Brett, 25 anni, è stato ucciso in Spagna dopo essere caduto sul famigerato monte “Devil’s Passage”

Un uomo britannico è morto dopo essere caduto sulla famigerata montagna “Devil’s Passage” nel nord della Spagna.

Il 25enne alloggiava in un hotel nella città di Ibar, nella provincia di Gibuzcoa, con un amico e un alpinista nei Paesi Baschi, ha riferito il Guardian. El Curio.

Secondo quanto riferito, ha rotto con il suo compagno di scalata e ha continuato da solo a navigare sulla vetta calcarea del Monte Anpututo giovedì pomeriggio in condizioni tempestose.

Si sospetta che le dure condizioni abbiano causato la caduta dello scalatore senza nome mentre cercava di percorrere la strada esposta, che è nota per essere difficile da scalare in caso di pioggia.

I servizi di emergenza si sono precipitati a trovare il giovane ed è stata condotta una perquisizione notturna per localizzarlo, inclusi elicotteri, cani da soccorso e la Croce Rossa.

Il suo corpo è stato recuperato venerdì dall’Unità di Sorveglianza e Soccorso di Erzeanza con l’aiuto di un elicottero. Resta inteso che l’uomo era un turista in vacanza.

Un portavoce delle forze dell’ordine di Erzeanza ha dichiarato: “I servizi di emergenza hanno identificato il cadavere di un alpinista che stavamo cercando da giovedì sera.

“L’allarme è stato lanciato intorno alle 20:30, dicendo che il 25enne era scomparso vicino alla vetta del Monte Alluitz.

“Il suo corpo è stato trovato da un elicottero della polizia in un luogo chiamato Canal de Inferno Zuppi, vicino a Alwitz Peak, dove sembra che potrebbe essere caduto”.

Devil’s Trail – Paso del Diablo in spagnolo – è un’area tra il Monte Eleutz e Amputo che è nota per essere difficile anche per gli alpinisti più esperti e in precedenza ha causato vittime.

READ  L'avvocato di Chauvin chiede che il processo venga rinviato dopo l'accordo familiare di George Floyd di $ 27 milioni | George Floyd

Julen Fernández Etxebarria, presidente del Club alpino Tabira di Durango, ha detto a El Correo che la montagna rimane popolare tra gli escursionisti nonostante i frequenti scivolamenti sul calcare insidioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.