul collo di una persona fino alla scadenza è semplicemente sbagliato.”

Anche il fratello di Floyd, Philonez, ha chiesto la massima punizione possibile.

Ha detto: Io e la mia famiglia siamo stati condannati all’ergastolo.

“Non recupereremo la vita di George”.

I pubblici ministeri federali avevano chiesto al giudice di condannare Chauvin a 25 anni di carcere.

Chauvin inizialmente si è dichiarato non colpevole delle accuse federali, ma ha cambiato la sua richiesta a dicembre.

L’avvocato di Chauvin, Eric Nelson, lo aveva chiesto per 20 anni, sostenendo che provava rimorso.

Tuttavia, non ha chiesto scuse dirette o espressioni di rimorso alla famiglia di Floyd in tribunale.

Invece, ha detto alla famiglia che augurava ai figli di Floyd “tutto il meglio della loro vita” e che avevano “linee guida eccellenti per diventare dei buoni adulti”.

Per la prima volta, Chauvin ha ammesso di aver tenuto il ginocchio sul collo di Floyd, anche quando ha detto che non riusciva a respirare.

READ  Inondazioni in Germania: le immagini satellitari prima e dopo mostrano la devastazione che ha causato | notizie dal mondo

L’omicidio ha scatenato proteste contro il razzismo e la brutalità della polizia in tutto il mondo.

Magnuson non ha specificato le date di condanna per gli altri tre agenti che erano sulla scena – Tu Thao, J. Alexander Keung e Thomas Lin – che sono stati condannati a febbraio con l’accusa federale di diritti civili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.