Crescono i timori che massicci detriti di un missile cinese possano schiantarsi contro parti popolate degli Stati Uniti questo fine settimana | notizie di scienza e tecnologia

Crescono le preoccupazioni sul fatto che l’ingresso incontrollato di un razzo spaziale cinese nell’atmosfera terrestre possa disperdere detriti nelle zone popolate degli Stati Uniti.

Il booster Long March 5B è troppo grande per bruciare all’ingresso e si disintegrerà, potenzialmente facendo piovere frammenti di metallo che accelerano alla velocità terminale.

Secondo il Center for Tropical and Reentry Debris Studies (CORDS) “Più dell’88% della popolazione mondiale vive sotto l’influenza di potenziali detriti di rientro”.

Gli esperti di CORDS della Aerospace Corporation hanno avvertito che “come regola generale … il 20-40% della massa di un grande corpo raggiungerà la Terra” a seconda del corpo.

Nel caso del booster Long March, che pesa 23 tonnellate, ciò significa che tra 4,6 e 9,2 tonnellate colpiranno il suolo, l’equivalente di una dozzina di Maggiolini Volkswagen del 1963.

In una sessione di domande e risposte sul blog di Aerospace Corporation, la società ha affermato che il booster è uno degli oggetti più grandi a rientrare nella Terra dopo aver raggiunto l’orbita.

Il più delle volte, i booster a razzo non sono progettati per raggiungere l’orbita, ma per lanciare i loro carichi utili in orbita mentre atterrano in un luogo sicuro.

Quando un veicolo spaziale viene espulso dall’orbita, di solito viene fatto in modo controllato, con i motori accesi per far cadere il veicolo nell’orbita terrestre e scegliere dove atterrerà, spesso chiamato “cimitero del veicolo spaziale” a Point Nemo nell’Oceano Pacifico.

immagine:
Il “cimitero delle navicelle spaziali” Point Nemo visto su Google Earth. Immagine: Google

Questo è noto come rientro controllato in quanto gli operatori possono identificare il punto di atterraggio finale e l’impronta dei detriti.

READ  Potrebbero essere i resti di un pianeta primordiale nascosto all'interno della Terra

Tuttavia, se il razzo booster entra in orbita e torna normalmente sulla Terra, il suo punto di atterraggio finale non sarà noto fino a poche ore prima che raggiunga la Terra.

Questa non è la prima volta che un booster cinese ha minacciato aree popolate all’impatto e simili rientri incontrollati si sono verificati nel 2021 e nel 2020.

Nel maggio 2020, pezzi del booster sono caduti sulla Costa d’Avorio, secondo un’analisi dell’astronomo Jonathan McDowell, danneggiando diversi edifici ma senza lasciare nessuno ferito.

In un articolo in risposta alle ultime preoccupazioni, il Global Times, di proprietà statale cinese, ha affermato che la risposta dei media occidentali ha mostrato “uva acerba”.

Il documento ha anche affermato che la Cina ha un “record di sicurezza impeccabile” per quanto riguarda il rientro incontrollato, nonostante l’analisi di McDowell.

Ha aggiunto che le critiche erano distorsioni intese a minare i successi della Cina nel settore dell’aviazione perché gli Stati Uniti stanno “esaurendo i mezzi” per fermare tale sviluppo con altri mezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.