All’età di 51 anni, la carriera agonistica di Davide Rebellin è finalmente finita

Nelle ultime settimane, abbiamo visto alcuni dei più grandi nomi del nostro sport schiacciare le ruote. Alejandro Valverde, Vincenzo Nibali, Philip Gilbert – hanno ora completato le loro ultime gare da professionisti.

Detto questo, entrare a far parte di questo trio lo scorso fine settimana è stato un pilota con più esperienza di qualsiasi altro dei tre giganti di questo sport. Il pilota che ha accumulato 30 anni sbalorditivi come professionista prima di smettere.

Alla seconda edizione della Veneto Classic di domenica, una gara di Classe Tre di un giorno nell’Italia nord-orientale, il corridore locale David Rebellin ha tenuto duro per l’ultima volta, all’età di 51 anni.

Rebellin al suo ultimo spettacolo per la squadra domenica.

Rebellin è entrato in gara anticipando una giornata emozionante sulle sue strade locali.

Rebellin ha detto tramite a Comunicato stampa della squadra Alla vigilia della gara. “I 190 chilometri saranno molto speciali, durante i quali sicuramente verranno fuori per me delle emozioni. Avrò l’opportunità e il tempo di ripensare ai momenti belli e brutti che hanno caratterizzato la mia carriera, ma anche di beneficiare del supporto dei miei sostenitori”.

Rebellin ha iniziato l’ultimo evento UCI Europe Tour della stagione sentendosi positivo riguardo alle sue prospettive.

“Mi sento bene, sono in ottima forma e il percorso è come piace a me: con molti colpi di scena, ciottoli e ciottoli”, ha detto. “Insomma, sarò all’inizio per divertirmi e per poter gareggiare fino alla fine. Penso che sia il modo migliore per chiudere la mia carriera o almeno è quello che ho sempre desiderato”.

Rebellin inizialmente domenica.

Mark Hershey alla fine afferrò il bottino quel giorno, legando il duo principale della coppia Bella ma ripida salita di ghiaia 10 km dalla fine, prima di andare in solitaria fino alla fine. Non molto tempo dopo aver postato Hershey sul selciato di Bassano del Grappa, il suo compagno di squadra David Formolo alla fine si è unito a lui, realizzando un convincente 1-2 per il team Emirates.

READ  L'Inter ha intenzione di mantenere Matias Vecino per la prossima stagione, riportano i media italiani

Quattro minuti dopo, Rebellin ha tagliato il traguardo come capocannoniere della squadra italiana Work Service Vitalcare Vega, rispettato 30° posto.

“Così finisce una bellissima avventura, piena di forti emozioni e ricordi meravigliosi che porterò per sempre con gioia nel mio cuore”, ha poi postato Rebellin su Instagram. “Grazie a tutti voi e a tutti coloro che mi hanno accompagnato dal primo sciopero”.

Rebellin ha iniziato la sua carriera nel 1992, molto prima che nascesse il gruppo di oggi. Ha combinato un grande successo: negli anni 2000 è stato uno dei migliori corridori di classiche di un giorno al mondo, con tre vittorie a Flèche Wallone, Liegi-Bastogne-Liegi e Amstel Gold Race, tra molte altre. Confermato anche nelle corse a tappe di una settimana, vincendo alla Tirreno-Adriatico nel 2001 e alla Parigi-Nizza nel 2008, e tornando a tappe al Giro d’Italia nel 1996. In totale, ha 61 vittorie.

Ma la carriera di Rebellin non è stata senza i riflettori. Nell’aprile 2009 l’italiano è stato squalificato per due anni dopo che un test antidoping alle Olimpiadi di Pechino 2008 ha rivelato la presenza del CERA, un tipo di EPO. Rebellin è stato privato del suo argento dalla corsa su strada e ha trascorso due stagioni in disparte.

Sebbene l’inizio della carriera di Rebellin sia stato per lo più speso correndo per le migliori squadre di questo sport (quelle che ora conosciamo come le squadre del WorldTour), non è mai tornato in Prima Divisione quando è tornato dalla squalifica nel 2011. Dal 2013 al 2016 ha guidato la squadra polacca della Seconda Divisione CCC Sprandi Polkowice, prima di correre con una serie di squadre continentali dal 2017 fino alla sua ultima stagione.

Rebellin ha sconfitto il CCC Sprandi Polkowice nell’estenuante fase 3 del Tour of Turkey 2015, all’età di 43 anni.

La carriera di Rebellin sembrava finire a settembre 2021, quando aveva 50 anni, quando si frattura una gamba al Memorial Marco Pantani. Ma Rebellin era determinato a non lasciare che gli infortuni dettassero le regole quando ha smesso di correre: ha reagito attraverso un lungo processo di riabilitazione per unirsi al gruppo professionistico nel giugno 2022.

“Non volevo finire la mia carriera con una gamba rotta”, ha detto Rebelin. marchio all’inizio di quest’anno. “Volevo davvero gareggiare, dare il massimo dei risultati e ottenere buoni risultati. Inoltre non sono solo un ciclista ma anche il padre dei miei compagni di squadra. Voglio aiutarli e trasmettere la mia esperienza”.

L’ultima vittoria di Rebellin risale al 2017, alla quinta tappa del Tour Iran (Azerbaijan), ma i suoi risultati non sono stati imbarazzanti negli anni successivi. Proprio la scorsa stagione, è riuscito a finire tre delle prime 10 gare nelle gare UCI 2.1 e, nel giugno di quest’anno, era 11° nella gara UCI 2.1 Adriatica Ionica nel suo paese d’origine.

Rebellin in action at 2000 Liège-Bastogne-Liège, gara che ha vinto nel 2004 (Photo by Lars Runebog/Fronzonsport via Getty Images)

Rebellin conclude la sua carriera come figura polarizzante. È un pilota che ha goduto di molti dei suoi fan nel corso dei tre decenni, vincendo alcune delle più grandi gare del mondo lungo il percorso. Per alcuni, sarà per sempre un burlone della droga la cui carriera non vale la pena celebrare. Per altri, invece, è curioso: è un pilota la cui passione per lo sport gli ha permesso di correre fino alla cinquantina in un momento in cui i migliori atleti stanno diventando sempre più giovani.

E come ci si potrebbe aspettare da un uomo che ha fermamente rifiutato di andare in pensione per così tanto tempo, Rebellin non lascia il ciclismo completamente alle spalle ora che i suoi giorni di corse su strada sono finiti.

“Il ciclismo continuerà a far parte della mia vita e della mia vita di tutti i giorni”, ha affermato tramite la pagina Facebook di Workservice Vitalcare Vega. “Mi dedicherò al nostro progetto di sviluppo [team bike sponsor] Dynatek e gravel per bici da corsa [Rebellin recently finished 39th in the inaugural UCI Gravel World Championships – ed.]

“Ci saranno le gare. Amo ancora pedalare e voglio continuare a farlo, ma in un modo diverso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.