Come convincere Netflix ha completamente fallito il lavoro

Dakota Johnson recita nel film Persuasion. Video/Netflix

riconsiderando:

La persuasione potrebbe essere in cima alle classifiche più seguite su Netflix in questo momento, ma questa classifica non era una misura di qualità, solo curiosità.

L’ultimo adattamento di quello che è considerato il romanzo più accurato di Jane Austen, vede come protagonista Dakota Johnson nei panni di Dakota Johnson, una giovane donna che si riconnette con un ex corteggiatore anni dopo aver rotto il suo fidanzamento.

Lo desiderava da otto anni, gravata dal rimorso dopo che la sua famiglia e i suoi amici l’avevano persuasa ad abbandonarlo per la sua mancanza di prestigio e denaro.

Persuasione è un romanzo che esplora le complessità del cuore, seguendo un protagonista intelligente, premuroso e maturo.

La persuasione, il cinema, non è una di quelle cose. Prende la storia di Austin e la trasforma in un trattato umoristico sugli appuntamenti moderni, pur mantenendo un’atmosfera da Regency.

Persuasion è attualmente il numero 1 su Netflix.  Foto / Nick Wall, Netflix
Persuasion è attualmente il numero 1 su Netflix. Foto / Nick Wall, Netflix

Anne sfonda costantemente la quarta parete in alcuni ammiccamenti cospiratori al pubblico, citando una tecnica usata con risultati molto migliori in Fleabag e The Office US. Ecco, cadi. Non vuoi essere ossessionato da lei perché il personaggio è scritto in modo troppo sottile e non c’è niente in cui impegnarsi.

Le critiche alle mani di Austin Fandom sono iniziate non appena è stato rilasciato il trailer con le scelte di stile della regista Carrie Cracknell che hanno suscitato molta costernazione. Quando l’uscita del film ha solo confermato queste preoccupazioni, è stata una stagione aperta.

La persuasione viene tirata completamente da tutte le parti. Sì, critici e fan sono alleati e sono stati molto onesti.

READ  Sette film italiani da Venezia 2020 proiettati a Seoul

La scrittrice di Vox Constance Grady non si è trattenuta: “È difficile sopravvalutare quanto sia persuasivo Netflix e in quanti modi” e “Come adattamento per persuadere Jane Austen, è un disastro”.

Stewart Heritage ha contestato The Guardian a nome di Fleabag e della sua creatrice, Phoebe Waller-Bridge. “C’è qualcosa di così odioso nel modo in cui Persuasion ruba a Fleabag che sembra la morte di qualcosa. È come se il team creativo di Persuasion avesse realizzato questo film appositamente per avvelenare la terra in cui un tempo si trovava Fleabag”.

O che ne dici di questa rimozione da Dana Stevens di Slate? Lo ha descritto come “non solo il peggior adattamento di Austin, ma uno dei peggiori film della memoria recente”.

Stevens ha toccato un punto al centro della maggior parte delle critiche, il goffo tentativo di modernizzare il lavoro di Austin per un pubblico giovane e il suo totale fallimento sul campo.

Ha scritto: “Gli infiniti tentativi di persuasione per compiacere un pubblico giovane presumibilmente incapace di comprendere alcun messaggio non veicolato tramite l’hashtag di Instagram hanno l’effetto esattamente opposto di ciò che si intende: non ci sentiamo invitati nel mondo di Anne Elliott ma costretti a fuggire da esso. “

Non è che Persuasion abbia osato camminare su un terreno sacro: Austin e altri classici della letteratura non sono sacri. Sono spesso adattati e molti hanno successo perché mentre queste storie persistono, atteggiamenti e aspettative stanno già cambiando. Questo non significa essere puri.

E non vuoi parafrasare la stessa cosa più e più volte senza offrirle una prospettiva diversa o nuova – qual è il punto?

READ  Jonathan Rhys Meyers come un uomo complicato

Allora, cosa rende la persuasione un caso speciale di assoluta ironia? Molto probabilmente, la sua combinazione di cercare di stare vicino al materiale di partenza in termini di struttura generale, ambientazione e personaggi cambiando non solo il tono ma anche la lingua. È l’aspetto linguistico che viene veramente giudicato.

Gli adattamenti non si fanno parola per parola, cambiare mezzo comporta uno spostamento, ma quando si va troppo oltre nella direzione opposta senza mettere tutto in riga, si crea un effetto paradossale.

Il testo di Persuasion è condito con anacronismi come “Se hai cinque anni a Londra, ne hai 10 a Bath!” o riferimenti a “playlist” (un insieme coordinato di note musicali) e sessioni di bevute nella propria stanza. Forse con un team di regia diverso, c’è una versione di questo film in cui avrebbero potuto riunirsi tutti, ma non è quel film.

Pensa alle recenti mod che hanno funzionato, di solito si dividono in due campi.

C’è un aggiornamento radicale che prende il contorno dell’originale e lo sposta in un ambiente completamente contemporaneo, respirando aria fresca in quella che sarebbe stata una semplice iterazione.

Questo è ciò che Amy Heckerling ha fatto a Emma di Austin, usandolo come base per Clueless trasformando una giovane donna privilegiata e viziata con un debole per intromettersi in una ragazzina ricca e ben intenzionata di Beverly Hills che sa come usare una carta di credito.

Il libro di memorie di Bridget Jones è stato l’ode diretta di Helen Fielding a Orgoglio e pregiudizio, e Il Re Leone ottiene più di qualche punto da Amleto.

10 cose che odio di te hanno trasformato l’Italia di Shakespeare in una scuola superiore americana mentre Fire Island ha trasformato orgoglio e pregiudizio in una strana storia.

READ  Il disegno di legge del Colorado vieta di viaggiare mostrando animali | divertimento

Questi film hanno onorato la sua ispirazione ma hanno reso proprie le storie, da una prospettiva unica per lei.

L’altro campo che devia dall’adattamento diretto sono quelli che rimangono nei limiti del tempo e cambiano l’atmosfera e l’energia. Soprattutto, mantengono la lingua, il divertimento di Austin o Charles Dickens.

L’adattamento cinematografico del 2020 di Emma, ​​​​con Anya Taylor-Joy, è un film color caramello con una sensibilità moderna ma mantiene fede nelle parole di Austin.

Con Personal History di David Copperfield, il creatore di The Thick of It Armando Iannucci intensifica la commedia disordinata dei cartoni animati di Dickens, ma non cerca di renderlo “chic e ora”.

Greta Gerwig “Piccole donne” ha attinto dal romanzo emotivamente ricco di Louisa May Alcott e ha accentuato il suo spirito audace con compassione e riverenza.

Poi c’è il meraviglioso Romeo e Giulietta di Baz Luhrmann, che trasforma il classico senza tempo di Shakespeare di amore giovanile condannato e tribalismo violento in un ambiente moderno che è ancora teatrale ma ha mantenuto le parole del drammaturgo.

I tentativi di persuasione arrogante di essere più rilevanti per il pubblico giovane moderno senza comprendere l’essenza del lavoro di Austen, cambiando casualmente il lessico, schiaffeggiando alcune tecniche fotografiche del 21° secolo e strizzando l’occhio al pubblico come se avesse una contrazione negli occhi, sono tra i ragioni per cui lo è. Fallito sorprendentemente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.