bne IntelliNews – Il premier italiano Meloni si reca in Algeria per firmare un importante accordo sul gas

Il 24 gennaio il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha concluso una visita di due giorni in Algeria. Sarà la sua prima visita ufficiale nel Paese nordafricano, anche se il suo predecessore, Mario Draghi, ha visitato Algeri due volte l’anno scorso.

L’obiettivo principale della visita era quello di consolidare le relazioni diplomatiche e commerciali e raggiungere un accordo per aumentare le esportazioni di gas. I dettagli dell’accordo sono stati negoziati da Mario Draghi durante le sue precedenti visite della scorsa estate.

L’accordo, siglato con la società del gas statale algerina Sonatrach, invierà all’Italia 9 miliardi di metri cubi di gas in aggiunta alle forniture già in transito attraverso il gasdotto TransMed.

Questa infrastruttura critica collega l’Algeria alla Sicilia attraverso la Tunisia e sotto il Mar Mediterraneo; La sua espansione è già pianificata e la capacità attuale è di 33,5 bcm all’anno.

Tuttavia, secondo l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi, la Meloni è andata ad Algeri.[The current capacity] Ancora inutilizzato. Più di 10 km per raggiungere l’Italia”.

Intervenendo in conferenza stampa, Meloni ha dichiarato: “Oggi l’Algeria è il nostro primo fornitore di gas. Ho visto firmare due accordi tra Eni e Sonatrac: un accordo per la riduzione dei gas serra; [GHGs] Per lo sviluppo sostenibile, e un secondo grande affare per incrementare ulteriormente le forniture di gas algerino all’Italia (e quindi all’Ue), e la progettazione di un nuovo gasdotto per il trasporto dell’idrogeno e dell’Algeria per la produzione di GNL. Tutto sommato, è un promettente mix energetico che potrebbe proteggere l’Italia dall’attuale crisi energetica.

L’Algeria è rapidamente diventata il principale fornitore di gas dell’Italia e Roma si è dimostrata un partner affidabile nell’abbandono del gas russo, che ha rappresentato quasi il 40% delle importazioni del paese lo scorso anno, rendendo l’Italia la seconda maggiore economia dell’UE dipendente dal gas russo. Dopo la Germania.

READ  101 momenti memorabili della Coppa del Mondo: la controversa vittoria dell'Italia sulla Corea del Sud

Prima dell’invasione russa dell’Ucraina, l’Algeria forniva già il 30% del fabbisogno di gas naturale dell’Italia nel 2021. Attualmente rappresenta il 38% delle importazioni del paese. Il nuovo accordo rappresenta un passo avanti nella cooperazione di Roma con Algeri e riflette le ambizioni dell’Italia di essere un hub di transito per il trasporto del gas africano più a nord verso altri paesi dell’UE.

“L’Italia dovrebbe diventare un hub europeo per il gas algerino. Un punto di incontro per gli altri Paesi dell’Ue”, ha detto Abdelgrim Touaria, ambasciatore dell’Algeria a Roma, presente all’evento.

Per farlo, però, l’Italia deve continuare a espandere la propria rete nazionale del gas e creare nuovi corridoi energetici verso Germania, Austria e Svizzera.

A margine di una visita ufficiale, Meloni e il primo ministro algerino Abdelmadjid Debon hanno visitato un giardino ad Algeri dedicato a Enrico Mattei, il fondatore dell’azienda energetica italiana Eni, che ha sostenuto l’Algeria nella sua lotta per l’indipendenza con la Francia negli anni ’50. Primi anni ’60.

Meloney ha annunciato lo scorso dicembre che il nuovo piano del suo governo per l’Africa sarebbe stato nominato “Piano Matteo”Dopo l’uomo d’affari morto in un misterioso incidente aereo nel 1962. Meloni ha più volte dichiarato che una delle sue priorità è riaffermare il ruolo centrale dell’Italia nel Mediterraneo, anche per promuovere la stabilità e la sicurezza nei Paesi nordafricani. Clandestini che tentano di raggiungere le coste siciliane.

La figura di Matti è quasi altrettanto venerata in Algeria, ed è ancora molto ammirata in Italia. Le sue politiche nei confronti dell’Africa erano considerate insolitamente giuste negli anni ’60, quando diede ad Algeria e Tunisia una partnership 50-50 per l’estrazione di petrolio, contro le compagnie petrolifere statunitensi e britanniche, che all’epoca davano ai paesi africani i margini più ridotti.

READ  Sei paesi femminili: L'Irlanda apporta tre modifiche al terzo posto per l'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.