Benjamin Netanyahu ritorna primo ministro del governo radicale israeliano | Notizie del conflitto israelo-palestinese

Il parlamento israeliano ha prestato giuramento da Benjamin Netanyahu come primo ministro, inaugurando il governo più di destra e religiosamente ultra-ortodosso della storia del paese.

Netanyahu, 73 anni, ha prestato giuramento giovedì, pochi istanti dopo che il parlamento israeliano, o Knesset, ha approvato un voto di fiducia nel suo nuovo governo. Dei 120 parlamentari, 63 hanno votato a favore del nuovo governo, rispetto ai 54 contrari.

Il giuramento segna un ritorno personale al potere e l’arrivo di un governo che ha sollevato timori tra i palestinesi così come tra gli israeliani di sinistra.

In un reportage da Gerusalemme ovest, Sarah Khairat di Al Jazeera ha detto che questo era in corso da quasi due mesi ed è stata “una grande vittoria per Benjamin Netanyahu”, che ha collaborato con una coalizione che include “un mix di ebrei religiosi e della destra- blocco alare”.

Khairat ha detto che la coalizione include alcuni dei “politici di destra che abbiamo visto”. “Erano ai margini della politica e ora sono sul palco principale”.

Ha detto dall’esterno del parlamento, dove gli israeliani di sinistra si erano riuniti per protestare.

governo di estrema destra

Netanyahu, che è stato primo ministro tra il 1996 e il 1999, poi tra il 2009 e il 2021, si è rivolto a una sessione del parlamento israeliano, o Knesset, prima del voto.

Netanyahu e i suoi partner di coalizione godono della maggioranza alla Knesset. È stato disturbato durante il suo discorso alla Knesset, con gli oppositori che hanno cantato che era “debole”.

Ha detto che porre fine al “conflitto arabo-israeliano” sarebbe la sua massima priorità, così come fermare il programma nucleare iraniano e costruire le capacità militari di Israele.

READ  Esporre: l'enorme impero reale britannico dello sceicco Mohammed | Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum

La vittoria di Netanyahu alle elezioni parlamentari del 1° novembre avrebbe dovuto porre fine ad anni di turbolenze politiche in Israele, dove i governi hanno ripetutamente fatto marcia indietro e le elezioni si sono svolte cinque volte in meno di quattro anni.

Gran parte di ciò è stato il risultato di una ferma opposizione politica allo stesso Netanyahu, che è sotto processo per corruzione, un’accusa che lui nega.

Tuttavia, ci sono volute settimane di conflitto e l’introduzione di una nuova legislazione per soddisfare i suoi partner di coalizione di estrema destra e nazionalisti, così come il suo stesso partito Likud.

Il risultato è stata una coalizione che ha indicato esplicitamente come sua massima priorità l’espansione degli insediamenti nella Cisgiordania occupata, illegale secondo il diritto internazionale.

Ciò riflette le posizioni dei leader di estrema destra che hanno raggiunto alte cariche, come il leader religioso sionista Bezalel Smotrich e il leader del potere ebreo Itamar Ben Gvir, che in precedenza avevano espresso sostegno a Baruch Goldstein, un ebreo israeliano che ha ucciso 29 palestinesi in una sparatoria a la Moschea Ibrahimi a Hebron nel 1994.

Il deputato di sinistra Ofer Kasif ha detto ad Al Jazeera da una protesta fuori dal parlamento che Israele si stava dirigendo in una “direzione molto pericolosa”, aggiungendo che l’arrivo del nuovo governo posizionerebbe Israele come uno “stato fascista totale”.

Kasif ha aggiunto: “La comunità internazionale deve rendersene conto e agire sulla base di ciò”.

La formazione del nuovo governo rischia di infiammare i rapporti con i milioni di palestinesi che vivono sotto l’occupazione israeliana.

I palestinesi hanno già affrontato il loro anno più mortale dal 2006, secondo le Nazioni Unite, dopo che il governo israeliano uscente ha lanciato un’offensiva a Gaza ad agosto, oltre a raid quasi quotidiani in Cisgiordania che hanno portato a decine di morti e arresti.

READ  Israele consente esportazioni limitate da Gaza un mese dopo la tregua | Notizie di Gaza

Anche gli israeliani liberali hanno espresso riserve sul nuovo governo, in particolare nei confronti delle sue posizioni sui diritti LGBT, posizioni chiave detenute da figure religiose ultraconservatrici.

Il presidente israeliano Isaac Herzog, che ricopre un incarico in gran parte cerimoniale, ha lui stesso avvertito del potenziale danno che un nuovo governo israeliano potrebbe fare, ed è stato precedentemente sorpreso da un microfono acceso dicendo che “il mondo intero” era preoccupato per figure come Ben-Gvir entrare nel governo.

conferme di offerta

Netanyahu ha cercato di allontanarsi da alcune di queste preoccupazioni.

“Stabiliremo un governo stabile per un intero mandato che si prenda cura di tutti i cittadini di Israele”, ha detto mercoledì, dopo che i suoi sostenitori alla Knesset hanno promosso la legislazione che ha aperto la strada alla presa di potere del suo governo.

Una delle leggi, che consente a un ministro che sconta una pena sospesa, di entrare in carica è stata progettata specificamente per consentire al capo del partito Shas della linea dura, Aryeh Deri, di diventare ministro.

Tuttavia, gran parte dell’attenzione e della paura dei critici del nuovo governo, sia israeliani che palestinesi, sono stati riposti su Smotrich e Ben Gvir.

Fanno parte del più ampio movimento ideologico sionista religioso in Israele. Partiti maschili separati si sono presentati in una lista comune alle elezioni di novembre per assicurarsi di superare la soglia elettorale prima di dividersi nuovamente.

Smotrich e Ben Gvir, che vivono entrambi in insediamenti illegali in Cisgiordania, ricopriranno posizioni di rilievo nel nuovo governo: Smotrich sarà ministro delle finanze e avrà anche autorità sugli insediamenti, mentre Ben Gvir, condannato nel 2007 per crimini, servirà come primo ministro. “Incitamento contro gli arabi” Dopo aver chiesto l’espulsione dei palestinesi in Israele, diventerà ministro della sicurezza nazionale con maggiori poteri sulla polizia, anche nei territori occupati.

READ  Sarah Cooper, with her voice

I palestinesi ora temono che ciò significhi ciò che considerano politiche più dure nei loro confronti, e temono anche lo status quo della moschea di Al-Aqsa nella Gerusalemme est occupata.

Parlando mercoledì, il re di Giordania Abdullah ha avvertito Israele di non oltrepassare nessuna “linea rossa” a Gerusalemme.

“Se le persone vogliono entrare in conflitto con noi, siamo pienamente preparati”, ha detto in un’intervista alla CNN.

Il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha dichiarato sabato che lo slogan del nuovo governo israeliano è “estremismo e apartheid”.

Tuttavia, mercoledì Benny Gantz, ministro della difesa uscente di Israele, ha detto ad Abbas in una telefonata che è “fondamentale mantenere un canale aperto di comunicazione e coordinamento” tra l’Autorità palestinese e il governo israeliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.