COP27: l’accordo sui costi climatici è un centimetro più vicino al vertice delle Nazioni Unite

Mentre il numero di lobbisti sui combustibili fossili che lavorano alla COP27 è aumentato del 25% quest’anno, c’è un’altra presenza degna di nota: i negazionisti del clima.

Il Committee for a Building Tomorrow (CFACT) con sede a Washington si descrive come una “voce alternativa sulle questioni ambientali e di sviluppo”.

Bloggando per tutto il loro tempo alla COP, i sei membri del gruppo hanno affermato che CFACT sarà presente “richiedendo fatti reali e sfidando il vangelo del clima”.

Il Il gruppo sostiene falsamente Le vere cause del cambiamento climatico sono:

  • L’orbita terrestre

  • distanza variabile dal sole

  • attività delle macchie solari

  • corrente oceanica e

  • attività vulcanica

Il gruppo ha anche “ironicamente” messo le mani su un manufatto nel Museo Egizio “per protestare contro gli stati net zero, energia verde”.

CFAT è stato precedentemente finanziato dai giganti dei combustibili fossili e il gruppo ei suoi membri hanno un’influenza significativa. Alcuni di loro hanno affermato separatamente di aver influenzato il ritiro di Trump dall’accordo di Parigi.

CFACT ha affermato che si sta “impegnando nella politica climatica per garantire che decisioni di questa portata, compreso il rapporto costi-benefici, siano prese sotto pieno controllo”.

Un portavoce di Global Witness – un gruppo di campagna ambientalista – ha affermato che “dare alle compagnie petrolifere e del gas un posto al tavolo dei negoziati sul clima non ha assolutamente senso, ma consentire ai negazionisti del clima di partecipare alla COP27 è un altro livello di follia”.

READ  I rapporti indicano che la commissione del 6 gennaio prevede di costringere Trump a testimoniare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.