Challenge Cup: i guai casalinghi di Bath e Perpignan danno ai Glasgow Warriors una speranza di progresso

Nonostante siano finiti tra i primi otto nello United Rugby la scorsa stagione, i Glasgow Warriors si trovano nella posizione insolita di iniziare una campagna europea nella Second Division Challenge Cup e aprire con una trasferta a Rec per giocare a Bath sabato.

Cameron Redpath sarà probabilmente nella squadra del Bath contro il Glasgow nella Challenge Cup. (Foto di Ryan Hiscott/Getty Images)

Negato un posto nella Heineken Champions Cup, il club Scotstone è stato vittima del sistema di scudetti URC che tenta di garantire una rappresentazione geografica più equa nelle competizioni europee di rugby. La sconfitta di Glasgow è stata la vittoria degli Ospreys, poiché la squadra con sede a Swansea è passata alla Coppa dei Campioni come vincitrice del Welsh Shield nonostante sia finita sotto i Warriors nell’URC.

Il Glasgow, che è arrivato primo contro l’Edinburgh nello Scottish-Italian Shield, deve accontentarsi della Rugby Challenge Cup visto che è stato sorteggiato nel Gruppo A e ospiterà il Perpignan sei giorni dopo la gara d’esordio di Bath. Poi giocano partite inverse contro lo stesso avversario a gennaio nella rinnovata fase a gironi. Nessuno dei due avversari ha mostrato molto in termini di forma, con il Bath che ha perso in casa contro gli Harlequins venerdì sera portandoli a una serie di tre vittorie e sei sconfitte in nove partite di Premier League finora. La scorsa stagione è arrivato ultimo in classifica, ma una squalifica per la retrocessione gli ha permesso di mantenere il posto in Prima Divisione.

Il Perpignan è arrivato penultimo tra i primi 14 la scorsa stagione ed era nella stessa posizione prima della trasferta di ieri contro la capolista Tolosa. Tra i loro uomini pericolosi c’è Geronimo de la Fuente, capocannoniere dell’Argentina contro la Scozia a Murrayfield il mese scorso.

Come il suo fratello maggiore Heineken, la Challenge Cup vedrà la partecipazione di squadre sudafricane in questa stagione, con i Lions e i Leopardi che si uniranno alla festa. I Lions sono stati i peggiori interpreti delle franchigie sudafricane nell’URC la scorsa stagione, finendo 12°, mentre i Cheetahs di Bloemfontein facevano parte del vecchio Pro14 ma non sono stati invitati a unirsi all’URC.

“Penso che abbiamo visto con l’URC che è stato un successo, quindi è stato naturale per quelle squadre partecipare alla Heineken Champions Cup e alla EPCR Challenge Cup”, ha dichiarato il presidente dell’EPCR Dominic Mackay.

Il formato già complesso è stato ulteriormente complicato dal ritiro del calabrone di Worcester, vittime del collasso finanziario e del loro futuro incerto.

Il centrocampista del Perpignan Jerónimo de la Fuente ha segnato una meta per l’Argentina contro la Scozia. (Foto di Mark Ranacles/Getty Images)

Ogni squadra della Challenge Cup giocherà quattro partite della fase a gironi e le prime sei di ciascuno dei due gironi avanzeranno agli ottavi di finale dove saranno raggiunte da quattro squadre retrocesse dalla Heineken Champions Cup. La competizione continua a eliminazione diretta, con la finale all’Aviva Stadium di Dublino il 19 maggio, la sera prima della finale di Coppa dei Campioni nella stessa sede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.