Amazon ha fornito video del campanello Ring alla polizia statunitense 11 volte senza autorizzazione | Amazon

Amazon ha fornito filmati del campanello di Ring alle forze dell’ordine 11 volte quest’anno senza il permesso dell’utente, nonostante in precedenza avesse affermato che lo avrebbe fatto solo con il consenso.

La divulgazione è arrivata in una lettera della società annunciata mercoledì dal senatore Edward Markey ed è destinata a sollevare ulteriori preoccupazioni sulla privacy e sulla libertà civile in merito agli accordi di condivisione di video con i dipartimenti di polizia negli Stati Uniti.

Ring ha precedentemente affermato che non condividerà le informazioni sui clienti con la polizia senza l’approvazione o un’ingiunzione del tribunale o per circostanze “urgenti o di emergenza”. Il messaggio di Amazon afferma che 11 video condivisi quest’anno rientrano nella clausola di emergenza, la prima volta che l’azienda ha condiviso pubblicamente tali informazioni. La lettera, datata 1 luglio, non menzionava i video condivisi con la polizia.

Brian Haussmann, vicepresidente per le politiche pubbliche di Amazon, ha scritto nella lettera che in ogni caso, “Ring ha stabilito in buona fede che esisteva un rischio imminente di morte o gravi lesioni personali per una persona che richiedeva la divulgazione senza indugio”.

In questi casi, ha scritto Hausmann, Ring “si riserva il diritto di rispondere prontamente a richieste di informazioni urgenti da parte delle forze dell’ordine”, aggiungendo che la società prende una decisione su quando condividere filmati senza il consenso dell’utente in base alle informazioni fornite in caso di emergenza modulo di richiesta e le circostanze in cui Descritto dalle forze dell’ordine.

Alcune precedenti richieste delle forze dell’ordine hanno sollevato preoccupazioni su come la polizia stia cercando di utilizzare il filmato di Ring. L’anno scorso, il gruppo senza scopo di lucro per i diritti digitali Electronic Frontier Foundation ha riferito che il dipartimento di polizia di Los Angeles ha richiesto filmati Ring delle proteste di Black Lives Matter nel 2020.

L’ufficio di Markey ha dichiarato in una dichiarazione che i risultati mostrano una stretta relazione tra Ring, le forze dell’ordine e l’uso diffuso della piattaforma da parte della polizia.

Amazon ha affermato nella sua lettera che 2.161 forze dell’ordine sono registrate con l’app Ring’s Neighbors, un forum in cui i residenti possono condividere video sospetti catturati dalle telecamere di sicurezza nelle loro case. Quel numero rappresenta un aumento di cinque volte rispetto a novembre 2019, secondo l’ufficio del senatore.

“Come chiarisce la mia indagine in corso su Amazon, sta diventando sempre più difficile per il pubblico spostarsi, riunirsi e parlare in pubblico senza essere rintracciato e registrato”, ha affermato Markey in una nota.

Il senatore ha anche criticato la società per non aver chiarito che i prodotti remoti di Ring possono acquisire registrazioni audio. Ciò che il Ring raccoglie “dipende da molte condizioni, incluso il posizionamento del dispositivo e le condizioni ambientali”, ha affermato la società nella sua lettera di risposta.

La divulgazione di The Ring arriva quando Amazon deve affrontare un più ampio controllo antitrust al Congresso sulla sua attività di e-commerce e accuse di indebolire i commercianti che vendono sulla sua piattaforma creando “falsi” o prodotti molto simili e aumentando la loro presenza sul suo sito. . Markey e molti altri legislatori democratici stanno anche spingendo per un disegno di legge che vieterebbe l’uso della biotecnologia da parte delle agenzie federali e collegherebbe i finanziamenti delle sovvenzioni federali a stati e località con la condizione di vietare l’uso di questa tecnologia.

READ  "Evento di fusione massiccia" colpisce la Groenlandia dopo un'ondata di caldo record

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.