Cosa guardare lunedì alla COP27

SHARM EL-SHEIKH, Egitto (Reuters) – I leader di tutto il mondo inizieranno a parlare lunedì al vertice delle Nazioni Unite sul clima in Egitto mentre cercano di aumentare l’ambizione nella lotta contro il riscaldamento globale.

Ma i loro messaggi probabilmente differiranno molto sui punti chiave e la loro retorica crescente a volte entrerà in conflitto con le performance che sono rimaste indietro rispetto alle promesse precedenti.

Tra i convocati di lunedì ci saranno i capi dei maggiori produttori di petrolio dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti che vogliono un ruolo futuro per i combustibili fossili. Primi ministri non testati e di destra del Regno Unito e dell’Italia preoccupati per il superamento del governo; I leader dei paesi poveri vulnerabili ai cambiamenti climatici come il Niger e Palau sono desiderosi di finanziamenti internazionali.

Dozzine di altri capi di stato parleranno in una parata di retorica sul clima che durerà fino a martedì, ma molti dei più grandi emettitori del mondo saranno lasciati fino alla prossima settimana o saranno esclusi del tutto dal programma.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden arriverà la prossima settimana, così come il neoeletto presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva. Il presidente cinese Xi Jinping non dovrebbe partecipare alla COP27, ma avrà un inviato alla conferenza. L’India non è nella lista, e non ci sono rappresentanti della Russia, che è presa di mira dalle sanzioni occidentali a causa della sua guerra all’Ucraina, in programma attualmente.

L’Egitto ha formalmente assunto il ruolo di ospite della COP dal Regno Unito e ha descritto la conferenza come la trasformazione degli impegni presi ai colloqui sul clima di Glasgow del 2021 in azione.

READ  Le regole sul disavanzo invariate approfondiranno il divario nord-sud - Politica

I delegati domenica hanno espresso una nota positiva accettando di aggiungere per la prima volta in assoluto all’agenda della conferenza una discussione sul risarcimento delle nazioni povere per i danni climatici, cosa che dovrebbe portare a difficili cicli di negoziati.

Altre cose da tenere d’occhio includono l’atteso rapporto dell’OMC di lunedì sul ruolo della politica commerciale nei cambiamenti climatici e alcuni annunci previsti sulle foreste con il declino del clima.

(Segnalazione di Valerie Volcovici) Montaggio di Lisa Schumaker

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.