Cuori 0-3 Fiorentina: stile italiano e arroganza lasciano la sua squadra a soffrire in Giorgi

La coppa è stata invasa per la stragrande maggioranza della serata da una squadra di Serie A che aveva un disperato bisogno di un risultato e si è esibita con un livello di intenti che i padroni di casa non potevano gestire.

Il cartellino rosso di Luis Nelson all’inizio del primo tempo ha reso il compito di Hearts ancora più difficile, ma a quel punto la Fiorentina era in vantaggio per 2-0 grazie ai gol nel primo tempo del centrocampista Rolando Mandragora e dell’attaccante Christian Quam. L’attaccante Luka Jovic ha aggiunto il terzo gol con una profondità nel secondo tempo.

Quelli toscani hanno praticamente dominato questo problema dal fischio. Il clima umido avrebbe dovuto favorire i cuori, ma presto furono costretti a entrare nel loro territorio per lunghi periodi e non furono in grado di emergere.

La pressione sugli avversari non è stata abbastanza frequente a centrocampo e la Fiorentina ha sfruttato appieno lo spazio che aveva. Il centrocampo a tre ha mostrato una sinergia impressionante e il supporto di Tynecastle è stato udibilmente frustrato poiché la loro squadra non è andata avanti con più perseveranza durante il primo tempo.

L’insolita vista di un gigante italiano seduto in fondo alla classifica al calcio d’inizio ha messo sotto pressione il loro allenatore, Vincenzo Italiano, dopo una sola vittoria in dieci partite. Hearts voleva aumentare il secondo posto in vista della trasferta della prossima settimana a Firenze nel quarto round, ma si è reso conto di dover affrontare un compito in salita.

Accenti italiani permeavano l’aria serale lungo Georgian Road mentre i tifosi de La Viola scendevano nelle strade di Edimburgo. Hanno saggiamente avvolto cappelli e sciarpe dopo che le temperature in Toscana hanno superato i 25 gradi. Il clima di ottobre in Scozia ha assicurato un’esperienza fresca, ma ciononostante Tynecastle ha fornito un clima caldo durante la partenza.

Il difensore di Hearts Louis Nelson è stato espulso per aver strappato la maglia a Luka Jovic della Fiorentina.

I fan di Hearts sapevano che questa non era esattamente una Fiorentina vecchio stile e hanno cercato di far ruggire la loro squadra nella speranza di ottenere un risultato europeo così famoso, per non parlare di utile. Più facile a dirsi che a farsi, ovviamente, contro uno dei club più famosi della Serie A.

Con un tre davanti di Kouamé, Jovic e Riccardo Saponara, Italiano ha preparato la sua squadra per andare alla giugulare a Edimburgo. Convocò anche il portiere Pierluigi Giulini – in prestito dall’Atalanta – per la sua prima apparizione da agosto.

In quattro minuti Mandragora aveva preso l’iniziativa. Si è precipitato in area di rigore dal lato cieco di Jorge Grant, bussando con calma in rete un cross dalla destra dell’estremo difensore Alexa Terzic senza essere affrontato da nessuno da circa sei yard. A vent’anni dal suo debutto in Hearts, questo non è stato l’inizio che il portiere Craig Gordon aveva immaginato.

La sua difesa sembrava disarticolata e si è aperta molto facilmente quando la Fiorentina ha cercato il secondo gol. Solo la parata con una mano sola di Gordon al 21′ ha impedito al difensore centrale Igor Julio di raddoppiare il punteggio.

Sotto pressione in un terzo difensivo a causa della posizione troppo profonda, Hearts ha cercato di alleviare la pressione inviando palloni più lunghi in avanti. La velocità di Josh Ginnelly dietro la linea difensiva alta della Fiorentina era uno sbocco preferito, anche se trovarlo esattamente nel momento giusto è stata una sfida mentre gli avversari si avvicinavano.

L’allenatore degli Hearts Robbie Nelson è stato visto esortare la sua squadra ad attaccare più volte mentre Sofiane Amrabat, dominante, ha orchestrato il gioco in un ruolo costante di centrocampo per gli ospiti.

Ogni volta che le magliette bordeaux apparivano in un pacchetto di due o tre, la gente del posto aumentava il livello di decibel in approvazione. Il problema era far avanzare abbastanza numeri da causare danni.

Quando Kouamé acrobatica ha segnato il secondo gol della Fiorentina a tre minuti dall’inizio del primo tempo, la partita è effettivamente finita. Il cross basso di Cristiano Biraghi viene crossato in aria prima che il tentativo di Grant colpisca un perfetto colpo di testa per l’ivoriano. Esegui un fantastico calcio in testa in rete.

Un talento come questo è la chiara differenza tra Hearts, testa di serie in terza divisione, e artisti del calibro di Fiorentina e Basaksehir di Istanbul rispettivamente in fascia 2 e fascia 1.

E un cross di Andy Hallyday cade a favore di Ginley a pochi secondi dalla fine del primo tempo, ma il suo tiro in porta viene parato da Golini. Hearts doveva essere più aggressivo nel secondo periodo dopo che si era reso colpevole di aver concesso troppo tempo ai propri ospiti per colpire la palla.

Chiudere lo spazio divenne ancora più difficile quando furono ridotti a dieci uomini. Nelson ha tolto la maglia di Jovic quando la coppia ha inseguito un passaggio filtrante e l’arbitro belga Eric Lambrechts ha emesso un cartellino rosso dritto a soli due minuti dall’inizio del secondo tempo. Ogni debole speranza di un ritorno era ora completamente delusa.

Gli italiani ora giocavano con una certa esagerazione sapendo che i tre punti erano tutti tranne loro. Gordon si è tenuto impegnato, salvando gli sforzi di Jovic e Terzic, mentre il sostituto Stephen Humphreys ha cercato di creare problemi di corsa sulla linea di fondo della Fiorentina con la palla. Ha lottato per il supporto a causa di un difetto numerico della sua squadra.

Al 79′ gli ospiti hanno aggiunto un terzo gol. Un contropiede controllato e deciso all’interno della propria metà campo con Lucas Martinez si è concluso con Kwambe che ha allungato un cross basso a Jovic. Girarlo da qualche metro di distanza è stato semplice. Si sposa bene con una serata perfetta per gli italiani.

Per Hearts, in questa stagione devono ancora segnare in casa in Europa. Ora affronteranno il Kilmarnock in campionato domenica prima di recarsi a Firenze la prossima settimana.

Cuori (3-4-2-1): Gordon. Nelson, Kingsley, Cochrane; M Smith (Atkinson 59), Kiomortzoglou, Grant (Devlin 53), Halliday; Jinli (Forrest 75), Mackay (MacKay Stephen 75); Shankland (Humphreys 53).

Fiorentina (4-3-3): gulini; Terzic, Martinez, Igor (Milinkovic 46), Biraghi (Dudo 74); Bonaventura (Zurkowski 87), Amrabat (Bianco 74), Mandragora; Kwameh, Jovic, Saponara (Gonzalez 80).

Regola: Eric Lambrechts (Belgio).

Leggi di più

Leggi di più

Craig Halkett salterà lo scontro con la Fiorentina mentre Hearts ammette i dubbi sul difensore a favore dell’Italia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.