Bolsonaro rompe il silenzio elettorale ma rifiuta di riconoscere la vittoria di Lula | Brasile

Il presidente di estrema destra del Brasile Jair Bolsonaro L’ho quasi rotto È rimasto in silenzio per due giorni sulla sua sconfitta alle elezioni presidenziali di domenica – Ma ha rifiutato di congratularsi o riconoscere la vittoria del suo rivale Luis Inacio Lula da Silva.

Bolsonaro ha perso quelle che sono state ampiamente considerate le elezioni brasiliane più importanti degli ultimi decenni con un margine di 2,1 milioni di voti – dal 50,9% al 49,1% – e dozzine di leader mondiali hanno rapidamente riconosciuto la vittoria di Lula.

Ma Bolsonaro non disse nulla, con Rapporti sui media locali Il che suggerisce che il populista di destra si nascondesse nella sua residenza presidenziale, consumato da rabbia, disperazione e incredulità.

In una breve apparizione martedì pomeriggio, Bolsonaro ha finalmente rotto il silenzio, in mezzo al crescente malcontento pubblico per la sua posizione antidemocratica.

“I nostri sogni sono più vividi che mai”, ha detto il 67enne ai giornalisti convocati al Palazzo Alvorada nella capitale Brasilia.

Tuttavia, Bolsonaro, il primo presidente a perdere la rielezione nella storia del Brasile, non ha indicato il vincitore delle elezioni e non ha detto se avrebbe accettato il risultato.

Ha ringraziato i 58 milioni di elettori che hanno sostenuto la sua campagna fallita, ma non ha detto esplicitamente che avrebbe onorato la vittoria di Lula.

“Come presidente e come cittadino, continuerò a seguire tutti i comandamenti della nostra Costituzione”, ha detto vagamente Bolsonaro.

Dopo che Bolsonaro ha consegnato il suo messaggio, il suo capo di stato maggiore Ciro Nogueira ha indicato che la sua amministrazione non si sarebbe opposta al risultato elettorale.

READ  Il governo si rammarica della confusione sulla decisione di dare la priorità all'evacuazione dall'Afghanistan di beneficenza per il benessere degli animali | Notizie dal Regno Unito

“Presidente Jair Bolsonaro …Mi ha detto che quando saremo provocati secondo la legge, inizieremo il processo di transizione”.

Presto maggiori dettagli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.