Boris Johnson salta il vertice sul clima di Joe Biden a cui hanno partecipato 16 leader mondiali

Boris Johnson ha saltato un vertice virtuale sul clima ospitato da Joe Biden per i leader mondiali, nonostante altri 15 capi di stato e di governo abbiano preso parte ai colloqui.

I leader di Germania, Giappone, Australia, Canada e Indonesia, e il capo della Commissione europea, sono stati tra coloro che hanno discusso dell’emergenza climatica, tra la crescente preoccupazione per gli eventi meteorologici estremi.

Ma Johnson ha inviato Alok Sharma, il capo dei colloqui della Cop26 lo scorso anno a Glasgow, al vertice online, optando invece per una seconda visita nell’Ucraina dilaniata dalla guerra.

Il primo ministro, sotto accusa per la partenza del suo consigliere etico, è criticato per il fatto che si stia rivolgendo alla sua stretta alleanza con Volodymyr Zelensky in tempi di estremo pericolo politico.

La decisione è arrivata come autore Atto storico sul clima 2008 Che inizialmente impegnava il Regno Unito a tagli profondi delle emissioni di anidride carbonica, il Primo Ministro ha accusato di “mettere in scena” la crisi climatica.

Briony Worthington condannato Nuove perforazioni di petrolio e gas nel Mare del Nord E il proseguimento del divieto governativo ai parchi eolici onshore, richiesto dai parlamentari conservatori.

“Ciò di cui abbiamo bisogno è una grande attenzione per farci risparmiare energia, per tornare ai bei vecchi tempi in cui siamo rimasti indietro rispetto ai nostri loft e rendere le nostre case più calde”, ha detto alla BBC.

“Dobbiamo anche aumentare in modo significativo il nostro investimento in elettricità pulita, che può essere fatto rapidamente. E il più veloce e veloce sarà l’eolico, il solare, l’eolico onshore e il solare.

READ  Viktor Orban Zelensky ha descritto l'Ucraina come un "nemico" dopo la vittoria elettorale dell'Ungheria

“Esplorare più combustibili fossili è una soluzione sbagliata in quanto non sarà raggiunta in tempo, ma contribuisce anche al cambiamento climatico, che aggraverà molti dei problemi che dobbiamo affrontare”.

Il Regno Unito detiene ancora la presidenza della Cop fino al prossimo incontro in Egitto a novembre, un evento rovinoso dopo aver fallito nel raggiungere un accordo a Glasgow per evitare il cambiamento climatico incontrollabile.

La Casa Bianca ha affermato che il Major Economies Forum è stato progettato per portare avanti “gli sforzi per utilizzare tutte le leve per affrontare la crisi climatica globale”.

Inoltre “affronta urgentemente i crescenti costi in tutto il mondo che sono stati esacerbati dalla guerra della Russia contro l’Ucraina e pone gli Stati Uniti e i loro alleati su un percorso a lungo termine verso la sicurezza energetica e alimentare”.

L’azione di salto di Johnson arriva dopo che il presidente degli Stati Uniti ha rifiutato di partecipare all’incontro sul clima ospitato dal primo ministro a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite lo scorso settembre.

“Il fatto che Boris Johnson abbia partecipato o meno al vertice di Biden non cambia il recente rollback climatico del suo governo”, ha affermato Jimmy Peters, attivista di Friends of the Earth.

“Ha detto tutte le cose giuste ai colloqui sul clima di novembre, ma il mese scorso il suo governo ha annullato una decisione locale sull’esplorazione del gas nel Surrey e ha incoraggiato nuovi investimenti nel petrolio e nel gas del Mare del Nord”.

Un portavoce al decimo posto ha insistito sul fatto che Johnson fosse “guida sul cambiamento climatico” e ha sottolineato il suo “pieno impegno” per raggiungere lo zero netto entro il 2050, come previsto dalla legge.

READ  Come potrebbe il George Floyd Police Justice Act limitare i poteri di polizia negli Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.