Calcio | Coppa del Mondo 1982 | Italia-Brasile

Pronuncia il nome Paolo Rossi e c’è una partita a cui tutti pensano subito. Rimane una delle più grandi partite di Coppa del Mondo di tutti i tempi e la straordinaria tripletta di Rossi continua ad essere citata come una delle più grandi esibizioni artistiche sulla scena mondiale.

40 anni dopo, nessun Mondiale ha avuto una partita – o una storia – del genere. Rossi è passato da giocatore truccatore caduto in disgrazia e squalificato ad attaccante poco performante prima di essere l’eroe delle triplette dell’Italia nella vittoria cruciale del secondo turno del girone contro il Brasile. Ha segnato sei gol in una settimana quando gli Azzurri hanno alzato la loro terza Coppa del Mondo.

È davvero una delle svolte più sorprendenti nella storia del calcio.

leggi di più:

· Perché catturando la città il Palermo ha perso almeno un tifoso

· L’Inghilterra di Weigman può vincere Euro 2022?

· Il Brasile è 9/2 favorito per la Coppa del Mondo*

Rossi è stato uno dei 20 giocatori coinvolti nello scandalo delle corse Todonero del 1980 e, sebbene abbia sempre affermato la sua innocenza, è stato squalificato per tre anni per il suo coinvolgimento. La squalifica lo escludeva da Euro 80 e avrebbe dovuto bandirlo anche dai Mondiali del 1982, ma dopo che la Juventus lo aveva rassegnato a un anno di squalifica, le autorità hanno ridotto la squalifica a 12 mesi per consentirgli di qualificarsi alle finali. Spagna.

Non ha iniziato bene le finali, cosa prevedibile data la sua mancanza di calcio nei due anni precedenti. Gli Azzurri hanno segnato solo due gol in tre pareggi e la mancanza di potenza di fuoco di Rossi ha portato molti a chiedere all’allenatore Enzo Piersot di eliminarlo per le partite della seconda fase a gironi contro Argentina e Brasile. Ma l’Italia ha battuto 2-1 i campioni in carica e Rossi, nonostante non fosse riuscito a ritrovare la rete, è stato autorizzato ad affrontare il Brasile a Barcellona il 5 luglio.

READ  La Spagna raggiunge il record di 47,2 C (116,96 F)

Con il Brasile che necessitava solo di un pareggio per passare alle semifinali a spese dell’Italia, era imperativo che gli italiani portassero la partita contro la migliore squadra brasiliana dalla finale di Pelé nel 1970. Nemici fin dall’inizio.

Cinque minuti dopo Rossi ha mancato il bersaglio. Su cross di Antonio Cabrini, l’attaccante batte di testa Valdir Perez all’incrocio dei pali. Il vantaggio non dura a lungo e Socrate pareggia sette minuti dopo, ma l’Italia torna in vantaggio a metà del primo tempo e ancora Rossi trova il segno.

Doninho si avventa su un passaggio libero di Cerezo e Rossi carica e abbaglia. Arrugginito e oggettivamente timido, era improvvisamente sicuro di sé e clinico.

Ancora una volta, i favoriti hanno reagito. Falcao porta a casa un tiro superbo dal limite dell’area da una mossa fluida che trascina la difesa italiana da questa parte. Ma ancora una volta, Rosie aveva una risposta. Su corner di destra, Marco Tortelli tira in porta, Rossi devia il tiro da sei metri.

Un classico istantaneo di una partita di calcio aveva una trama avvincente. Dalla disgrazia nazionale allo status di eroe nazionale, Rossi è stato il volto di uno dei più grandi incontri della Coppa del Mondo.

Non si è fermato qui. Ha segnato entrambi i gol nella semifinale vinta per 2-0 della La Nacional sulla Polonia e nella vittoria per 3-1 dell’Italia sulla Germania Ovest nella finale di Madrid. Rosie torna a Bell Pies come qualcuno indissolubilmente legato agli eventi di quella partita. Dopo le sue imprese al Barcellona nel 1982, non ha mai più raggiunto tali vette, ma il suo nome non è altro che venerato negli ambienti del calcio italiano.

READ  Gli italiani proteggono Dante dal chiamare Shakespeare "anni luce" | Libri

Chiamatela la partita di Paolo Rossi, il rinascimento italiano, il fallimento di una delle più grandi squadre internazionali di tutti i tempi. Qualunque cosa tu voglia chiamarla, questa è una delle migliori partite di calcio che vorrai mai vedere.

*18+ | BeGambleAware | Le quote sono soggette a modifiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.