Cinema e mafia: il thriller italiano di Matteo Messina Denaro deve ancora raggiungere il suo apice?

Chi ha dato ordine a Reina e Messina Denaro di uccidere Falcone e Borsellino, e ha facilitato l’assassinio di due magistrati sotto pesante protezione? E dov’è il “taccuino rosso di Borsellino” scomparso dalla sua borsa di pelle, quella che portava sempre con sé? In che modo Messina Denarau ha deciso dove colpire e quando? Trent’anni di indagini non hanno risposto.

Quelle bombe e quegli omicidi stavano ricattando lo stato e facevano parte di una raffinata strategia terroristica. Chi ha suggerito gli obiettivi e perché? Tommaso Buscetta, il don mafioso che iniziò a parlare con Giovanni Falcone ea svelare i segreti dell’organizzazione, diceva sempre che i veri capi, quelli autorizzati a uccidere e fare strategie, erano a Roma.

Matteo Messina Denaro è stato arrestato, ma l’archivio di Riina, latitante, non è stato ancora ritrovato come il quotidiano Borsellino. E l’Italia attende ancora risposte.

(Francesca Marino è una giornalista ed esperta dell’Asia meridionale che ha scritto “Apocalypse Pakistan” con B Natale. Il suo ultimo libro è “Balochistan – Bruised, Battered and Bloodied”. Ha twittato a @francescam63. Questo è un articolo di opinione e le opinioni espresse sono proprietà dell’autore. Non approvato Quint non è responsabile delle sue opinioni riportate.)

READ  Il programma italiano presenta un nuovo corso: Black Italia: Identity, Belonging and Ethnicity nella primavera del 2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.