Audacia – o incoscienza? I registi hanno cercato di ricreare la Cappella Sistina per decenni. Ecco 4 film che ho provato, classificati

Il Vaticano generalmente vieta le riprese all’interno della Cappella Sistina, il che ha costretto molti film a essere creativi. È una sfida enorme: il tetto da solo è lungo 131 piedi e largo 43 piedi, che è un po’ più piccolo di una pista di hockey. Di seguito, organizziamo alcune delle principali ricreazioni della storia del film, rivelando come le hanno fatte e chi le ha fatte meglio.

1. Papi (2019)

Film ancora da Netflix Papi (2019). Per gentile concessione di Netflix.

E crea: Diretto da Fernando Meirelles, il film segue Papa Benedetto XVI (interpretato da Anthony Hopkins) mentre cede il potere a Papa Francesco (Jonathan Pryce).

dietro le quinte: Utilizzando un’idea del suo direttore artistico Stefano Maria Ortolani, lo scenografo Mark Tyldesley ha assunto un team di artisti esperti nel ricreare dipinti classici.

Hanno fatto copie delle figure dell’artista rinascimentale che sono state poi raffigurate e stampate su scaglie di pellicola plastica. La pellicola è stata trasferita su finte pareti di chiese e ricoperta di una sostanza che ha fatto infiltrare la tintura nell’intonaco sottostante, proprio come fa con i veri affreschi.

Verdetto: Nessun’altra riedizione cinematografica di “Doomsday” ha replicato in modo più efficace i colori e la luce del capolavoro di Michelangelo. Sfortunatamente, l’intrattenimento da 5 milioni di dollari è stato rovinato dopo le riprese.

2. tormento ed estasi (1965)

L'attore Charlton Heston in L'agonia e l'estasi.  (Photo by Sunset Boulevard/Corbis via Getty Images)

L’attore Charlton Heston sul set tormento ed estasi. (Photo by Sunset Boulevard/Corbis via Getty Images)

E crea: Charlton Heston è Michelangelo che lavora al soffitto della Cappella Sistina dal 1508 al 1512 per Papa Giulio II da Rex Harrison nell’epica presentazione di Carol Reed del romanzo di Irving Stone. Man mano che il film procede, lo stucco che ricopre il soffitto viene gradualmente rimosso per rivelare le immagini degli affreschi originali di Michelangelo sottostanti.

READ  Cristiano Ronaldo: l'allenatore della Juventus Allegri dice che l'attaccante "non ha espresso la volontà di partire"

dietro le quinte: Ci sono voluti decenni prima dell’ampio restauro della Cappella Sistina dal 1980 al 1994, le foto mostrano pannelli scuri e squallidi, ma i registi si appoggiano abilmente a queste limitazioni, spesso scegliendo di mostrare il soffitto a tarda notte, con Michelangelo che lavora a lume di candela.

Verdetto: I registi hanno in gran parte evitato la sfida di copiare effettivamente gli affreschi di Michelangelo e renderli invece digitali. Per l’ambizione e il successo dello scenografo John DeCuir, candidato all’Oscar per i suoi sforzi, tormento ed estasi È al secondo posto nella nostra lista.

3. Giovane Papa (2016) e Il nuovo papa (2019)

Dietro le quinte di The Young Pope (2016) della HBO.  Per gentile concessione di HBO.

Dietro le quinte della HBO Giovane Papa (2016). Per gentile concessione di HBO.

E crea: Jude Law interpreta un giovane cardinale americano che viene eletto papa e scatena una rivoluzione militante in questa serie TV elegante e stravagante creata e diretta dal premio Oscar Paolo Sorrentino. Nella seconda stagione, Il nuovo papaPope Jude Law è impotente e papa John Malkovich interviene per guidare la Chiesa cattolica.

dietro le quinte: Per la prima stagione, la scenografa Ludovica Ferrario ha ricreato una sezione della Cappella Sistina presso i Cinecitta Film Studios di Roma, duplicando solo la parte inferiore del recente affresco di Michelangelo utilizzando le stampe su carta da parati. Per la seconda stagione è diventata ancora più grande, creando una replica a grandezza naturale della Cappella Sistina a Cinecittà. secondo Riassunto architettonicoMisura 581.251 piedi quadrati e ha richiesto 25 pittori e 40 costruttori.

Verdetto: In una scena chiave del finale di serie, i due papi si incontrano da soli alla Cappella Sistina per discutere del futuro della chiesa. In generale la replica è efficace ma la ricostruzione “Doomsday” è scura e piatta; Presumibilmente, senza l’effetto affresco implementato con successo dai creatori del film Netflix 2019, i colori e la luce della visione apocalittica di Michelangelo non sono neanche lontanamente così belli in questa versione. Francamente, il giorno della loro condanna, il regista non ha tentato nessun primo piano sopravvissuto dei detenuti e degli imputati.

READ  Recensione del film: Piano Piano: L'imminente dramma italiano porta sentimenti vivaci e ansia [Locarno 2022]

4. Habemus Papam (il nostro papam) (2011)

المخرجة الإيطالية ناني موريتي تحضر مكالمة تصوير <i> Habemus Papam </i> Il 14 aprile 2011 a Roma, Italia.  (Foto di Elisabetta A. Villa/WireImage)” width=”1024″ height=”752″ srcset=”https://news.artnet.com/app/news-upload/2022/08/GettyImages-134378742.jpg 1024w , https://news.artnet.com/app/news-upload/2022/08/GettyImages-134378742-300×220.jpg 300w, https://news.artnet.com/app/news-upload/2022/08/ GettyImages -134378742-50×37.jpg 50w, https://news.artnet.com/app/news-upload/2022/08/GettyImages-134378742-750×550.jpg 750w” sizes=”(max-width: 1024px) 100vw, 1024px ”/></p>
<p id=Il regista italiano Nani Moretti Habimus Papam Foto call il 14 aprile 2011 a Roma, Italia. (Foto di Elisabetta A. Villa/WireImage)

E crea: Un cardinale rassicurato dal papa viene eletto e in preda al panico per le richieste del suo nuovo incarico. Un terapista è stato chiamato per aiutarlo ad adattarsi a questa commedia italo/francese diretta da Nani Moretti.

dietro le quinte: Come molti prima di lui, il Vaticano ha rifiutato la richiesta di Moretti di sparare all’interno della chiesa. Ancora una volta la sua replica è stata prodotta a Cinecittà sotto la direzione della scenografa Paola Bizzarri. “Il regista voleva che gli attori si muovessero in una sottile ricostruzione dello spazio perché non gli piace l’uso degli effetti visivi”, ha detto in un’intervista. “All’inizio era noioso perché il margine di errore era molto piccolo”. Per ricreare gli affreschi di Michelangelo, i ritratti degli originali dell’artista sono stati stampati su tela e toccati da un gruppo di pittori.

Verdetto: Ancora una volta, la replica è convincente ma completamente priva del colore brillante e della luce che porta Papi‘L’ultimo giudizio nella vita.’

Seguire Notizie Artnet su Facebook:


Vuoi stare al passo con il mondo dell’arte? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie, interviste editoriali e approfondimenti critici che portano avanti la conversazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.