Con la doppia cittadinanza britannica-spagnola, posso essere un lavoratore autonomo in Italia ma anche rifornire aziende del Regno Unito?

La domanda dell’appaltatore: Ho la doppia cittadinanza, britannica e spagnola, ma mi trasferirò in Italia nel 2024.

Lavoro in Inghilterra da oltre 30 anni, anche se come dipendente, in Italia svolgo la libera professione.

Quindi, posso offrire i miei servizi nel Regno Unito ad aziende britanniche lavorando principalmente in remoto dall’Italia? Ho intenzione di visitare il Regno Unito per alcuni giorni al mese per incontri e dimostrazioni dal vivo con i clienti.

Ci sono considerazioni fiscali o di conformità e la mia situazione scoraggerà i potenziali clienti del Regno Unito? Infine, voglio che i clienti mi paghino in sterline, penso che comunque sia più facile per loro. Consigliare!

La risposta di un esperto: Sì, puoi offrire i tuoi servizi ad aziende del Regno Unito, principalmente lavorando in remoto dall’Italia.

Tuttavia, ci sono alcune considerazioni in materia fiscale e di conformità di cui dovresti davvero essere a conoscenza.

Imposta

Come lavoratore autonomo che lavora in due paesi, devi pagare le tasse. Tuttavia, esistono trattati contro la doppia imposizione tra il Regno Unito e l’Italia per prevenire la doppia imposizione sullo stesso reddito.

Nel Regno Unito, devi pagare l’imposta sul reddito e i contributi previdenziali nazionali sul tuo reddito. È necessario registrarsi per l’autovalutazione presso l’HMRC e presentare ogni anno una dichiarazione dei redditi di autovalutazione al dipartimento delle imposte.

Mentre sei in Italia, devi pagare l’imposta sul reddito e i contributi previdenziali sul tuo reddito. È inoltre necessario registrarsi come lavoratore autonomo presso le autorità fiscali italiane.

Se non sei più residente fiscale nel Regno Unito, lo farai NO Devi pagare le tasse del Regno Unito sul tuo reddito al di fuori del Regno Unito. Tuttavia, devi comunque pagare le tasse in Italia sui tuoi redditi mondiali.

READ  Questo viaggio in Italia è l'ultimo viaggio in famiglia

Ulteriori considerazioni (HMRC).

Tieni presente che devi segnalare all’HM Revenue and Customs (HMRC):

  • Lasciare il Regno Unito per vivere permanentemente all’estero
  • Lavorare all’estero a tempo pieno per almeno un anno fiscale intero.

L’anno fiscale va dal 6 aprile al 5 aprile dell’anno successivo.

La modalità di notifica all’HMRC dipende dal fatto che tu stia compilando una dichiarazione dei redditi. Dipende dal tuo stato lavorativo.

Se normalmente non completi una dichiarazione dei redditi di autovalutazione…

Se hai già lasciato il Regno Unito, compila il modulo P85 online. Se non hai già lasciato il Regno Unito, scarica e completa il modulo P85 offline.

Se compili regolarmente la dichiarazione dei redditi per l’autoaccertamento…

Puoi informare l’HMRC che te ne vai con la dichiarazione dei redditi di autoaccertamento. Compila la sezione “Residenza” (modulo SA109) e inviala all’HMRC per posta. Tieni presente che non puoi utilizzare i servizi online dell’HMRC se lasci il Regno Unito.

Una volta stabilito il tuo status di residente esentasse nel Regno Unito, non sarai più soggetto all’imposta britannica sul tuo reddito mondiale, anche se sarai comunque tassato sul reddito britannico, come il reddito da proprietà in affitto.

conformità

Per tua fortuna, con il tuo passaporto spagnolo puoi lavorare e vivere liberamente in Italia, ma devi registrarti presso il comune in cui vivi.

È inoltre necessario registrarsi come lavoratore autonomo presso le autorità fiscali italiane.

E i clienti del Regno Unito?

La tua doppia cittadinanza e l’essere in Italia, secondo la nostra esperienza, NO Incoraggia i potenziali clienti del Regno Unito. Molte aziende del Regno Unito preferiscono assumere lavoratori a distanza dall’estero.

Inoltre, quando invii le fatture, i tuoi clienti nel Regno Unito non dovrebbero avere problemi a pagarti in blocco. Non devono preoccuparsi dell’IR35 e delle regole sul libro paga poiché non hai intenzione di lavorare per una società a responsabilità limitata.

READ  Freya Anderson è in cima alla lista delle medaglie

Pagamenti in GBP

Puoi chiedere ai tuoi clienti del Regno Unito di pagare in GBP: a tua scelta. Puoi aprire un conto bancario in GBP in Italia per ricevere questi pagamenti. Potresti anche prendere in considerazione l’utilizzo di un servizio di cambio valuta per un tasso di cambio migliore.

Raccomandazioni finali (incluso l’apprendimento della lingua!)

Ti consiglio di parlare con un consulente fiscale per una consulenza specifica sulla tua situazione fiscale.

Ecco alcuni suggerimenti aggiuntivi per viaggiare in Italia:

  • Assicurati di avere un contratto chiaro con ciascuno dei tuoi clienti nel Regno Unito. Il contratto dovrebbe specificare l’ambito del lavoro, i termini di pagamento e altri dettagli rilevanti. Potrebbe essere necessario specificare i servizi come remoti.
  • Tieni registri accurati delle tue entrate e delle tue uscite, che ti aiuteranno a completare accuratamente le tue dichiarazioni dei redditi.
  • Assicurati di pagare le tasse e la previdenza sociale in tempo.
  • Adesso esercita il tuo italiano fuori dalle principali città italiane, farai fatica a sopravvivere lì se fai costantemente affidamento sui tuoi contatti nel Regno Unito per conversazioni comprensibili!

Esperto Kevin Austin, amministratore delegato di Overseas Contract Consulting Accedi ai finanziamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *