Affronta il famoso Passo della Futa in Toscana con la prima V6 Spyder della Ferrari

Ma è la 296 GTS la compagna perfetta per un’estate in Europa con la capote abbassata. Ecco dove mi sono ritrovato ad ottobre.

Sulla strada per Bologna, sono stato felice di vedere la Ferrari e lei I team AlphaTauri di Formula Uno erano seduti nello stesso posto Immaginavo che il mio volo sarebbe stato in cabina business class, magari tornando a casa dopo il Gran Premio del Giappone. Di buon auspicio per il nostro viaggio on the road sulla Ferrari 296 GTS, forse?

Dopo un famoso selfie con il pilota della Ferrari Carlos Sainz, mi stavo dirigendo verso l’Executive Spa Hotel di Modena, dove è iniziato il nostro viaggio, a 20 minuti da Maranello, la famosa casa della Ferrari.

Potrebbe essere quasi metà ottobre, ma la regione gode ancora di un po’ di sole residuo dell’estate e non possiamo resistere alla tentazione di abbassare la capote per il viaggio che ci aspetta.

In soli 14 secondi, il robusto tettuccio in alluminio della 296 GTS a due posti era ben imballato (quasi non il migliore del settore, ma abbastanza buono) ed ero sulla buona strada. Il meccanismo si ritrae (o si apre) a 45 km/h e aggiunge solo 70 kg in più di peso al veicolo rispetto al suo fratello non-spider.

“Piccolo V12”

La 296 GTS vanta il primato di essere la prima Ferrari Spider stradale con motore V6; Il suo nome deriva dalla cilindrata totale dell’auto (2.992 cc) e il numero di cilindri e la compressione Gran Turismo Spider.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.