Cannizzaro tiene il passo con la velocità come parte della squadra di cross country Blue Raider

Murfreesboro, Tennessee. — Quando si parla dell’arte della corsa la parola che viene subito in mente è velocità. Quando si pensa alla vita in generale, la velocità è una parola che spesso è sepolta nella nostra routine quotidiana, eppure spesso prende il sopravvento su tutto ciò che ci circonda.

A seconda della fase in cui ti trovi e da dove vieni, ciò ha un enorme impatto sul ritmo con cui vivi. È un peccato che molte persone lascino che sia la vita a dettare il proprio ritmo invece di fare tutto il possibile per dettare il proprio ritmo. Un ottimo esempio di qualcuno che fa quest’ultimo è l’atletica leggera maschile del Middle Tennessee Carmelo Cannizzaro.

Cannizzaro proviene da Modica, Italia, una città con più o meno la stessa popolazione di Smirne, Tennessee, situata al largo della costa italiana della Sicilia. Il ritmo a Modica è molto più lento rispetto alla maggior parte dei posti negli Stati Uniti, dove siamo abituati al trambusto di andare al lavoro, tornare a casa, sciacquarci e ripetere il giorno successivo. A Modica, gli indigeni sono orgogliosi di trascorrere quanto più tempo possibile insieme, che sia con la famiglia, gli amici o i vicini. Questo non vuol dire che non succeda qui negli Stati Uniti, ma non è raro in Italia che zia, zio e cugini vengano a trovarci ogni sera per condividere una grande cena, anche a metà settimana.

“Ho passato molto tempo nelle parti più vecchie della città a giocare con gli altri bambini dopo la scuola”, ha detto Cannizzaro. “Una delle differenze più grandi tra l’Italia e gli Stati Uniti è la vita sociale. In Italia ci si conosce a un livello più profondo. Qui di solito le persone lavorano tutto il giorno e poi tornano a casa e magari guardano un film o qualcosa del genere.” così prima di andare a letto.” “In Italia andiamo molto a casa degli altri. Andiamo a cena con la famiglia o gli amici, facciamo molte passeggiate in centro, cose del genere.”

Il vecchio stile moresco degli edifici incarna le persone che vivono a Modica, che hanno un approccio alla vita più lento e più antico rispetto agli standard odierni qui negli Stati Uniti. È un valore che Cannizzaro ha ancora a cuore, ma che alla fine ha utilizzato in meglio quando si guarda indietro alla sua carriera atletica.

READ  Programma ed eventi olimpici da guardare sabato

Per la sua vicinanza alla spiaggia, Cannizzaro trascorreva molto tempo al mare sia d’estate, quando faceva molto caldo, che anche nel mite inverno. A soli 10 minuti di auto dal suo alloggio, la spiaggia era il luogo in cui poteva rilassarsi e sentire la libertà e la pace offerti dallo scenario lungo la costa italiana.

Oltre a trascorrere del tempo con la famiglia e gli amici, lo sport divenne presto una parte importante della vita di Modica. All’età di nove anni Cannizzaro iniziò a giocare per una squadra di calcio privata. Probabilmente lo sport più popolare non solo in Italia, ma nel mondo intero, Cannizzaro ha acquisito preziose capacità dal calcio in termini di perseveranza, leadership e urgenza. Come gli ha detto il suo allenatore, ha fatto tutto bene tranne calciare il pallone. Il suo periodo nel calcio è durato quattro anni prima di passare alla corsa su pista, che Cannizzaro ha intrapreso come qualcosa di divertente per trascorrere più tempo con alcuni dei suoi amici e compagni di classe.

Questo fino a quando l’allenatore Salvo Pisana gli disse che poteva vedere del vero potenziale in Cannizzaro.

“A scuola, abbiamo avuto un incontro in cui hanno strutturato il tutto in modo che se finivi tra i primi cinque a scuola, potevi passare a una gara più grande”, ricorda Cannizzaro. “Il mio allenatore mi ha messo in gara e ho vinto. Era la mia prima gara in assoluto. Dopo quell’incontro, ho iniziato a parlare con altri allenatori e ho iniziato a prendere sul serio la corsa.”

Mentre di solito siamo abituati ai bambini che iniziano a fare sport all’età di quattro o cinque anni, Cannizzaro non ha scoperto cosa gli è rimasto impresso e in cosa era veramente bravo fino all’adolescenza. Controllava il ritmo della sua vita e non cercava di imporre nulla. Aggiungete a ciò l’influenza del suo allenatore, Salvo Pisana, e di Giuseppe Giratana, un corridore professionista della nazionale italiana, e avrete una carriera che stava germogliando a un ritmo veloce per Cannizzaro, molto diverso dal ritmo tradizionalmente più lento di Cannizzaro. . La vita nella natia Modica.

Cannizzaro divenne rapidamente nel radar dello staff tecnico del Blue Raider poiché vinceva gare non solo per la sua scuola, ma a livello nazionale, affermandosi come uno degli adolescenti più veloci del paese.

