Analisi di primo passo: trading di criptovalute in Italia

Commercio di criptovalute

Transazioni in valuta fiat

Quali regole e regolamenti regolano lo scambio di valuta fiat e criptovalute?

Le aziende che forniscono servizi relativi allo scambio di valuta fiat e criptovalute devono registrarsi presso i Virtual Asset Service Provider (VASP) e rispettare gli obblighi antiriciclaggio (AML) italiani. A parte questi requisiti, non si applicano regole specifiche a queste attività di trading.

Borse e mercati secondari

Dove gli investitori possono scambiare criptovalute? Come sono regolamentati gli exchange, i sistemi di trading alternativi e i mercati secondari delle criptovalute?

Gli scambi che consentono il trading secondario di criptovalute che si qualificano come valute virtuali sono soggetti all’obbligo di registrazione nel registro VASP e rispettano gli obblighi antiriciclaggio italiani.

Se le criptovalute si qualificano come strumenti finanziari, le sedi in cui avviene la negoziazione (ovvero mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione e strutture organizzate di negoziazione) devono valutare se il sistema di negoziazione rientra nell’ambito di applicazione delle norme MiFID 2. Se uno scambio è gestito da una società che negozia per proprio conto contro gli ordini dei clienti, tale società può essere considerata operare per conto proprio in conformità con la MiFID 2 (e, di conseguenza, richiedere una licenza. Operando ai sensi della MiFID 2 struttura).

Nuove regole si applicheranno alle transazioni DLT una volta entrato in vigore il regime pilota DLT (Distributed Ledger Technology). Il regime pilota DLT introdurrà licenze specifiche per le imprese che desiderano gestire o fornire servizi di sicurezza e regolamento in relazione alle piattaforme di negoziazione DLT, che altrimenti si discosteranno dal regime MiFID 2 applicabile (ad esempio, consentendo alle persone di negoziare per conto proprio su piattaforma se sono soddisfatte determinate condizioni).

READ  Schizzi di lava dal Monte Edna, Italia

in custodia

Come sono regolamentati i custodi delle criptovalute?

I depositari di criptovalute che si qualificano come valute virtuali devono registrarsi presso il Registro VASP e rispettare gli obblighi antiriciclaggio italiani. Non ci sono requisiti specifici per i custodi di criptovalute che non si qualificano come valute virtuali.

I depositari di criptovalute che si qualificano come strumenti finanziari scambiati su una piattaforma di trading TLD devono essere autorizzati ai sensi del regolamento UE nell’ambito del regime pilota TLD a partire da marzo 2023.

Broker-rivenditori

Come sono regolamentati i broker-dealer di criptovalute?

Se le criptovalute si qualificano come valute virtuali, i broker-dealer di criptoasset devono essere registrati nel registro VASP e rispettare gli obblighi antiriciclaggio (AML) italiani. Se qualificabili come strumenti finanziari (es. token di sicurezza), i broker-dealer devono essere autorizzati ai sensi delle norme italiane di attuazione della MiFID 2.

Exchange decentralizzati

Qual è lo stato legale degli scambi decentralizzati di criptovaluta?

Non ci sono regole specifiche per gli scambi decentralizzati di criptovaluta. La domanda che solitamente si pone in questo caso è se valga la normativa italiana sui VASP o la normativa MiFID 2 sulle trading venues, data la natura decentralizzata della piattaforma. A seguito dell’entrata in vigore del regolamento UE sul regime pilota DLT nel marzo 2023, gli scambi decentralizzati di criptovalute qualificabili come strumenti finanziari possono essere soggetti ai requisiti di autorizzazione previsti da tale regolamento.

Scambi peer-to-peer

Qual è lo status legale degli scambi peer-to-peer (da persona a persona) di criptovalute?

Gli scambi peer-to-peer di criptovalute non sono soggetti a requisiti o regolamenti specifici. Come per gli exchange decentralizzati, la domanda che di solito si pone in queste situazioni è se si applicano le regole italiane sui VASP o le regole MiFID 2 sulle sedi di negoziazione data la natura peer-to-peer del commercio. Analoga problematica si pone in merito all’eventuale applicazione del regime autorizzativo previsto dal regolamento comunitario nel regime pilota DLT.

READ  Hamad Saeed Raghash: il viaggio di un ambizioso emiratino per diventare un'icona riconosciuta della cultura e del patrimonio

Trading con soggetti anonimi

La legge consente il trading di criptovalute con soggetti anonimi?

In linea di principio, il trading di criptovalute con soggetti anonimi non è vietato. Tuttavia, se la piattaforma in cui si svolge l’operazione è soggetta agli obblighi antiriciclaggio italiani, tutte le parti dell’operazione devono essere identificate dalla piattaforma.

Forex

Gli scambi di criptovalute straniere sono soggetti alle leggi e ai regolamenti nella tua giurisdizione che regolano gli scambi di criptovalute?

Secondo i principi generali della legge italiana, gli obblighi normativi italiani si applicano se il forex si rivolge a clienti italiani (direttamente o tramite agenti, distributori, venditori o promotori di terze parti, ecc.). Il fatto che il sito web dell’exchange sia disponibile in italiano è generalmente considerato una chiara indicazione che i clienti italiani sono presi di mira dal forex.

In quali circostanze un cittadino della tua giurisdizione può scambiare legalmente criptovalute con valuta estera?

Se l’exchange opera attivamente sul territorio italiano, la società che gestisce l’exchange deve essere registrata come VASP – le criptovalute si qualificano come valute virtuali ai sensi della legge italiana. Se le criptovalute si qualificano come strumenti finanziari, occorre prestare attenzione anche agli obblighi di licenza applicabili ai sensi delle norme italiane di attuazione della MiFID 2.

Le tasse

Ci sono passività fiscali sostenute sullo scambio di criptovalute (sia per altre criptovalute che per valute fiat)?

Non ci sono linee guida o regolamenti specifici in merito alle passività fiscali derivanti dallo scambio di criptovalute.

In generale, le criptovalute sono considerate valute estere dal fisco italiano. Secondo la procedura seguita dalle autorità fiscali in Italia, possono sorgere passività fiscali in relazione a plusvalenze derivanti dalla vendita di criptovalute.

READ  CTE per Kilo in Italia | Vertikal.net

Nello specifico, le passività fiscali si applicano se il proprietario di criptovalute detiene un importo di criptovalute superiore a una certa soglia (attualmente fissata a $ 51.645,69) per almeno sette giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.