Centro educativo mediterraneo a Roma

Contenuto dell’articolo

Vincenzo Boccia, Presidente Luis: L’istruzione universitaria è il prerequisito per lo sviluppo sociale e le competenze di transizione sono la chiave

Contenuto dell’articolo

ROMA, 3 AGOSTO 2022 (GLOBE NEWSWIRE) – Un approccio educativo innovativo incentrato sull’interdisciplinarietà, la Lewis University of Rome affronta le sfide dell’istruzione superiore in un mondo in cui le questioni storiche: l’ambiente, la crisi economica, le tensioni politiche e diplomatiche, le migrazioni, le imprese sistemi e capitalismo digitale richiedono soluzioni internazionali. Vi è una crescente pressione non solo sulle istituzioni e sulle imprese, ma anche sugli istituti di istruzione superiore. Per questo Vincenzo Boccia, Presidente Luiss, punta a creare a Roma un centro educativo per il Mediterraneo per creare reti di conoscenza, diplomazia, economiche e commerciali, in cui l’Italia deve avere un ruolo centrale.

Contenuto dell’articolo

Un piano a lungo termine propone un’operazione di soft power che durerà per i prossimi cinque-dieci anni e che vede Lewis in prima linea tra i nuovi atenei emergenti nell’area mediterranea, tra i paesi dell’Unione Europea e il Nord Africa. “La nostra sensibilità al tema della creazione di una rete universitaria euromediterranea è molto alta e condividiamo l’idea di una strategia a lungo termine in questa direzione”, afferma Boccia. La Luiss è la 22a università nella classifica QS per Studi Politici e Internazionali e la 10a in Europa. Da tempo sviluppa opportunità educative per studenti del Mediterraneo, dell’Africa e del Medio Oriente con l’obiettivo di supportare l’Italia e i paesi limitrofi nel nutrire una classe di leader fidati, impegnati nello sviluppo delle loro comunità e collegati all’Italia. “L’istruzione universitaria è il prerequisito per lo sviluppo sociale e dobbiamo spingere per l’espansione delle competenze traslazionali. È richiesta non solo per il lavoro ma per ogni aspetto della vita sociale. Pertanto, è necessario costruire ponti di legami universitari con il Regioni mediterranee e africane, e pensare a lungo termine”, afferma Boccia. L’Italia deve impegnarsi con forza, ma serve anche un’operazione di vasta portata. Prosegue Boccia: “Dobbiamo aumentare il numero dei laureati, che ora è inferiore al 30%, e aumentare le opportunità con il programma delle borse di studio, non come puro lusso, ma come grande atto di interesse nazionale”.

READ  Un giudice italiano dichiara che Salvini non può essere processato in un caso di nave di migranti

per maggiori informazioni:
Direttore Comunicazione e Ufficio Stampa LaPresse SpA
Barbara Sanicola barbara.sanicola@lapresse.it

L’immagine che accompagna questo annuncio è disponibile all’indirizzo https://www.globenewswire.com/NewsRoom/AttachmentNg/697c3b22-7298-4e36-a000-0c7d4ce3510e

Immagine disponibile anche su Newscom, www.newscom.comE tramite AP PhotoExpress.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.