A differenza della Russia di Putin, l’Occidente non sa cosa vuole nell’est Europa | Timothy Garton Ash

UNs Le truppe russe si ammassano sul frontiere dell’Ucraina, minacciando la più grande guerra in Europa dal 1945, il mondo intero sta cercando di indovinare le intenzioni di Vladimir Putin. Ma la domanda strategica che le democrazie europee e nordamericane devono porsi è: cosa sono nostro intenzioni?

L’obiettivo a lungo termine di Putin nell’Europa orientale è, infatti, perfettamente chiaro. Vuole ripristinare il più possibile l’impero, lo status di grande potere e la sfera di influenza che la Russia ha perso così 30 anni fa, con la disintegrazione dell’Unione Sovietica nel dicembre 1991. Sono solo le sue tattiche che ci fanno tirare a indovinare. Dal 2008, quando si è assicurato due secessionisti pezzi della Georgia con la forza, e sicuramente dal suo sequestro della Crimea nel 2014 è stato evidente che è pronto a usare qualsiasi mezzo, dalla diplomazia e disinformazione agli attacchi informatici e alla guerra vera e propria.

L’Occidente ha contribuito a questa crisi con la sua confusione e il suo disaccordo interno sul suo obiettivo strategico nell’Europa orientale. In sostanza, l’Occidente – se si può ancora parlare di un unico Occidente geopolitico – ha passato gli anni dal 2008 a non decidere tra due diversi modelli di ordine in Eurasia, invece di perseguire un po’ entrambi e nessuno dei due correttamente. Possiamo chiamare questi modelli, in stenografia, Helsinki e Yalta. L’obiettivo immediato dell’Occidente deve essere quello di scoraggiare un’invasione russa Ucrainama dietro c’è questa scelta più ampia.

Sulla carta, tutti in Occidente aderiscono al modello di Helsinki: un’Europa di Stati democratici uguali, sovrani e indipendenti, che rispettano lo stato di diritto e si impegnano a risolvere tutte le controversie con mezzi pacifici. Ha iniziato a essere sviluppato nell’accordo dell’Atto finale di Helsinki del 1975, è stato pienamente articolato nella Carta di Parigi per una Nuova Europa nel 1990 ed è ora istituzionalizzato nell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Più stimolante, l’obiettivo è riassunto nelle parole che Harvey Sicherman, un diplomatico americano ormai dimenticato, ha scritto in un discorso del presidente George HW Bush:L’Europa intera e libera … e in pace”.

READ  Un uomo di 78 anni è morto per un infarto causato da un arresto israeliano, secondo l'autopsia | Territori palestinesi

Il modello alternativo è Yalta. Il Vertice del febbraio 1945 tra Joseph Stalin, Franklin D Roosevelt e Winston Churchill a Yalta in (oh, ironia della storia) la Crimea è diventata sinonimo di grandi potenze che tagliano l’Europa nelle sfere di influenza occidentali e orientali. La Russia è recente proposte massimaliste agli Stati Uniti e alla Nato equivale a chiedere ciò che gli analisti russi hanno effettivamente chiamato “Yalta 2”. Solo pochi schietti “realisti” soi-disant in Occidente approvano esplicitamente questo modello, ma molti più efficacemente aderiscono a una versione dell’accettazione delle sfere di influenza.

Mostrare i doppi standard che hanno caratterizzato l’approccio dell’Europa occidentale all’est Europa Per secoli, le persone che sarebbero state totalmente indignate dall’idea che la Polonia potrebbe avere un veto su quale alleanza dovrebbe aderire la Germania, o la Gran Bretagna sulla Francia, sono abbastanza felici di dare alla Russia un veto sulle scelte di alleanza dell’Ucraina. Europei occidentali che urlerebbero “Fascismo!” A qualsiasi suggerimento che le rivendicazioni territoriali possano essere basate sull’esistenza di una minoranza danese nella Germania settentrionale o di una minoranza di lingua tedesca nell’Italia settentrionale, trovo “comprensibile” che Mosca faccia tali affermazioni sull’Ucraina. A Bruxelles ea Parigi ci sono molti piccoli europei (per analogia con i piccoli inglesi) per i quali anche l’UE di oggi si è estesa troppo a est.

A volte Yalta è effettivamente occultata a Helsinki. Se, di fronte a un aggressore pronto a usare mezzi violenti per destabilizzare e smantellare uno Stato europeo, ti rifiuti di fornire armi difensive all’Ucraina e ti affidi solo ai monitori dell’OSCE e ai negoziati diplomatici, stai in effetti concedendo Yalta fingendo di fare Helsinki . Stai rendendo la guerra più probabile non difendendo la pace. Socialdemocratici tedeschi – un tempo gli inventori della versione brillantemente innovativa della distensione della Germania occidentale nota come Ostpolitik – sono attualmente l’Esposizione A globale del pensiero confuso, dell’autoinganno e della totale ipocrisia che ciò comporta. Rappresentano una specie di Yalta vergognosa, la Yalta che non osa pronunciare il suo nome.

READ  L'evento meteorologico spaziale offre maggiori possibilità di vedere l'aurora boreale in tutto il Regno Unito

Da quando un’importante lite intra-occidentale al vertice della NATO del 2008 ha prodotto il pessimo compromesso di una dichiarazione pubblica secondo cui l’Ucraina e la Georgia si unirebbe alla Nato In combinazione con una comprensione privata secondo cui la Nato non avrebbe fatto nulla di serio per farlo accadere, l’Occidente è rimasto bloccato in questo stato di confusione strategica. Da allora, l’Occidente è stato solo per metà aperto all’Ucraina, sostenendo per metà la sua indipendenza, integrità territoriale e transizione verso uno stato europeo vitale, sovrano e democratico. L’Ucraina non è nella Nato, né lo sarà presto, ma la Nato è in Ucraina. Gli stati membri della Nato, compresi gli Stati Uniti e il Regno Unito, hanno fornito armi e vi hanno personale di addestramento militare. L’Ucraina non è nell’UE, né lo sarà presto, ma l’UE è in Ucraina. L’UE ha programmi significativi per sostenere la transizione politica, economica e ambientale del paese.

L’Occidente ha finalmente bisogno di fare la scelta strategica. Dovremmo seguire con decisione il modello di Helsinki. I paesi attualmente nell’UE e nella Nato dovrebbero dedicarsi, con pazienza e coerenza, all’obiettivo di un’Europa intera, libera e in pace, non solo dicendolo, ma nel senso.

Una componente essenziale di questa visione a lungo termine è l’apertura a una Russia post-Putin genuinamente democratica. Quando alcuni uomini di stato più anziani dell’establishment della sicurezza tedesca lo hanno recentemente proposto L’adesione alla NATO dovrebbe essere offerta alla Russia, alcuni potrebbero aver liquidato questo come una selvaggia russofilia tedesca. Ma in linea di principio avevano esattamente ragione. Di fronte a una superpotenza cinese assertiva, ci sono tutte le ragioni per cui una Russia democratica sarebbe un membro altamente desiderabile di un’alleanza di sicurezza difensiva che collega il Nord America, l’Europa e l’Eurasia. Il rapporto con l’UE sarà più complicato, ma l’architettura europea ospita già importanti paesi che non sono membri dell’UE. Sto scrivendo queste parole in una di esse.

READ  Il killer norvegese Anders Breivik inizia la sua udienza sulla libertà vigilata con un saluto nazista

Quindi questa strategia è anti-Putin, ma filo-russa. Alcuni anni fa, anche la maggioranza dei russi avrebbe potuto rifiutare questa distinzione, accettando implicitamente l’affermazione zarista di Putin “La Russie, c’est moi”. Non più. Non è chiaro se anche una rapida riconquista di un altro angolo dell’ex impero russo, in quella che oggi è l’Ucraina, aumenterebbe in modo significativo la sua crescente popolarità in patria, come il sequestro della Crimea fatto sicuramente nel 2014. Così spaventato è il regime di Putin Alessio Navalnyun avversario politico che dice di volere che la Russia “segua la via europea”, che è stato fatto un tentativo per avvelenarlo e ora è rinchiuso in un campo di prigionia.

In politica e diplomazia, come in altri ambiti della vita, è necessaria una capacità di compromesso e di convivenza con disposizioni imperfette e provvisorie. Ma dovresti anche sapere cosa vuoi. Putin lo fa. Anche noi dovremmo.

  • Guardian Newsroom: La Russia invaderà l’Ucraina? Unisciti a Mark Rice-Oxley, Andrew Roth, Luke Harding, Nataliya Gumenyuk e Orysia Lutsevych per discutere degli sviluppi con Russia e Ucraina martedì 8 febbraio, alle 20:00 GMT | 21:00 CET | mezzogiorno PDT | 15:00 EDT. Prenota biglietti qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.