“Devo ringraziare molto (Pisana e Giratana) perché hanno visto in me il potenziale e mi hanno spinto a migliorare”, ha detto Cannizzaro. “(Giratana) era un vero professionista, ho lavorato molto con lui e lo ammiravo. Era un vero professionista, quindi era qualcosa che volevo essere un giorno. È semplicemente qualcosa che mi ha ispirato”.

READ  L'affascinante fidanzata di Cristiano Ronaldo è stata avvistata mentre filmava un documento Netflix sulla vita con la superstar della Juventus

Quell’ispirazione, ovviamente, ha fatto guadagnare a Cannizzaro un posto nella squadra di atletica leggera e di sci di fondo qui alla MTSU, una destinazione che si è rivelata estremamente vantaggiosa per la carriera di Cannizzaro. È cresciuto molto non solo come corridore, ma come persona che sta sperimentando uno stile di vita diverso negli Stati Uniti.

“Adoro lo stile di vita universitario”, ha detto Cannizzaro. “Puoi goderti la vita sociale come quando vivevo in Italia. Qui è tutto vicino. Frequenti le lezioni per la specializzazione nella stessa università e passo molto tempo con i miei compagni di squadra, quindi è simile all’Italia in questo senso.”

Ma non è stato dei più facili integrarsi da matricola, dato che Cannizzaro ha faticato un po’ a fare amicizia con la barriera linguistica, e in pista si è reso conto che la concorrenza ora era veloce quanto lui, e anche più veloce in alcuni casi. In Italia, correre su pista e cross country durante la crescita era più individualistico.

Era un ritmo diverso. Certo, hai imparato come correre e seguire il tuo ritmo e tutti i diversi fondamenti che erano importanti per avere successo, ma l’importanza di fare affidamento sui tuoi compagni di squadra e di acquisire conoscenze da loro per aiutarti quando non sei così forte e fai lo stesso cosa. Per loro è stato qualcosa che ha imparato quando è arrivato alla MTSU.

Imparando dal campione nazionale Keijin Chimade e dal capo allenatore Keith Froman Ben presto, Cannizzaro divenne un importante collaboratore del roster Blue Raider sia in pista che in cross country.

“È stata dura quando sono arrivato qui perché non ero abituato a non essere il ragazzo più veloce in circolazione”, ha detto Cannizzaro. “Mi chiedevo perché fossi qui. Non ottenevo risultati. I miei compagni di squadra mi hanno aiutato molto. Kegen (Chimade) è stato un’ispirazione per allenarmi con lui. Era il migliore. So che devo sforzarmi per essere proprio come lui .” “Ho giocato gli Europei e l’anno scorso sono stato il secondo giocatore in Italia. Ho visto i risultati degli allenamenti con giocatori come lui e con tutti gli altri miei compagni di squadra”.

READ  "Maradona è un artista, stavo per fare un film con lui. Napoli-Roma? Per me è difficile..."

Da matricola, ha contribuito a conquistare l’oro ai Campionati della Conference USA durante il DMR con un tempo di 10:01.00, è arrivato sesto nelle finali degli 800 metri dei Campionati CUSA con un tempo di 1:55.64, con un tempo di 26:13.5 durante il Gara di 8 km ai Campionati CUSA XC, ha aiutato la sua squadra a conquistare il titolo della conferenza e ha ottenuto un record personale di 9: 07.46 nella corsa a ostacoli di 3.000 metri, un evento in cui Chemadi è diventato campione nazionale ed è anche uno dei preferiti di Cannizzaro.

La scorsa stagione ha corso il tempo di 26:58.6 negli 8K al CUSA Nel campionato CUSA.

Finora quest’anno, Cannizzaro ha aiutato la squadra di sci di fondo maschile dei Blue Raider a raggiungere il secondo posto al Memphis Twilight Classic insieme ad un altro paio di piazzamenti tra i primi cinque al Southern Showcase e al Crimson Classic.

Come corridore di lunga distanza, la velocità è tutto. Lo stile di vita più lento, “accettare la vita così come viene” a Modica, in Italia, ha reso Cannizzaro il corridore paziente ma opportunista che è oggi. Ma il giovane Cavaliere Blu sa che a volte nella vita è necessario accendere gli aerei e muoversi velocemente per cogliere le opportunità non solo nelle corse, ma nella vita mentre continua il suo viaggio.

Vuole lavorare professionalmente dopo il college, ma sa che, qualunque cosa accada, è attrezzato per continuare la vita perché le fondamenta che ha costruito a Modica e l’atto di fede che ha fatto venendo a Murfreesboro per competere e continuare la sua istruzione sono a posto. . Lo hai trasformato in una persona che non solo gode del successo e della felicità che ottieni nella vita, ma ha fame di continuare a inseguire quella sensazione.

“Se mi avessi chiesto se venire o meno alla MTSU per il mio primo semestre da matricola fosse una buona idea, ti avrei detto che volevo tornare a casa”, ha detto Cannizzaro. “Ma ora sono molto felice di essere qui. Ho una grande squadra, ottimi allenatori e grandi opportunità a scuola e negli allenamenti. In Italia è stato molto difficile andare all’università e continuare ad allenarsi”. Quindi sono felice di essere venuto qui dove posso fare entrambe le cose”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *