CIA: “Sindrome dell’Avana” “Impossibile” causata da forze straniere ostili Notizie dagli Stati Uniti

Un’indagine iniziale della CIA sul misterioso gruppo di sintomi noto come Sindrome dell’Avana ha scoperto che è improbabile che sia il risultato di una campagna globale di attacchi da parte di una potenza straniera contro diplomatici e spie americani.

Tuttavia, 24 casi, compresi alcuni di coloro che sono stati originariamente infettati all’Avana nel 2016, non possono essere spiegati e saranno ulteriormente studiati per la prova di un possibile attacco, secondo un alto funzionario della CIA informato su stampa americana.

“Anche se abbiamo fatto alcune importanti scoperte provvisorie, non abbiamo finito”, ha detto il direttore della CIA Williams Burns in una dichiarazione. “Continueremo la missione per indagare su questi incidenti e fornire accesso a cure di livello mondiale per coloro che ne hanno bisogno”.

Dallo scoppio dei sintomi originali, che includono l’udito strani suoni, vertigini, perdita di equilibrio, nausea e perdita di memoria, sono stati studiati più di 1.000 casi in tutto il mondo.

L’alto funzionario ha affermato che i risultati provvisori delle indagini della CIA hanno rilevato che la maggior parte dei casi potrebbe essere probabilmente attribuita a una condizione medica preesistente, fattori ambientali o stress.

Il Dipartimento della Difesa e un gruppo di esperti indipendenti stanno conducendo le proprie indagini e i rapporti devono ancora essere pubblicati.

I risultati della CIA indicano che dopo che i casi iniziali sono stati segnalati, centinaia di impiegati dell’ambasciata statunitense e dei servizi segreti hanno iniziato a chiedersi se i loro sintomi fossero correlati. Le agenzie governative hanno chiesto a chiunque pensino possa essere interessato a presentare una denuncia.

Mark Polymeropoulos, un ex alto funzionario della CIA che ha avuto sintomi gravi da quando ha visitato Mosca nel 2017, ha affermato che i risultati provvisori non hanno risolto nulla.

“Sembra che abbiano risolto un problema che hanno creato con la loro chiamata dati di gruppo, ma i casi sottostanti sono ancora lì. Quindi [are] Tornando al punto di partenza? ” lui chiesto su twitter.

In una dichiarazione, il gruppo di sostegno alle vittime della sindrome dell’Avana ha affermato: “La decisione di pubblicare il rapporto ora e con questa specifica serie di ‘conclusioni’ sembra essere una violazione della fede e un indebolimento dell’intento del Congresso e del Presidente di rimanere con noi dietro.

“Questo rapporto non è stato scansionato o coordinato da agenzie congiunte e dovrebbe fungere da valutazione di un’unica agenzia [CIA] solitudine.”

Il segretario di Stato Tony Blinken ha detto che le indagini continueranno.

“Continueremo a fare tutto il possibile, con tutte le risorse che possiamo avere, per capire, ancora una volta, cosa è successo, perché e chi potrebbe essere responsabile”, ha detto Blinken in una conferenza stampa a Berlino. “E non risparmiamo alcuno sforzo senza capovolgerlo.”

READ  Audizione del Senato sulle rivolte del Campidoglio: il capitano della polizia offre nuovi dettagli scioccanti sull'insurrezione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.