Anziano attivista russo sopravvissuto all’assedio della Germania nazista arrestato per protesta contro l’invasione dell’Ucraina

È stata arrestata un’anziana donna che ha partecipato a una manifestazione contro la guerra a San Pietroburgo per protestare contro l’invasione russa dell’Ucraina.

Yelena Osipova, 77 anni, una nota attivista e artista sopravvissuta da bambina all’assedio nazista di Leningrado, si trovava mercoledì sul luogo della protesta a San Pietroburgo con in mano un cartello contro la guerra che esortava i soldati a deporre le armi.

È stata arrestata dalle autorità russe mentre i manifestanti intonavano slogan contro la guerra. Migliaia di persone sarebbero state finora arrestate.

Centinaia di russi l’hanno fatto Scesero per le strade di Mosca, San Pietroburgo, E altre città durante la settimana Per protestare contro l’invasione illegale dell’Ucraina.

Il video del suo arresto è diventato virale su Twitter e Reddit, con gli utenti dei social media che l’hanno elogiata per il suo coraggio mentre denunciavano la repressione della Russia contro le proteste contro la guerra.

Alcuni utenti hanno descritto l’incidente come “intorpidimento alla spina dorsale”, mentre altri hanno chiesto: “Che tipo di governo ha paura di una vecchietta che tiene striscioni?”

Un utente ha scritto su Reddit: “Sono incazzato per tutto quello che sta succedendo, ma sono state raccolte informazioni su di me, ma questo… mi fa incazzare”.

E hanno aggiunto: “Immagina di mandare in prigione una vecchia, che è sopravvissuta non solo alla campagna più sanguinosa dell’invasione nazista, ma anche a una delle battaglie più sanguinose dell’intera storia del tuo Paese”.

L’arresto è avvenuto lo stesso giorno delle forze russe Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, è stata attaccata. Pesanti bombardamenti mentre le Nazioni Unite hanno denunciato l’invasione russa durata una settimana con un voto storico e dozzine di paesi hanno segnalato Mosca sarà indagata per possibili crimini di guerra.

READ  Una strizzatina d'occhio e un picnic: il caloroso benvenuto di Boris Johnson alla visita segreta di Kiev | Ucraina

L’invasione – il più grande attacco a un paese europeo dal 1945 – ha causato la fuga di oltre un milione di persone, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, e ha portato a una raffica di misure economiche contro la Russia.

Sebbene l’incursione non abbia rovesciato il governo di Kiev, si ritiene che migliaia di persone siano state uccise o ferite. Ci sono anche timori di una guerra nucleare e di gravi danni all’economia globale che si sta ancora riprendendo dalla pandemia di coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.