Belfast offre ufficialmente Bit per ospitare l’Eurovision se nella rosa dei candidati

Il consiglio comunale di Belfast ha accettato di fare un’offerta formale per ospitare l’Eurovision Song Contest del prossimo anno se la città sarà nella rosa dei candidati venerdì.

È in corso un processo in due fasi per selezionare la città ospitante del Regno Unito, seconda classificata all’Eurovision, dopo che è stato deciso che l’evento non può tenersi nell’Ucraina dilaniata dalla guerra dopo l’invasione russa.

La Kalush Orchestra ucraina ha vinto il premio Eurovision in Italia a maggio e l’Ucraina sperava di poter ospitare l’evento nel 2023.

Mercoledì sera, la Commissione per la crescita e la rigenerazione del consiglio comunale di Belfast ha discusso la questione e ha deciso di sostenere l’intera offerta se Belfast dovesse rientrare nella rosa dei candidati.

La BBC – che trasmette il concorso nel Regno Unito e che effettuerà la selezione insieme agli organizzatori dell’evento l’European Broadcasting Union (EBU) – ha specificato che la città ospitante sarà selezionata utilizzando un processo di selezione in due fasi.

Una volta ricevute tutte le domande, avrà luogo un processo in base al quale le città saranno selezionate “in base alla loro capacità di soddisfare i requisiti e alle loro risposte in termini di capacità e competenza”.

Alla domanda sul posizionamento della rosa dei candidati, Seamus de Fauyte, membro del Consiglio SDLP, ha detto all’agenzia di stampa PA: “Suppongo che non lo sappiamo, vedremo cosa accadrà venerdì, ma penso che Belfast abbia un caso davvero forte da fare .

“Capiamo dalla BBC e dalla European Broadcasting Union che gran parte dello spettacolo deve ruotare attorno ai vincitori originali, sull’Ucraina. Penso che Belfast abbia un messaggio molto speciale per poter vendere lì e vale a dire: in realtà comprendere il valore della pace e quanto sia difficile costruirla e il desiderio del popolo ucraino di assicurarla.

READ  Love In The Villa Netflix in arrivo a settembre 2022?

Alla domanda sulle infrastrutture, il signor de Voyt ha affermato che Dublino alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90 non era “anni luce avanti” in termini di infrastrutture o turismo, e che il concorso canoro ha contribuito a evidenziare il valore dell’Irlanda come destinazione turistica, qualcosa che potrebbe essere fatto anche per Belfast.

Parlando mentre si recava per celebrare la notizia, de Voigt ha aggiunto: “Sappiamo di essere una specie di pesciolino in questo, ma questo non ci ha fermato prima.

“Abbiamo ospitato con successo gli MTV European Music Awards 10 anni fa, ospitato World Police and Fire Games, Open a Portrush e c’erano molte cose che North è riuscita a ospitare con successo, offrire un grande spettacolo e un grande benvenuto alle persone provenienti da tutto il mondo.

“Non vedo alcun motivo per cui non dovremmo fare lo stesso con l’Eurovision”.

Il video di oggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.