Antonio Giovinazzi si è preparato alla rimonta all’inizio della sua nuova carriera in Formula E

Antonio Giovinazzi si aspetta che l’adattamento alla Formula E sia una grande sfida, data la diversità delle vetture rispetto alle macchine della Formula Uno.

L’italiano guiderà nella serie di auto completamente elettriche la prossima stagione dopo aver firmato con il prossimo Dragon Penske Alfa Romeo La decisione di introdurre una nuova formazione di Valtteri Bottas e Guanyu Zhou nel 2022.

Sarà un’esperienza completamente nuova per il 28enne, che finora ha trascorso la sua carriera agonistica alla guida di auto sportive e monoposto non elettriche in Formula 1 e classi piccole.

Si aspetta che il suo nuovo meccanismo sia molto diverso da qualsiasi cosa abbia usato prima, e quindi crede che farà fatica nei primi round del suo anno da rookie.

“Penso che se passi dalla Formula 1 a Indycar forse o, non so, da LMP1, alla fine probabilmente sentirai meno velocità, meno grip, ma è lo stesso stile di guida”, ha detto GPFans.

“Il problema che ho in Formula E è che è uno sport completamente diverso. Ovviamente è frenata, niente carico aerodinamico, niente rumori, macchine pesanti. Sarebbe completamente diverso e purtroppo ho avuto solo un paio di giorni prima della prima gara ma è impegnativo .

“Amo la sfida, ma di sicuro posso dirtelo… La prima parte della stagione, le prime gare, farò fatica rispetto alle altre. Ma la mia motivazione è migliorare, migliorare, migliorare e arrivare, al fine stagione, un buon risultato e vedrai.

“forse io [will] Mi piace di più la Formula E. Non so cosa potrebbe succedere nel 2023, ma per me questa è una nuova sfida e ne sono davvero entusiasta”.

Giovinazzi rimarrà nel mondo F1 nel 2022, come Ferrari Pilota di riserva con Haas, Mick Schumacher.

READ  Il Regno Unito collabora con l'Italia per evitare che i visitatori vengano arrestati

Ha espresso il desiderio di tornare in rete definitivamente in un lontano futuro, ma non sente di poterlo fare solo con le sue prestazioni e il suo talento.

Questo perché crede che i fattori finanziari siano più importanti del talento nello sport di questi tempi.

“Questa è la cosa brutta di questo sport. Sfortunatamente, è sempre stato così … Spero di poter cambiare idea in futuro”, ha detto Corriere della Sera.

“Ora ci sono piloti che decidono le politiche finanziarie per interi team. Ma non sono l’unico che ha perso il lavoro per questo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.