Agli italiani viene impedito di abusare dei condizionatori d’aria nel tentativo di risparmiare energia e porre fine alla dipendenza dal gas russo

Gli italiani potrebbero affrontare una lunga estate calda con l’intenzione di limitare l’aria condizionata nelle scuole e negli uffici pubblici ad almeno 25°C.

Soprannominato il “termostato in funzione”, lo schema di razionamento dell’energia sta aiutando il paese ridurre la sua dipendenza dal gas russo. Sebbene non sia ancora una legge, questa modifica al decreto energia italiano è stata approvata dalla Commissione Ambiente e Imprese di Stato.

Il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta ha affermato che le nuove regole potrebbero far risparmiare 2-4 miliardi di metri cubi di gas nel 2022, all’incirca la stessa quantità del consumo medio annuo di gas di 2,7 milioni di abitazioni.

“Vogliamo la pace o vogliamo l’aria condizionata?” ha chiesto il premier Mario Draghi all’inizio di questo mese.

Ha promesso di rispettare se l’Unione europea deciderà di imporre un divieto al gas russo e ha affermato che se le forniture fossero interrotte oggi, le riserve del paese sarebbero durate fino alla fine di ottobre.

Draghi ha anche suggerito che lo spegnimento degli impianti di condizionamento e riscaldamento potrebbe essere un modo per ridurre il consumo di energia durante l’attuale crisi.

L’Italia importa il 95 per cento del gas che utilizza e il 40 per cento proviene dalla Russia. Ha cercato opzioni alternative dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, comprese quelle nuove Accordi per l’importazione di gas dall’Angola, dall’Algeria e dalla Repubblica del Congo.

Giovedì scorso, i ministri hanno affermato di ritenere che l’Italia sarebbe in grado di terminare il suo accreditamento entro 18 mesi dopo aver precedentemente affermato che potrebbero essere necessari fino a due anni.

READ  L'ufficio statistico italiano taglia le previsioni di crescita, avverte di "forti rischi al ribasso"

Quali sono le nuove norme in materia di climatizzazione in Italia?

Le regole entreranno in vigore il 1 maggio e dureranno fino al 31 marzo 2023, secondo quanto riportato dal quotidiano italiano Corriere della Sera.

Attualmente, le autorità locali possono determinare i mesi dell’anno di riscaldamento e sistemi di raffreddamento Può essere utilizzato – ma non la temperatura. Il nuovo emendamento lo cambierà.

Oltre a limitare l’aria condizionata a 27 gradi Celsius durante l’estate, il riscaldamento Negli edifici pubblici non sarà superiore a 19°C durante l’inverno. C’è una barriera di due gradi su entrambi i lati, il che significa che gli edifici pubblici non saranno raffreddati a una temperatura inferiore a 25°C o riscaldati a una temperatura superiore a 21°C.

Finora, l’operazione Termostato include scuole, uffici postali e altri edifici governativi del paese. Le multe possono variare da 500 euro a 3.000 euro per chi non rispetta ma non è ancora chiaro come verranno applicati questi limiti di temperatura.

Le regole non si applicano nemmeno agli ospedali o alle case di cura, ma il governo spera che le imprese private e le persone nelle loro case seguano l’esempio per sostenere gli sforzi di risparmio energetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.