Benvenuto da eroe per i prigionieri di guerra ucraini che hanno detto alla nave da guerra di Putin di “andare a farsi fottere” mentre difendevano Snake Island mentre venivano liberati durante lo scambio di prigionieri

Scritto da Birkin Amalaraj

15:28 del 31 maggio 2024, aggiornato alle 16:27 del 31 maggio 2024

Diciannove eroici difensori ucraini dell'Isola dei Serpenti sono stati liberati oggi in uno scambio di guerra con la Russia.

Sono diventati un simbolo internazionale della resistenza ucraina all’inizio della brutale guerra circa 27 mesi fa, dopo aver detto a una nave da guerra russa: “Vai all’inferno anche tu”.

Erano tra i 75 di ciascuna parte scambiati in un nuovo accordo di rilascio.

Da parte ucraina facevano parte anche i difensori della centrale nucleare di Chernobyl, caduta per breve tempo sotto il controllo russo, e i combattenti di Mariupol.

I rimpatriati sono stati visti cantare una canzone patriottica guidata dall'ex prigioniero di guerra Konstantin Mirgorodsky mentre si dirigevano verso le loro famiglie dopo il loro rilascio dalla detenzione in Russia.

Un soldato ucraino grida “Gloria all'Ucraina” dopo essere tornato dalla prigionia durante uno scambio di prigionieri di guerra nella regione di Sumy, Ucraina
L'Ucraina ha restituito 75 prigionieri, tra cui quattro civili, nell'ultimo scambio di prigionieri di guerra con la Russia
Questo è solo il quarto scambio di prigionieri tra Ucraina e Russia dall’inizio dell’invasione nel febbraio 2022
Molti sono stati visti piangere lacrime di gioia al loro ritorno in Ucraina
Snake Island (nella foto) nel Mar Nero fece notizia all’inizio della guerra quando i suoi eroici difensori comunicarono via radio a un incrociatore russo in avvicinamento dicendo: “Vai all’inferno anche tu”.

Al loro arrivo, hanno applaudito e applaudito mentre raggiungevano i loro cari in Ucraina.

Alcuni si sono inginocchiati e hanno baciato la terra, mentre molti si sono avvolti nelle bandiere gialle e blu.

Si abbracciarono e scoppiarono in lacrime. Molti di loro apparivano emaciati e mal vestiti.

Uno dei rimpatriati di oggi era la poliziotta ucraina Marianna Chichelyuk, 24 anni, che si temeva fosse morta dopo essere stata detenuta nel centro di detenzione di Olenivka dove dozzine di prigionieri di guerra ucraini furono uccisi in un massacro.

Il giovane agente di polizia era presente nell'acciaieria Azovstal a Mariupol quando i difensori si sono arresi alle forze di Putin.

È stata separata dalla sorella minore e portata in un brutale campo di filtraggio.

Nell’agosto 2022, gli attivisti per i diritti umani hanno espresso preoccupazione per il suo destino nelle mani dei russi.

READ  Sri Lanka disastro nave cargo: grave perdita visibile nelle immagini satellitari | notizie dal mondo

L'Isola dei Serpenti – o Zmeyny – nel Mar Nero fece notizia all'inizio della guerra quando i suoi eroici difensori contattarono via radio un incrociatore russo in avvicinamento, dicendo: “Vai al diavolo anche tu”.

Diciannove eroici difensori ucraini dell'Isola dei Serpenti sono stati liberati oggi in uno scambio di guerra con la Russia
I 19 uomini prelevati dall'Isola dei Serpenti (nella foto) sono stati rilasciati nell'ambito di uno scambio di prigionieri con la Russia
“Per tutto questo tempo, non abbiamo smesso di lavorare per un solo giorno per riportare tutti a casa dalla prigionia russa”, ha detto oggi Volodymyr Zelenskyj (nella foto).


Fare clic qui per ridimensionare questa unità

I difensori ucraini sull'isola trascorsero più di 800 giorni in prigionia russa.

I russi presero l’isola ma in seguito si ritirarono con un’umiliante battuta d’arresto per Vladimir Putin che Mosca stranamente descrisse come un “gesto di buona volontà”.

Successivamente, la nave russa Moskva, l’ammiraglia della flotta del Mar Nero, fu affondata in un attacco missilistico ucraino, forse la più grande battuta d’arresto di Putin nella guerra.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha visitato lo strategico affioramento roccioso in occasione del 500esimo giorno di guerra.

“In tutto questo tempo, non abbiamo smesso di lavorare per un solo giorno per riportare tutti a casa dalla prigionia russa”, ha detto oggi.

“Ricordiamo tutti.

Una di quelle che sono tornate oggi era la poliziotta ucraina Marianna Chichelyuk, 24 anni, (nella foto) che si temeva fosse morta
I difensori ucraini sull'isola trascorsero più di 800 giorni in prigionia russa
Questo è stato il primo scambio di prove di lavoro da febbraio
I prigionieri di guerra furono ricevuti dai loro amici e dalle loro famiglie
Sono stati visti cantare canzoni durante il viaggio di ritorno dai loro cari

Fare clic qui per ridimensionare questa unità

“Stiamo facendo del nostro meglio per trovare ciascuna delle nostre persone. Sono grato al team responsabile degli scambi.

“Questo piccolo pezzo di terra nel mezzo del nostro Mar Nero è una grande prova che l'Ucraina riconquisterà per sé ogni parte del suo territorio”, ha detto Zelenskyj quando ha visitato l'isola.

“Voglio ringraziarvi proprio da questo posto.

“Vittorie per ognuno dei nostri soldati in questi 500 giorni, per le nostre forze armate e per la nostra intelligence”.

Ha elogiato tutti i servizi ucraini per aver difeso il Paese dagli invasori di Putin.

“Stiamo andando avanti, grazie a ognuno di voi.”

READ  L'Ucraina dice che sta respingendo un attacco intorno a Blahodatny, mentre Wagner rivendica il controllo
I soldati catturati gridarono e applaudirono mentre tornavano alle loro case

Fare clic qui per ridimensionare questa unità

Lo stesso numero di russi, 75, sono stati rimpatriati anche in un accordo di scambio mediato dagli Emirati Arabi Uniti.

Questo è stato il primo scambio di prigionieri di guerra da febbraio, e solo il quarto scambio di prigionieri quest'anno e il 52esimo dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022. Lo scambio di prigionieri ha coinvolto un totale di 150 prigionieri di guerra e gli Emirati Arabi Uniti hanno contribuito a negoziare questo ultimo scambio, secondo il Ministero degli Affari Esteri di Kiev ha detto.

Le due parti si accusano a vicenda per quello che dicono sia un rallentamento nelle operazioni di scambio.

In passato l'Ucraina ha esortato la Russia a scambiare “tutti per tutti” e organizza settimanalmente manifestazioni per chiedere il rilascio dei prigionieri di guerra in tutta l'Ucraina. Il funzionario ucraino presso la sede che coordina gli scambi, Vitaly Matviyenko, ha detto: “L'Ucraina è sempre pronta”.

Tatyana Moskalkova, un’investigatrice russa sui diritti umani, ha detto all’inizio di questa settimana che Kiev stava avanzando “nuove richieste artificiali”, senza approfondire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *