Cosa è stato lanciato dal misterioso aereo spaziale cinese Shenlong a 600 chilometri sopra la Terra?

Ma non ha eseguito alcun tipo di manovra dal momento del lancio, secondo Jonathan McDowell astronomo e lo Space Activity Tracker presso l'Harvard-Smithsonian Center for Astrofisica.

“Potrebbe essere solo un pezzo di hardware inerte”, ha detto martedì McDowell.

Scott Tilley, un astronomo dilettante canadese che ha aiutato la NASA a trovare uno dei suoi satelliti scomparsi da tempo, ha affermato che l'oggetto e l'aereo non hanno emesso alcun nuovo segnale dal lancio.

Il volo attuale è il terzo di Xinlong, che è decollato Dal centro di lancio satellitare Jiuquan nel deserto del Gobi il 14 dicembre 2023.

Spesso visto come una controparte dello spazioplano X-37B dell'esercito americano, sono state rilasciate pochissime informazioni sulle dimensioni o sulle capacità dello Shenlong.

Lo ha fatto lui Primo volo nel 2020Che durò solo due giorni. Poi, nell’agosto 2022, Shenlong ha lanciato la sua seconda missione, durata nove mesi. Durante questa missione, un subsatellite è stato lanciato e recuperato più volte per testare le tecnologie correlate.

Dopo il terzo lancio di Xinlong a dicembre, i rilevatori spaziali suggerirono che avesse lanciato almeno cinque oggetti nell'orbita terrestre bassa, due dei quali si credeva fossero satelliti perché emettono segnali radio simili a quelli di un aereo. Ma Tilly ha detto che gli oggetti erano per lo più detriti del razzo Lunga Marcia, che ha mandato Shenlong nella sua orbita iniziale.

“È probabile che la maggior parte, se non tutta, sia tornata nell'atmosfera terrestre”, ha detto Tilly.

Non si sa molto su come sia andata questa terza missione, tranne che lo spazioplano ha alzato la sua orbita da circa 300 chilometri a 600 chilometri alla fine di gennaio, dove rimane.

READ  Linguaggio alieno: se incontrassimo gli alieni, potremmo parlare con loro?

Le autorità spaziali cinesi non hanno rivelato i dettagli dell'ultima missione di Shenlong né la data del suo ritorno. Tutto ciò è contenuto in un breve rapporto pubblicato dai media statali subito dopo il lancio.

“Opererà in orbita per un periodo di tempo prima di tornare al sito di atterraggio previsto in Cina”, ha affermato l’agenzia di stampa ufficiale cinese Xinhua nel rapporto di lancio.

“Verranno condotti la verifica della tecnologia riutilizzabile e gli esperimenti di scienza spaziale per fornire supporto tecnico per l’uso pacifico dello spazio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *