Argentina e calcio: cinque chiavi per una passione nazionale | gli sport


unLa passione dell’Argentina per il calcio ha rispecchiato il tifo dei tifosi argentini negli stadi della Coppa del Mondo in Qatar e le celebrazioni quasi isteriche a casa.

In vista della finale della Coppa del Mondo di domenica (oggi) a Doha contro la Francia, ecco cinque chiavi per comprendere il rapporto quasi unico dell’Argentina con lo sport:

Quando il calcio è diventato calcio

Fondata nel 1893, la Federcalcio argentina proclama con orgoglio di essere “la più antica del Sud America e l’ottava più antica del mondo”.

Il calcio è arrivato nel paese con gli immigrati britannici, molti dei quali sono venuti a lavorare nelle ferrovie e che sono stati chiamati “gli inglesi pazzi” quando hanno iniziato a calciare il pallone durante le pause.

L’insegnante scozzese Alexander Watson Hutton è considerato il “padre” del calcio argentino dopo aver introdotto lo sport nelle lezioni di educazione fisica nelle scuole in cui insegnava.

È stato anche il primo presidente della Confederazione calcistica asiatica.

I ferrovieri britannici iniziarono presto a fondare club di calcio e alcuni dei club più storici competono ancora oggi nella prima divisione argentina, come l’Old Boys Club di Rosario Newell e il Banfield di Buenos Aires.

Con l’afflusso di immigrati italiani e spagnoli, l’Argentina sviluppò il proprio stile di gioco “criollo” che si basava meno sui valori britannici di disciplina fisica e più su eleganza, abilità e ispirazione – la scuola di calcio che avrebbe poi prodotto Diego Maradona e Lionel Messi.

Molti miti, un solo dio (finora)

I fan hanno subito preso in simpatia le prime star di questo stile “diverso”.

Negli anni ’30, Vicente Zito, Natalio Perenetti e Francisco Varallo hanno abbellito gli stadi argentini, così come l’italo-argentino Luis Monti, che ha giocato la Coppa del Mondo del 1930 con l’Argentina, persa contro l’Uruguay, prima di vincerla quattro anni dopo in Italia. colori.

READ  "Owen Farrell sfugge all'ultimo omicidio!" L'ultima sfida al capitano dell'Inghilterra fa arrabbiare i tifosi

Da allora, Ángel Labruna, José Manuel Moreno, Tocho Mendes, Ubaldo Fillol, Daniel Passarella, Mario Kempes, Gabriel Batistuta e Roman Riquelme hanno attirato tifosi e vinto titoli: l’Albiceleste ha alzato la Coppa del Mondo nel 1978 e nel 1986 e la Copa. America un record congiunto 15 volte.

Ad oggi, c’è una leggenda che spicca su tutte le altre: Diego Maradona, noto anche come ‘D10S’, un gioco di parole con la parola spagnola per dio (dios) e la sua maglia numero 10.

Se Messi emulerà Maradona vincendo la Coppa del Mondo, eguaglierà il prestigio del suo predecessore.

“I tifosi hanno preso a cuore Messi, come Diego”, ha detto ad AFP lo storico Felipe Peña.

Ha mostrato doti di leadership come durante il suo brillante discorso motivazionale negli spogliatoi prima di vincere la Copa America in Brasile nel 2021.

“Oltre ad essere il miglior giocatore del mondo, è una persona meravigliosa e un ragazzo molto simpatico”.

Migliori e peggiori fan

I fan argentini sono noti tanto per la loro passione estatica quanto per la nuvola oscura delle rivolte.

“Hinchas” è un’aggiunta rumorosa e allegra all’atmosfera dello stadio con una serie di canzoni calcistiche, tra cui l’inno della Coppa del Mondo “Muchachos” che rende omaggio a Maradona e Messi, senza dimenticare l’ossessione del paese per le Isole Falkland.

Molte delle canzoni sono positive, mentre altre prendono di mira il Brasile o l’inglese.

Ma oltre a ereditare la propensione britannica per le canzoni da balcone, il calcio argentino ha adottato il peggior teppismo del calcio inglese.

Guidati da “barras bravas” quasi mafiosi, difficilmente passa una stagione senza violenze a volte mortali intorno alle partite.

READ  Il ritiro di Roger Federer: 'Non riuscivo a dormire, è il mio idolo' - Matteo Berrettini troppo emozionato per l'addio

Di conseguenza, i tifosi in trasferta sono stati banditi dagli stadi dal 2013.

Le autorità argentine hanno persino fornito al Qatar una “lista nera” di 6.500 persone per vietare l’ingresso agli stadi.

Standardizzazione dell’identità

Il calcio in Argentina è molto più di uno sport.

È profondamente radicato nei “barrios”, i quartieri in cui la squadra di calcio è parte integrante della vita.

“Questa è la sua grandezza. C’è una memoria collettiva e personale condivisa al lavoro in questi momenti”, ha detto ad AFP il ricercatore Juan Branz.

“Il calcio è molto importante e molto importante nella vita di tutti i giorni qui”, ha detto lo scrittore e docente universitario Ariel Scheer.

“Non c’è garanzia che possa nascondere o farti dimenticare i problemi… ma è un posto dove cerchi cose che non trovi altrove.”

Accanto alla rivendicazione rurale delle Isole Falkland, il calcio è una delle poche cose che unisce tutti gli argentini tra disuguaglianza e polarizzazione politica.

Luogo di celebrazione

L’obelisco alto 67,5 metri nel centro di Buenos Aires è diventato un luogo di pellegrinaggio per le celebrazioni calcistiche.

Risale ai Mondiali del 1978 – i primi dell’Argentina – quando il paese sudamericano era governato da una brutale dittatura militare.

Dopo aver visto le partite della Coppa del Mondo nelle vicine sale cinematografiche, la gente si dirigeva verso l’obelisco per festeggiare e dimenticare per un po’ l’oppressione.

Fu eretto nel 1936 sul sito di una vecchia chiesa, dove la bandiera argentina sventolò per la prima volta a Buenos Aires nell’agosto del 1812.

È stato innalzato per la prima volta diversi mesi fa a Rosario, la città natale di Messi, vicino al fiume Paraná, dove ora si trova il monumento alla bandiera nazionale e dove i Rosarinos si dirigono per i festeggiamenti post-partita. —- Francia Agenzia di stampa

READ  Matteo Minuzzi: la star di Wasp e Itai si sottopongono ad intervento chirurgico per paura di cecità dovuta a danni alla retina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.