Banca d’Italia vede rallentare la crescita quest’anno a causa dell’incertezza in Ucraina Di Reuters



MILANO (Reuters) – La Banca d’Italia venerdì ha ridotto al 2,6 per cento le previsioni di crescita economica di quest’anno dal 3,8 per cento di gennaio a causa dell’incertezza sull’invasione russa dell’Ucraina.

La banca centrale ha aggiunto in una dichiarazione che l’economia si sta espandendo dell’1,6% nel 2023 e dell’1,8% nel 2024, rispetto alle precedenti stime rispettivamente del 2,5% e dell’1,7%.

Tuttavia, la banca ha affermato che le sue previsioni erano state fatte prima che l’Istat rivedesse i dati del PIL del primo trimestre per l’Italia il 31 maggio per mostrare un aumento dello 0,1% invece di un calo dello 0,2% precedentemente segnalato.

La banca ha affermato che questo aggiustamento, a parità di condizioni, aggiungerà 0,4 punti percentuali alla crescita dell’Italia quest’anno, il che significa che sarà probabilmente intorno al 3% anziché al 2,6%.

La banca centrale ha anche avvertito che nel peggiore dei casi, se le importazioni di energia russe dovessero fermarsi, l’economia non crescerebbe quest’anno, diminuirebbe di oltre un punto percentuale nel 2023 e tornerà a crescere nel 2024.

La banca d’affari ha anche affermato che prevede un’inflazione al 6,2% quest’anno, in aumento dal 3,5% previsto a gennaio, mentre le stime per il 2023 e il 2024 sono state aumentate rispettivamente al 2,7% e al 2% dall’1,6% e dall’1,7%.

Le nuove previsioni della banca centrale seguono quelle pubblicate giovedì dalla Banca centrale europea, che sono state riviste al rialzo per inflazione e minore crescita per l’intero blocco.

(Alicia B; Montaggio di Agnieszka Flack)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.