Cosa significa per gli Stati Uniti l’uscita dell’Italia dalla BRI cinese?

Alla fine dello scorso anno, l’Italia debitamente notificato Porrà fine alla partecipazione della Cina alla Belt and Road Initiative (BRI), rendendolo il primo stato a ritirarsi dal programma sin dalla sua nascita dieci anni fa. La mossa ha portato molti a temere che l’uscita dell’Italia assomiglierà ad altre famigerate uscite commerciali in tutto il continente e nel mondo.

BRI, Piano di investimenti per le infrastrutture globali È stato lanciato dal presidente Xi Jinping e dal governo cinese nel 2013 con l’obiettivo di integrare altre economie statali con la Cina. Attraverso questa iniziativa, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha investito in 147 paesi in tutto il mondo. Africa e Sud America. Di conseguenza, la partecipazione dell'Italia all'iniziativa fu uno shock per l'Occidente. È stato stabilito da un Memorandum of Understanding (MoU) firmato tra Xi Jinping e l’ex Primo Ministro italiano Giuseppe Conte durante il suo mandato. Visita al paese Nel 2019, Conte spera di trarre vantaggio dalla posizione economica dominante della Cina portando investitori in Italia.

Tuttavia, la mossa ha disturbato molti degli alleati dell’Italia, inclusa l’Unione Europea (UE), poiché l’Italia era già uno dei principali beneficiari dei suoi vari programmi finanziari. AmericaVedeva nell’emergente rapporto sino-italiano una possibile erosione del proprio rapporto con Roma.

Tuttavia, dopo cinque anni, L’Italia aspetta ancora l’inaspettato. Le esportazioni cinesi verso l’Italia sono aumentate di 17 miliardi di euro, mentre le esportazioni italiane verso la Cina sono cresciute di soli 4 miliardi di euro. Divenne presto evidente che l’Italia era rimasta colpita, nonostante lo sviluppo delle infrastrutture sponsorizzato dal gigante asiatico. La reputazione dell'Italia è di essere molto unilaterale Debitore Il crescente deficit commerciale degli Stati membri dell’UE con la Cina ha fatto cambiare idea ai politici.

READ  La focaccia piatina italiana è il pasto perfetto in viaggio

Le carenze economiche non sono state l’unica ragione per cui l’Italia ha abbandonato la BRI. L’Europa si allontana dal commercio cinese. La Commissione Europea ha avviato un’indagine sulle esportazioni cinesi di veicoli elettrici Settembre 2023. Sotto la pressione delle realtà economiche del partenariato commerciale, il primo ministro Giorgia Meloni non solo si è ritirato dall’accordo, ma ha iniziato a spingere l’Italia verso l’Occidente. Conferma ancora L'impegno dell'Italia nell'Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO). Gli obiettivi primari della Meloni erano sostenere gli sforzi dell'Ucraina e migliorare i legami transatlantici dell'Italia. A suo avviso, i forti legami con la Cina ostacolano questo obiettivo, soprattutto perché non offre benefici economici sufficienti a giustificare la partnership.

Come risultato della restaurazione, l'Italia si avvicinò all'Occidente, portandola a iniziare gli sforzi per concentrarsi sugli Stati Uniti. Commercia con i suoi partner regionali, promette crescita per tutte le parti coinvolte. Con questo in mente, gli Stati Uniti dovrebbero tendere la mano all’Italia, non solo perché non dovrebbero dare per scontato un alleato mediterraneo ed europeo, ma perché la mossa naturalmente mette in luce la sua leadership. Dopo anni di dichiarata neutralità nei confronti delle tensioni sino-americane, l’uscita dell’Italia dalla BRI offre agli Stati Uniti l’opportunità di dimostrare perché i legami più stretti degli Stati Uniti sono più fruttuosi della vicinanza con il suo più feroce rivale geopolitico.

Inoltre, deve segnalare in modo autorevole agli altri nella regione il motivo per cui la sicurezza e la prosperità economica offerte dagli Stati Uniti non hanno eguali. L’Italia può essere utilizzata come caso di studio che indica il malcontento regionale. Le azioni dell'Italia possono essere viste come un'opportunità per gli Stati Uniti anche in altri modi.

READ  Almeno 65 persone sono state uccise negli incendi in Algeria, tra cui Grecia e Italia

A causa della sua posizione dominante nel Mediterraneo, è un alleato essenziale per gli Stati Uniti, fornendo un accesso senza precedenti a importanti corsi d’acqua. Quindi, più forte è il legame tra i due paesi, meglio è. Washington e i suoi partner regionali si trovano ora in un momento opportuno per rivitalizzare il loro rapporto strategico con Roma, dove necessario.

Juan B. Nelle Ville Membro editoriale dell'Institute of Intercollegiate Studies presso The Spectator World. È anche un giovane collaboratore vocale. Il suo Twitter è @RealJPVillasmil.

Immagine: Shutterstock.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *