Chi è Eniola Aluko? La prima donna africana ad essere nominata nel consiglio di amministrazione di una società di calcio femminile in Italia

Eniola Aluko, ex direttore sportivo britannico-nigeriano dell'Aston Villa e dell'Angel City in Inghilterra, ha fatto la storia diventando la prima donna africana a raggiungere il consiglio di amministrazione del club femminile di Serie A FC Como.

Mercury 13 Investment Group, che si concentra sullo sviluppo dei club di calcio femminile, ha recentemente completato un'acquisizione da 100 milioni di dollari assicurandosi una partecipazione di controllo nel Como Women, una squadra che gareggia in Serie A. L’anno scorso, il gruppo, guidato da Victoire Cogevina-Reynal, Mario Malavi, Eniola Aluko e Ebro Koksal di Women in Football, ha annunciato l’intenzione di rilevare i club di calcio femminile in Europa e America Latina.

Como Women, che attualmente milita nella massima serie femminile italiana, si trova nella pittoresca zona che circonda il Lago di Como, nota per i suoi ricchi residenti come George Clooney e Richard Branson. La squadra gioca le partite casalinghe a Cerigno, a circa 14 miglia a sud del lago, e attira una folla media di 1.700 spettatori a partita.

Dopo essere passata dalla carriera da giocatrice, la nativa di Lagos si è rivolta alle trasmissioni calcistiche e ora si sta dedicando alla proprietà sportiva con il gruppo Mercury 13. La sua proprietà del Como Football Club non solo rappresenta una pietra miliare storica per le donne nere nel calcio italiano, ma segna anche un passo avanti verso la diversità e la rappresentanza nella proprietà sportiva.

Crescendo

Eniola Aloko è nata a Lagos, in Nigeria, e si è trasferita a Birmingham, in Inghilterra, quando aveva sei mesi, dove ha sviluppato la sua passione per il calcio mentre giocava con suo fratello e i suoi amici. Ha iniziato la sua carriera al Leffield Athletic Women prima di unirsi alla squadra giovanile femminile del Birmingham City, dove ha fatto un debutto impressionante a soli 14 anni.

READ  Sabalenka è stata rovesciata da Giorgi a Eastbourne

L'impegno del Gruppo Mercury 13 a investire nelle squadre di calcio femminile sottolinea il crescente interesse e gli investimenti in questo sport a livello globale. Sotto la guida di Eniola Aluko, il gruppo mira a costruire un portafoglio di club femminili e a sfruttare la crescente popolarità del calcio femminile per stimolare la crescita e lo sviluppo di questo sport.

Viaggio nel calcio

Eni Aluko, cresciuta giocando a calcio insieme a suo fratello Sonny Aluko e ai suoi amici, ha praticato anche altri sport come il tennis ed è stata una fedele sostenitrice del Manchester United.

Il suo viaggio nel calcio di 37 anni è iniziato al Leafield Athletic Ladies, seguito da un periodo nella squadra giovanile del Birmingham City Ladies sotto la guida di Marcus Bignot.

Prima di ritirarsi dal calcio professionistico nel gennaio 2020, Eniola Aluko ha anche fornito commenti televisivi sul calcio, comprese le Coppe del Mondo FIFA maschili e femminili.

Dall'analisi calcistica alla proprietà dei club

Il percorso di Eniola Aluko da giocatrice professionista a proprietaria di un club testimonia la sua dedizione al calcio per avere un impatto positivo. Essendo una figura affermata nel mondo del calcio, si prevede che la sua partecipazione aumenterà il profilo del calcio femminile in Italia e ispirerà le future generazioni di investitori e proprietari di sport neri.

Dal 2014 trasmette regolarmente partite di calcio in diretta su ITV, BT Sport, Amazon Prime e Fox Sports, comprese le partite della Premier League maschile e della Super League femminile. È stata la prima direttrice sportiva donna per l'Angel City FC nel della US National Soccer League For Women, ha precedentemente ricoperto la carica di direttore sportivo presso l'Aston Villa Women's Football Club da gennaio 2020 a giugno 2021.

READ  "Voglio solo restare qui" - Stefan Omayunga ama la vita a In-Form Livingston

L'acquisizione dell'FC Como Women da parte del gruppo Mercury 13, guidato da Eniola Aluko, segna una tappa importante nella storia del calcio italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *