Autista Tesla accusato di omicidio colposo in un incidente mortale con il pilota automatico | California

I pubblici ministeri della California hanno presentato due accuse di omicidio stradale contro un guidatore di Tesla con pilota automatico che ha acceso un semaforo rosso e si è scontrato con un altro veicolo e ha ucciso due persone nel 2019.

L’imputato sembra essere la prima persona ad essere accusata di un reato negli Stati Uniti per un incidente mortale che ha coinvolto un automobilista che utilizzava un sistema di guida parzialmente automatizzato. I pubblici ministeri della contea di Los Angeles hanno presentato le accuse a ottobre, ma sono state rivelate solo la scorsa settimana.

Il pilota Kevin George Aziz Riaz, 27 anni, si è dichiarato non colpevole. Riad, un autista del servizio limousine, è libero su cauzione mentre il caso è in discussione.

L’uso improprio del pilota automatico, che può controllare sterzo, velocità e freni, si è verificato in numerose occasioni ed è oggetto di indagini da parte di due agenzie federali.

La denuncia dell’incidente in California può servire a informare i conducenti che utilizzano sistemi come il pilota automatico che non possono fare affidamento su di essi per controllare i veicoli.

Le accuse penali non sono le prime a coinvolgere un sistema di guida automatizzato, ma sono le prime a includere una tecnologia di guida ampiamente utilizzata.

Le autorità dell’Arizona hanno presentato un’accusa di omicidio colposo nel 2020 contro un conducente assunto da Uber per partecipare a un test di veicoli a guida autonoma su strade pubbliche. Un Uber, un SUV con a bordo un autista sostitutivo umano, si è scontrato con un pedone uccidendolo.

Al contrario, il pilota automatico e altri sistemi di assistenza alla guida sono ampiamente utilizzati sulle strade di tutto il mondo. Stimato a 765.000 Tesla Veicoli che ne sono dotati solo negli Stati Uniti.

Nell’incidente di Tesla, la polizia ha detto che una Model S si stava muovendo ad alta velocità quando ha lasciato un’autostrada ed è passata al semaforo rosso nel sobborgo di Gardena a Los Angeles e si è scontrata con una Honda Civic a un incrocio il 29 dicembre 2019. Due persone che erano anche nella Civic, Gilberto Alcazar Lopez è morto e Maria Guadalupe Neves Lopez sul posto. Riad e una donna Tesla sono stati ricoverati in ospedale con ferite non mortali.

I documenti dell’accusa penale non menzionano il pilota automatico. Ma la National Highway Traffic Safety Administration, che ha inviato gli investigatori sull’incidente, ha confermato la scorsa settimana che il pilota automatico era in uso su Tesla al momento dell’incidente.

L’avvocato difensore di Riad non ha risposto alle richieste di commento la scorsa settimana e l’ufficio del procuratore distrettuale di Los Angeles ha rifiutato di discutere il caso.

Tesla non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Tesla ha aggiornato il suo software Autopilot per cercare di rendere più difficile l’uso improprio da parte dei conducenti. Ha anche cercato di migliorare la capacità del pilota automatico di rilevare i veicoli di emergenza.

La società ha affermato che il pilota automatico e un sistema di guida completamente autonomo più complesso non possono guidare da soli e che i conducenti devono essere vigili e pronti a rispondere in qualsiasi momento. La guida completamente autonoma è stata testata da centinaia di proprietari di Tesla sulle strade pubbliche statunitensi.

Tesla non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Questo è il primo caso negli Stati Uniti a sua conoscenza in cui sono state presentate gravi accuse penali in un incidente mortale che coinvolge un sistema di assistenza alla guida parzialmente automatizzato, ha affermato Bryant Walker Smith, professore di giurisprudenza dell’Università della Carolina del Sud che studia i veicoli automatizzati. Ha detto che Tesla potrebbe essere “criminalmente, civilmente o moralmente colpevole” se si scoprisse che ha messo sulla strada una tecnologia pericolosa.

Donald Slavic, un avvocato del Colorado che ha prestato servizio come consulente in cause legali sulla tecnologia automobilistica, tra cui diverse contro Tesla, ha affermato di non essere a conoscenza di precedenti accuse penali che sono state presentate contro un guidatore americano che ha utilizzato la tecnologia del conducente parzialmente automatizzata coinvolta in un incidente mortale. incidente. .

Le famiglie Lopez e Nevis Lopez hanno citato in giudizio Tesla e Riad in cause separate. Hanno affermato la negligenza di Riad e hanno accusato Tesla di vendere auto difettose che potevano accelerare improvvisamente e che non avevano un efficace sistema di frenata di emergenza automatica. Un processo congiunto è previsto per la metà del 2023.

La famiglia di Lopez sostiene, nei documenti del tribunale, che l’auto “ha accelerato improvvisamente e inavvertitamente a una velocità eccessiva, pericolosa e incontrollabile”.

La famiglia Nevis-Lopez sostiene inoltre che Riad era un pilota pericoloso, con molti reati commoventi nel suo record, e non poteva gestire una Tesla ad alte prestazioni.

Alla domanda sulle accuse di omicidio premeditato contro Riad, NHTSA ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che nessun veicolo in vendita potrebbe guidare da solo. Indipendentemente dal fatto che il veicolo utilizzi o meno un sistema parzialmente automatizzato, ha affermato l’agenzia, “ogni veicolo richiede che un conducente umano abbia sempre il controllo”.

L’NHTSA ha aggiunto che tutte le leggi statali considerano i conducenti umani responsabili della guida dei loro veicoli. L’agenzia ha affermato che sebbene i sistemi automatizzati possano aiutare i conducenti a evitare incidenti, la tecnologia deve essere utilizzata in modo responsabile.

Raffaela Vasquez, l’autista dell’auto di prova a guida autonoma di Uber, è stata accusata nel 2020 di omicidio colposo dopo che il SUV ha colpito un pedone in un sobborgo di Phoenix nel 2018. Vasquez si è dichiarato non colpevole. I pubblici ministeri dell’Arizona hanno rifiutato di sporgere denuncia penale contro Uber.

READ  Perù: il nuovo presidente nomina un marxista primo ministro | Perù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.